ditta1

Spezie e sapori mediorientali: Philip Juma “chef in missione” presenta la cucina irachena a Ditta Artigianale Oltrarno

In cantina e in cucina

Foglie di vite, cipolle e peperoni marinati in tamarindo, aglio, succo di melograno, spezie aromatiche. Venerdì 7 aprile 2017 alle 20 i profumi e i sapori del Medio Oriente arrivano in Ditta Artigianale Oltrarno (via dello Sprone 3/5r) con Iraqui pop up dinner, la cena che vedrà protagonista lo chef di origini anglo-irachene Philip Juma, astro nascente della nuova cucina mediorientale e fondatore delle celebri supper club e dei ristoranti pop up Juma Kitchen, che stanno spopolando a Londra. Tra gli ospiti speciali dell’ottava edizione del festival Middle East Now (4/9 aprile a Firenze), Juma si definisce uno “chef in missione” con lo scopo di dimostrare che l’Iraq è qualcosa di più che una guerra; per questo da anni porta la tradizione culinaria del paese di suo padre in giro per il mondo, rivisitandola con un tocco di contemporaneità (prezzo: 30€).

Lo chef Philip Juma

Nella cucina irachena note indiane di coriandolo, cardamomo, zafferano e cumino si fondono con suggestioni tipicamente mediorientali, che lo chef rielabora utilizzando moderne tecniche di cottura e in stile Michelin, pur rimanendo fedele ai sapori della sua infanzia. In tavola ci saranno pollo allo zafferano con patate e cipolle croccanti, kubba hamuth, ovvero ravioli di agnello in salsa al pomodoro con un tocco di olio di menta, sgombro glassato con lime e tamarindo servito in salsa di mango, i tipici dolma, foglie di vite ripiene di cipolle e peperoni, cotte in succo di limone e melograno, insalata fattoush di verdure e pane croccante, e per finire un dolce al cardamomo ispirato ai tipici biscotti kleicha, considerati il dessert nazionale iracheno.

Fondatore e head chef di Juma Kitchen, progetto che unisce catering, ristoranti pop up e servizio di private chef, Philip Juma è stato influenzato sia dalla gastronomia europea moderna che dalla cucina irachena della famiglia del padre, arrivato da Mosul nel 1971. “Ho un ricordo vivido di lui che porta fuori dalla cucina un enorme vassoio di Dolma, per le occasioni speciali. Gli odori, il vapore che sale e la presentazione del piatto erano eccezionali!” – racconta. Ristoratore autodidatta che ha saputo promuovere l’immagine della cucina mediorientale a Londra, fino a farne quel fenomeno di tendenza che ha conquistato il pubblico inglese e che prende il nome di Iraqi Cuisine, Juma è anche autore di una rubrica settimanale sulle pagine del prestigioso quotidiano inglese Evening Standard.

Info e prenotazioni: Ditta artigianale Oltrarno, via dello Sprone 3/5r —  055 045 7163 –info@dittaartigianale.it — www.dittaartigianale.it

Lascia un commento