Sipari Aperti a Pistoia, domenica 11 luglio alle 19.30 al Piccolo teatro Bolognini concerti della pianista quattordicenne Alexandra Dovgan

Il Piccolo Teatro Mauro Bolognini torna ad aprire le sue porte domenica 11 luglio 2021 (ore 19.30) per il recital della pianista quattordicenne Alexandra Dovgan (sopra il titolo, ph. di Oscar Tursunov)che proporrà un programma di estremo interesse, in grado di mettere in luce le sue eccellenti doti interpretative: di Johann Sebastian Bach la Partita n. 2 in do minore BWV 826, di Robert Schumann “Scene dal bosco”, op. 82, di Fryderyk Chopin la Ballata n. 1, op. 23, la Ballata n. 2, op. 38 e, a chiusura, l’Andante Spianato e Grande Polacca Brillante op. 22.

Il concerto rientra nella sezione di Musica da Camera, a cura di Massimo Caselli, del cartellone SIPARI APERTI dell’Associazione Teatrale Pistoiese realizzato in collaborazione con Fondazione Pistoiese Promusica. 

Così il grande pianista Grigory Sokolov si è espresso sul talento straordinario di Alexandra Dovgan: “la definizione di “bambina prodigio” non è adatta a questa pianista giovanissima, perché questo miracolo non ha nulla di infantile. Ascoltandola sentirete suonare un adulto, una personalità. Mi fa piacere notare la maestria della sua formidabile insegnante, Mira Marchenko, ma ci sono cose che non si possono insegnare. Il talento di Alexandra Dovgan è armonioso in modo raro, la sua maniera di suonare è autentica e concentrata. Prevedo un grande futuro per lei”. 

Nata nel 2007 in una famiglia di musicisti, Alexandra Dovgan inizia i suoi studi di pianoforte all’età di quattro anni e mezzo. Il suo straordinario talento viene subito notato e, a cinque anni, entra nella rinomata Scuola Centrale del Conservatorio di Mosca dove attualmente studia sotto la guida di Mira Marchenko. È  già vincitrice di vari concorsi nazionali e internazionali.La giovane pianista ha già suonato in alcune delle più prestigiose sale da concerto europee (Concertgebouw di Amsterdam, Festival di Salisburgo, Théâtre des Champs-Elysées di Parigi, Roma, Barcellona, Gstaad, Klavierfestival Ruhr, Monaco, San Pietroburgo e Mosca). È stata diretta da Valery  Gergiev, Vladimir Spivakov e Vladimir Fedoseyev. Nel dicembre 2018 la sua performance con Denis Matsuev e Valery Gergiev ha inaugurato il Mariinsky International Piano Festival mentre a gennaio 2019 ha fatto il suo debutto alla Philharmonie di Berlino. Lontana dal pianoforte, Alexandra passa il suo tempo sciando, suonando l’organo, studiando balletto e matematica e giocando con il fratello più piccolo di 6 anni.

La stagione di Musica da Camera proseguirà in luglio con il concerto dell’arpista Anais Gaudemard (Piccolo Teatro Mauro Bolognini, 24 luglio ore 21.15) 

  • SIPARI APERTI è promosso e realizzato da Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale, con il fondamentale sostegno dei due principali soci ATP, Comune di Pistoia e Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, del Ministero della Cultura, della Regione Toscana ed il prezioso contributo di Far.com, Unicoop Firenze e Toscana Energia, partner istituzionali di tutta l’attività. 

_________________________________________________

Durata concerto: 1 ora e 30 minuti (senza intervallo)

Prevendita in corso alla biglietteria del Teatro Manzoni (0573 991609 – 27112 dal martedì al giovedì ore 16/19 e, nei giorni di venerdì e sabato, ore 11/13 e 16/19) – on line su www.teatridipistoia.it e www.bigliettoveloce.it

Biglietti: 15,00 intero/10,00 ridotto

Riduzioni previste per  possessori della Carta Fedeltà Far.com, soci Unicoop Firenze, Over65, Under30, abbonati delle stagioni ATP (prosa, sinfonica e cameristica) e iscritti alla Scuola di Musica e Danza “T. Mabellini” di Pistoia. 

Le capienze così come l’ingresso del pubblico in sala rispetteranno le vigenti normative Covid-19, con biglietti nominativi e non cedibili, misurazione della temperatura, igienizzazione delle mani, distanziamento e mantenimento della mascherina (chirurgica o FFP2) per tutta la durata dello spettacolo. I concerti inizieranno rigorosamente all’orario indicato. 

 

Lascia un commento