“Shuttle”, un progetto musicale dei poli strumentisti Erica Scherl, Gianfranco De Franco e Valerio Corzani. Il 28 marzo al Tenax Theatre di Firenze

Dischi & Live, Firenze

Prosegue  la programmazione di Tenax Theatre a Firenze come luogo di sperimentazioni dei linguaggi dell’arte, incubatore per giovani artisti che in esso sviluppano la loro espressività e creatività in contatto diretto con maestri ed operatori della scena, dell’arte e delle nuove tecnologie. Un progetto di Teatro Studio Krypton, ideato da Giancarlo Cauteruccio e Massimo Bevilacqua, con il sostegno del Comune di Firenze e Fondazione CR Firenze, e in convenzione con il Tenax, Tenax Theatre è uno  spazio multidisciplinare a Firenze, contenitore attivo di opere di “teatro immagine immersivo”.

Tenax Theatre giovedì 28 marzo 2019 alle ore 21,30 diventa piattaforma di lancio in prima assoluta di “Shuttle”, un progetto musicale dei polistrumentisti Erica Scherl, Gianfranco De Franco e Valerio Corzani, con scenari visuali curati da Massimo Bevilacqua.

Lo Space Transportation System(STS), comunemente noto come Space Shuttle o Shuttle, è stato un sistema di lancio spaziale riutilizzabile della NASA, adibito a missioni spaziali in orbita intorno alla Terra. Lanciato in orbita per la prima volta il 12 aprile 1981, ha portato a termine la sua ultima missione il 21 luglio 2011. Shuttle è stato dunque il primo vero e proprio bus spaziale, la prima utopia di “riciclo” che rafforzava l’utopia ben più “stagionata” dell’esplorazione dello spazio. Ma Shuttle è anche un progetto musicale che vede coinvolti Erica Scherl, Gianfranco De Franco e Valerio Corzani. Una sorta di navetta sonora che mette insieme strumenti tradizionali e macchine e che fonda il suo orizzonte esplorativo sull’empatia strumentale, sugli incastri timbrici e sulla voglia di galleggiare nei grooves. Il concetto di bus spaziale è particolarmente indicato per descrivere metaforicamente i contorni poetici di questo trio che ha un debole dichiarato per l’elettronica morbida, il funk, la drone-music, l’etno-jazz e la psichedelia.

Musica strumentale che gioca la propria scommessa melodica sull’iteratività nella varietà e che sfrutta le potenzialità di tre agguerriti polistrumentisti. Valerio Corzani ed Erica Scherl hanno già attraversato orizzonti limitrofi a quello di Shuttle nel loro duo Interiors, nella Hypertext Orchestra di Luigi Cinque (Corzani), nelle collaborazioni con Claudio Milano e Barbara De Dominicis (Scherl), mentre Gianfranco de Franco li esplora da anni, anche nella dimensione della solo performance e delle colonne sonore per il teatro. Ma in questo caso la cifra trova una messa a fuoco insieme coerente ed evolutiva rispetto ai loro progetti precedenti. Come se la navetta che hanno scelto come insegna, li avesse spinti a cementare lo spirito di corpo e a lubrificare negli impasti “la vertigine del decollo”.

Erica Scherl  (violino, tastiera, effects)

Gianfranco de Franco  (sax soprano, sax alto, clarinetti, zampogna, cornetta, flauti, synth, Orff equipment)

Valerio Corzani  (basso elettrico, laptop, IPhone Apps, Ipad Apps)

“Meglio non portare un cane sullo shuttle, perché se mette la testa fuori mentre stai tornando a casa la sua faccia può bruciarsi.”

Jack Handey

  

BIGLIETTERIA

intero 10€+prev

ridotto 5€ +prev (soci Coop, under 35)

 

Inizio spettacoli ore 21.30

Per raggiungere il Tenax in autobus: Linee 29 e 30

 

Info

Teatro Studio Krypton 055 2345443

www.teatrostudiokrypton.it

Tenax / via Pratese 46  Firenze 

www.tenax.org

 

Lascia un commento