Serata-evento (il 21 gennaio) al Cinema Stensen di Firenze dove sarà proiettato il film “La line – La linea invisibile” di Ursula Meier che sarà in sala e incontrerà il pubblico

Sabato 21 gennaio 2023 alle ore 21.00 presso il Cinema Stensen in viale Don Minzoni, 25/c a Firenze si terrà una serata evento dedicata al film “La Ligne – La Linea invisibile” di Ursula Meier, distribuito nei cinema italiani da Satine Film a partire dal 19 gennaio . Il film è in programmazione al Cinema Stensen e, a seguire, al nuovo Cinema Astra.

Ursula Meier (ph. Raphael Zubler)

La serata avrà inizio con un saluto in sala e introduzione del film alla presenza della regista Ursula Meier che, al termine della proiezione, parteciperà ad un incontro con il pubblico.

Presentato in concorso alla 72° edizione del Festival di Berlino, alla 23° edizione del Napoli Film Festival e al Longtake Interactive Film Festival 2022, il film mette in scena un complesso e atipico rapporto madre-figlia, interpretate dalle brillanti Valeria Bruni Tedeschi e Stéphanie Blanchoud, qui dirette dalla regista svizzera Ursula Meier, già autrice di “Home” selezionato per la Semaine de la Critique al Festival di Cannes e insignito di numerosi premi e riconoscimenti internazionali, e del pluripremiato “Sister”, che ha ricevuto il Premio speciale della Giuria al Festival Internazionale del cinema di Berlino ed è stato nominato come Miglior Film Straniero per l’Independent Spirit Awards. Ursula Meier è stata inoltre insignita del Premio FICE del Cinema Europeo 2022 con la seguente motivazione: “Autrice abilissima nel collegare uno sguardo personale e tagliente sulle dinamiche familiari, una brillante direzione degli attori e uno stile di regia raffinato e coinvolgente.”

Frame dal film con Valeria Bruni Tedeschi (a sinistra) e Stéphanie Blanchoud

“La Ligne-La Linea invisibile” è un film intenso e appassionante in cui i sentimenti faticano a trovare le parole giuste per potersi esprimere. È solo grazie alla musica e alla sua forza evocativa che le protagoniste riescono a rivelare la propria autentica natura e a comunicare quell’amore profondo che le lega, ma che per le loro ferite e fragilità hanno trasformato in rabbia e violenza. 

SINOSSI

Margaret (Stéphanie Blanchoud), è una donna di 35 anni con una lunga storia di violenze inflitte e subite e una fragilità emotiva che spesso non riesce a definire e contenere nelle sole parole. In seguito a una brutale discussione con la madre (Valeria Bruni Tedeschi) e alla denuncia di quest’ultima, il giudice le impone un severo ordine restrittivo: in attesa del processo e per almeno tre mesi, non le è permesso entrare in contatto con la madre né avvicinarsi a meno di cento metri dalla casa familiare. 

Isolata e bandita dalla sua famiglia, Margaret si ritrova letteralmente chiusa fuori e allontanata dalla sua cerchia di affetti. Questa “linea” diventa così un ostacolo sia in senso letterale che figurato, facendo esacerbare in lei il desiderio di essere più che mai vicina alla famiglia, tanto da farla recare ogni giorno sulla soglia di quel confine, tanto invisibile quanto al momento invalicabile. 

Lascia un commento