Soccorsi dalla Guardia costiera due coniugi al largo di Livorno: il loro natante imbarcava acqua. Intervenuti anche i Vigili del fuoco

Focus, Livorno

Momenti di apprensione a bordo di un’imbarcazione per due coniugi livornesi che, mentre navigavano a circa 6 miglia dalla costa labronica, si sono accorti che da una delle prese a mare dello scafo entrava acqua, che provocava l’arresto del motore. 

Immediata è partita la richiesta di aiuto, tramite numero blu 1530, alla sala operativa della Guardia Costiera di Livorno che ha subito inviato sul posto la motovedetta CP 867 “Search and Rescue”, che in circa 15 minuti raggiungeva l’unità in difficoltà, prestando i primi aiuti. Nel frattempo veniva allertato il mezzo navale dei Vigili del Fuoco che ugualmente dirigeva sul punto iniziando le operazioni di svuotamento della sentina. Fortunatamente la quantità di acqua in ingresso era comunque limitata e questo ha consentito all’imbarcazione di rimanere in galleggiamento. 

Vista l’impossibilità del natante di navigare autonomamente, lo stesso veniva assistito e scortato dalle unità di soccorso sino al rientro all’ormeggio nel porticciolo Nazario Sauro a Livorno dove giungeva dopo circa due ore.  Molto spavento dunque ma nessuna conseguenza per i due occupanti.  

La Guardia Costiera ricorda di controllare sempre la piena efficienza della propria imbarcazione prima di iniziare la navigazione. 

Lascia un commento