alesando benvenuti in scena

Signori, è quasi Natale. E allora “Benvenuti in casa Gori”

Firenze, Teatro e Danza

Per il quarto anno consecutivo torna a Firenze al Teatro di Rifredi, da giovedì 24 a domenica 27 novembre 2016 (feriali alle 21, festivi alle 16.30), “Benvenuti in casa Gori”, il successo senza fine scritto da Alessandro Benvenuti e Ugo Chiti nel lontano 1986. Per Benvenuti (immagine del Gruppo Fotografico Ideavisiva) l’essenza dello spettacolo sta tutta nell’urlo finale: quell’urlo selvaggio e liberatorio che il nostro emette al termine della gimcana vocale di questo sfolgorante monologo-concerto mozzafiato, frutto di una magica alchimia drammaturgica e interpretativa, che negli anni continua a sferragliare con intatta bellezza e integro senso.

Facendo di necessità virtù, Benvenuti si accollò l’interpretazione di tutti i componenti della famiglia Gori riuniti intorno al desco il giorno di Natale del 1986, in quel di Pontassieve. Si ritrovano in dieci: Gino Gori il capofamiglia, il novantenne Annibale Papini, sua figlia maggiore Adele moglie di Gino e il loro figlio Danilo, Cinzia, la di lui fidanzata, Bruna secondogenita di Annibale, Libero, suo marito, Sandra, la loro figlia; Luciano, marito di quest’ultima e la piccola Samantha (il th è importante) di due anni, frutto del matrimonio di Sandra e Luciano. Inoltre via etere, avrebbe dovuto essere presente anche Carol Wojtyla, ma quel giorno il Santo Padre, strano a dirsi, si fece attendere in televisione il più del dovuto. E fu proprio aspettando l’Urbi et Orbi che i dieci, in mancanza di un’alternativa ragionata, non poterono fare a meno di ingannare il tempo tirando fuori il catalogo dei loro problemi esistenziali e relazionali, e che non fossero rose e fiori apparve chiaro subito a tutti.

Lasciamoci trasportare anche quest’anno da questo gustoso, sincero e tellurico sproloquio che è un omaggio d’amore alla Toscana, al suo scherzare, alle sue zingarate, alle dispute e alla tosta manifestazione degli affetti familiari. Come dice Benvenuti (che è anche regista dello spettacolo, come lo è stato della fortunatissima trasposizione cinematografica con, nel cast,  il compianto Carlo Monni, Ilaria Occhini, Athina Cenci, Novello Novelli e Barbara Enrichi), “Benvenuti in casa Gori è un’opera che ha il sapore della vita”: questo il segreto del suo successo.

Info: 055 4220361 – www.toscanateatro.it; prezzi dei biglietti 16 euro (ridotto 14).

Lascia un commento