“Skylight-Il cielo sopra il letto”: al Goldoni di Livorno (venerdì 10 gennaio) il testo di David Hare con Luca Barbareschi e Lucrezia Lante della Rovere. A Prato due serate (l’11 e il 12) con Rocco Papaleo e “Coast to Coast”

Livorno, Prato, Teatro e Danza
  • LIVORNO / Al Goldoni va in scena “Il cielo sopra il letto” con Lucrezia Tante della Rovere e Luca Barbareschi

Dopo il debutto nazionale avvenuto lo scorso mese al Teatro Eliseo di Roma, arriva venerdì 10 gennaio 2020 alle ore 21 al Teatro Goldoni di Livorno per la stagione di prosa “Il cielo sopra il letto -Skylight”, pluripremiato testo dello scrittore, sceneggiatore e regista di culto britannico David Hare. Interpretato da Lucrezia Lante della Rovere, Luca Barbareschi (che ne firma traduzione e adattamento oltre che la regia) e Paolo Marconi, “Il cielo sopra il letto” esplora la complessa e drammatica relazione tra Saverio, imprenditore benestante e vedovo, ed Elisabetta la sua giovane ex-amante, insegnante in una scuola di periferia.

Il cielo sopra il letto – Luca Barbareschi e Lucrezia Lante della Rovere – Foto Fabio Lovino
Lucrezia Tante della Rovere e Luca Barbareschi (ph. Fabio Lovino)

 

A un triennio di distanza dall’improvvisa e silenziosa fuga di lei, e un anno dopo la morte della moglie di lui, il divario tra i due sembra divenuto incolmabile: ne scaturisce una lancinante disputa sia amorosa che civile, un incontro che si trasforma al tempo stesso un insanabile dissidio tra due solitudini, tra due mondi, due età, tra la cultura conformista di lui e l’anticonformismo di lei. 

Il testo racconta così l’incontro di una sola notte, tra i due ex innamorati, una notte in cui si riaccendono sia la passione erotica di un tempo sia le differenze ideologiche, unite ad un senso di colpa schiacciante che li porterà ancora una volta ad una separazione lacerante e allo stesso tempo inevitabile

Il cielo sopra il letto – Luca Barbareschi e Lucrezia Lante della Rovere – foto Federica Di Benedetto-media-6
“Il cielo sopra il letto-Skylight” (ph. Federica Di Benedetto, anche la foto sopra il titolo))

“David Hare è uno dei più grandi autori britannici del nostro periodo ed è anche il più controverso – ha dichiarato Luca Barbareschi – Il cielo sopra il letto è una bellissima storia che pur essendo una straordinaria introspezione di un rapporto uomo-donna, riesce a diventare mirabilmente uno statement politico su quello che è lo scontro psicologico tra politically correctness e pensiero razionale logico. Lui è un uomo pratico, ma intellettualmente onesto. Lei riflette l’anima di Hare, è il personaggio nel quale si identifica. Lo sguardo dell’autore su questi due personaggi non è di chi giudica. Il cielo sopra il letto è una commedia romantica e al tempo stesso comica, perché lo scontro politico crea dei momenti esilaranti dovuti ai differenti punti di vista”.

Esponente di una nuova generazione, Hare affida al figlio di Saverio il compito di mediare tra le solitudini di due ex intimi ora così concettualmente distanti e invocare una qualche solidarietà che, ai suoi occhi giovani, prescinde dalle barriere sorte tra il progressismo assistenziale di lei e il prototipo di una cultura affaristica rappresentata dalla figura paterna.

Skylight è stato originariamente prodotto dal National Theatre nel 1995, prima del trasferimento al West End e a Broadway, e ha vinto il Laurence Olivier Award come migliore nuova opera teatrale. Nel 1997 con la produzione che mise il testo in scena a Broadway, Skylight si è aggiudicato anche il Tony Award al miglior revival di un’opera teatrale. 

La nuova produzione è realizzata dal Teatro Eliseo di Roma. Le scene sono di Tommaso Ferraresi, costumi di Federica De Bona, luci di Pietro Sperduti, musiche di Marco Zurzolo.

Prezzi: posto unico numerato intero € 28, ridotto € 26, giovani under 25 € 16.

  • La biglietteria del Goldoni è aperta il martedì e giovedì ore 10-13 e il mercoledì, venerdì, sabato in orario 16.30-19.30; tel.0586204290. I biglietti per tutti gli spettacoli sono inoltre in vendita nei punti  TicketOne oppure on line collegandosi a www.goldoniteatro.it. – www.ticketone.itwww.boxofficetoscana.it.

*******************

  • PRATO / Al Politeama Pratese l’11 e 12 gennaio arriva Rocco Papaleo con “Coast to Coast”

La Stagione Teatrale del Politeama Pratese apre il 2020 con un viaggio, quello che il poliedrico attore lucano Rocco Papaleo e Valter Lupo invitano a intraprendere l’11 e il 12 gennaio.

Foto-artwork-Papaleo-Inverno

Coast to coast è il viaggio di oltre 25 anni di Papaleo (foto Artwork)nell’esperienza del teatro-canzone; uno show come un diario da sfogliare a caso, fatto di pensieri sparsi, brevi annotazioni e rime lasciate in sospeso che si fanno parole in musica, in un riuscito esperimento con un occhio a Gaber e uno alla Basilicata. Uno spettacolo antologico con la sospirata attitudine all’interazione e al gioco che ha sempre lo stesso punto di partenza, ma una meta sempre nuova e una strada sempre diversa per raggiungerla.  “Coast to coast – come scrivono gli autori – è l’impossibilità di fermarsi, comprendere di essere transitori e che tutto è provvisorio, e per questo meravigliarsi sempre; che più o meno, è il senso del viaggio che compiamo tutti i giorni, finché ci è concesso di guardare fuori dal finestrino”.

Se uno spettacolo ha bisogno di una presentazione, vale il sospetto che non si presenti da solo. Viceversa, se si presenta da solo, vale il sospetto che la presentazione è superflua. Nel dubbio, più che parlare dello spettacolo, parliamo di voi. Come state? Che fate stasera? Andate a teatro? Volendo, abbiamo una cosetta da proporvi. S’intitola Coast to coast.

Che suggerisce l’idea di un viaggio, ma in effetti è un po’ vago. Non precisa se di piacere o di lavoro. Se di sola andata o prevede un ritorno. Non dice da dove a dove. Non indica un’andatura: lenta? veloce? risoluta? vagabonda? Non definisce nulla, se non l’intenzione di uno spostamento. Agevole? Impegnativo? Sconsigliabile? Sicuro? Concreto? Metaforico? 

E poi, chi è a spostarsi? Una persona? Una comitiva? Un popolo? Ci sono confini da attraversare? Vocabolari da consultare? Diffidenze da superare? La verità è che nemmeno noi lo sappiamo di preciso. È solo un’idea di mettersi in movimento. Un desiderio di sentirsi stranieri, di ascoltare voci che non siano le nostre, anche a costo di non capirle. Un viaggio prevede soste, accampamenti e bivacchi, a patto che lascino tracce del nostro passaggio… Una pentola rimasta sul fuoco, l’eco di una canzone che ci ha tenuto compagnia, di un racconto che ci ha fatto sorridere o immalinconire… Cose che vengano buone per altri viaggiatori. 

E poi Coast to coast vale anche per tragitti di altra natura. Da un malessere a un’allegria, da un malinteso a un accordo, da uno sgarbo a una gentilezza. Percorsi che non si misurano in chilometri, ma nella fatica necessaria per ricomporre il sentimento che ci separa dalle persone che non vogliamo perdere. 

 “Ok, ma qualcosa di più preciso? Cioè, al di là delle suggestioni, di cosa parla veramente ‘sto spettacolo?”.  Beh, se uno spettacolo ha bisogno di una presentazione, vale il sospetto che non si presenti da solo. Viceversa, se si presenta da solo, vale…

  • Sabato 11 gennaio, ore 21.00 (Turno A)
  • Domenica 12 gennaio, ore 16.00 (Turno B)

COAST TO COAST

con Rocco Papaleo

di Rocco Papaleo e Valter Lupo

prodotto da Carlo Pontesilli e Rocco Papaleo

Rocco Papaleo, voce
Arturo Valiante, pianoforte
Guerino Rondolone, contrabbasso
Davide Savarese, batteria e percussioni
Giorgio Tebaldi, trombone

Prezzi biglietti

Poltrona I° Settore € 28,00 + € 2,00 Dir. Prev. *Ridotto € 26,00 + € 2,00 Dir. Prev.

Poltrona II° Settore € 26,00 + € 2,00 Dir. Prev. *Ridotto € 24,00 + € 2,00 Dir. Prev.

Galleria € 24,00 + € 2,00 Dir. Prev. *Ridotto € 22,00 + € 2,00 Dir. Prev.

Riduzione su richiesta: over 65 – associazioni culturali e Cral (minimo 15 abbonamenti o biglietti); 

non si effettuano riduzioni per le rappresentazioni del sabato.

Orario della biglietteria: dal martedì al sabato dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 17,00 alle 19,30; mezz’ora prima dell’orario d’inizio dei singoli spettacoli. 

Giorno di chiusura: lunedì salvo spettacoli in programmazione.

Per informazioni e prevendita: Teatro Politeama Pratese 

Via G. Garibaldi 33 – PRATO | Tel. 0574 603758 

 e-mail: teatro@politeamapratese.comwww.politeamapratese.com

 

 

Lascia un commento