Teatro Comunale di Bologna: si conclude ad agosto 2021 la collaborazione con il Maestro del coro Alberto Malazzi che va alla Scala

Alberto Malazzi, Maestro del Coro del Teatro Comunale di Bologna dal 2019, resterà in carica per tutti gli appuntamenti programmati in estate fino al prossimo agosto 2021 e in seguito terminerà la sua collaborazione con il teatro felsineo per iniziare il nuovo incarico al Teatro alla Scala di Milano. (Sopra il titolo: Alberto Malazzi, ph. Andrea Ranzi)

«Sono naturalmente dispiaciuto – dice il Sovrintendente Fulvio Macciardi – che si concluda la collaborazione con un professionista e una persona di grande qualità come il Maestro Malazzi, che ha dato lustro al teatro lavorando intensamente e ad alto livello con il nostro Coro, ottenendo eccellenti risultati e meritando la stima di tutti per il prezioso lavoro svolto. Sono però allo stesso tempo felice per il suo incarico alla Scala e gli auguro il meglio per il futuro e per il suo percorso professionale».

«Guardo con soddisfazione e affetto al periodo trascorso a Bologna in questi due anni e mezzo – commenta Alberto Malazzi –. Abbiamo lavorato benissimo e realizzato produzioni importanti che hanno avuto forse il loro culmine con la Missa solemnis di Beethoven che ha aperto la Stagione Sinfonica 2020: una pagina che è una sfida enorme per il Coro e che è stata affrontata con professionalità e qualità. Penso anche alla mia prima opera, Il Trovatore di Verdi che ha inaugurato la Stagione lirica 2019, o ancora nello stesso anno la Turandot di Puccini e la Luisa Miller per la collaborazione al Festival Verdi di Parma; non ultima l’Adriana Lecouvreur di Cilea realizzata nel febbraio 2021 con Rai Cultura per Rai5. Vorrei ringraziare il Coro anche per l’impegno e la disponibilità mostrata in questo anno difficilissimo, dove abbiamo realizzato moltissimi concerti per lo streaming offrendo anche brani del repertorio cameristico a un livello altissimo».

Il nuovo Maestro del Coro del Teatro Comunale di Bologna verrà annunciato prossimamente.

 

Lascia un commento