Scapigliato lancia la campagna informativa “Legalità e trasparenza. È meglio che i cittadini sappiano”. Al via la distribuzione nelle cassette della posta di un opuscolo sulla gestione del percolato di discarica

Scapigliato ha deciso di lanciare un’ampia campagna informativa rivolta a tutti i cittadini, che è stata chiamata “Legalità e trasparenza. È meglio che i cittadini sappiano”, per spiegare il più chiaramente possibile e nell’ottica della piena trasparenza, il modo in cui opera e come vengono gestite le varie attività e processi al suo interno. Il primo opuscolo, che sarà consegnato in cassetta della posta ai cittadini, riguarda la gestione da parte di Scapigliato del percolato di discarica. 

La campagna informativa ha visto il primo step divulgativo e conoscitivo dell’Azienda nella realizzazione di un servizio speciale andato in onda due settimane fa su una nota Tv locale. Si è trattato di una sorta “tour” di Scapigliato, in cui è stato mostrato che tipo di rifiuti vengono trattati e smaltiti negli impianti, in che modo e quali sono i numerosi controlli a cui sono sottoposti attraverso la voce dei responsabili delle aree e dei servizi, che hanno illustrato i diversi processi. Il servizio, nelle prossime settimane, sarà inoltre oggetto di un approfondimento in studio con personaggi rilevanti del panorama regionale del settore dei rifiuti.

L’altra iniziativa prevista dalla campagna inizia con la distribuzione in cassetta della posta del primo opuscolo relativo al percolato di discarica. In particolare, l’opuscolo spiega cos’è il percolato e come viene gestito dalla Società. La distribuzione interesserà i Comuni della Val di Fine, per un totale di circa 17.500 opuscoli distribuiti, e sarà completata nell’arco di tre settimane. 

In seguito alla distribuzione di questo primo opuscolo, ne verranno distribuiti altri che rappresenteranno altri aspetti e attività di Scapigliato, come la discarica, il TMB (impianto di trattamento meccanico-biologico), la gestione dei rifiuti speciali non pericolosi, ecc.. 

Vogliamo che le persone sappiano, poiché pensiamo che la conoscenza sia la base per superare pregiudizi e per garantire uno sviluppo sostenibile e condiviso dell’economia circolare. È nell’interesse generale che i cittadini conoscano bene come opera un’Azienda pubblica del loro territorio, all’interno di un settore delicato come quello del trattamento e smaltimento dei rifiuti. In particolare, poiché a seguito di un’indagine della Magistratura si sono generati clamori mediatici sul tema del percolato che hanno dato luogo a rappresentazioni non sempre corrette delle attività svolte dall’Azienda, crediamo sia necessario garantire massima trasparenza. 

A prescindere, quindi, dalle indagini della magistratura, nei confronti della quale esprimiamo piena fiducia, anche se auspichiamo che le indagini giungano a conclusione quanto prima, vogliamo spiegare ai cittadini come gestiamo Scapigliato, partendo proprio dal percolato di discarica. 

Avremmo voluto organizzare una bella Assemblea pubblica per discuterne assieme. Il Covid-19 ce lo impedisce, ed allora abbiamo deciso di venire noi a casa vostra con questo primo opuscolo”, commenta Alessandro Giari, Presidente e AD di Scapigliato.  

Parallelamente a questa campagna informativa, Scapigliato avvierà a breve anche la distribuzione, sempre in cassetta di una pubblicazione che illustrerà gli sviluppi delle attività e progetti portati avanti dalla Società nell’ambito della “Fabbrica del futuro”, distribuzione che interesserà tutti i Comuni della Val di Fine, quelli della bassa Val di Cecina e Collesalvetti, per un totale di circa 45.500 pubblicazioni distribuite. 

 

Lascia un commento