Sassari, il baritono Alberto Gazale è il nuovo direttore artistico dell’Ente Concerti Marialisa de Carolis

Il cantante e regista sassarese Alberto Gazale (foto sopra il titolo) è il nuovo direttore artistico dell’Ente Concerti “Marialisa de Carolis” di Sassari. La nomina è stata ufficializzata a Palazzo Ducale, sede del municipio sassarese, dal presidente dell’Ente Antonello Mattone alla presenza delsindaco di Sassari Nanni Campus, dello stesso Alberto Gazale, dei consiglieri d’amministrazione dell’Ente Concerti Luca Naseddu (vicepresidente), Giovanni Carta, Manuela Palitta, Franco Sardi, Sergio Ticca  e delle assessore comunali al Patrimonio, Rosanna Arru, e alla Cultura, Laura Useri.

«Seguendo una consuetudine dei Teatri di tradizione come il nostro, ma anche delle Fondazioni lirico-sinfoniche, il rinnovato Consiglio d’amministrazione dell’Ente Concerti ha deciso di operare un fisiologico ricambio della direzione artistica, anche per dare nuovo impulso all’attività del De Carolis», ha spiegato il presidente Mattone.

Alla presentazione è intervenuto anche il sindaco Nanni Campus: «Ho apprezzato la proposta del consiglio di amministrazione dell’Ente Concerti che ha scelto di presentare la nuova gestione artistica nella sede istituzionale del Comune – ha detto il primo cittadino –, una decisione che sottolinea la collaborazione nata per valorizzare il più importante luogo della cultura della nostra città. Siamo certi che anche la nuova gestione di un altro eminente figlio di Sassari – a cui facciamo i nostri migliori auguri – con un curriculum di così alto livello, con riconoscimenti a livello nazionale e internazionale, saprà implementare il già ricco ed elevato livello artistico. L’auspicio è che anche l’Ente Concerti di Sassari possa ricevere la dovuta attenzione nell’ambito delle risorse che la Regione destina alla gestione culturale, in quanto un ampliamento dell’offerta lirica e sinfonica in città non potrebbe che giovare a una crescita culturale, di immagine e turistica di tutta l’Isola»

Il nuovo direttore artistico Alberto Gazale si è detto «onorato di ricevere questo prestigioso incarico, che assumo con entusiasmo e profondo spirito di servizio. Intendo qualificare il progetto di rilancio del nostro Teatro, in parte avviato dai predecessori – ha spiegato – potenziando le attività sinfoniche e cameristiche insieme alle altre iniziative culturali utili alla sua valorizzazione. Sassari è una realtà artistica che merita di crescere in termini di offerta complessiva e di attenzione da parte del pubblico a livello territoriale e nazionale: un obiettivo ambizioso per il cui conseguimento occorre incrementare programmi e risorse, anche di fonte europea e regionale, per le quali è in via di definizione un preciso progetto. Le iniziative riguarderanno, in particolare, una maggiore continuità nella programmazione delle stagioni, presupposto necessario, tra l’altro, per la creazione di posti di lavoro in un contesto che richiede nuovi sbocchi occupazionali. Decisivo, in tale scenario, sarà il coinvolgimento delle espressioni locali nelle sue componenti istituzionali, associative, imprenditoriali. È un’ambizione, condivisa da tutti gli attori in campo, che sosterrò con le competenze e la rete di relazioni fiduciarie tessute in oltre trent’anni di attività internazionale».

Diplomato al Conservatorio di Verona col massimo dei voti, Alberto Gazale è uno dei più apprezzati baritoni italiani nel mondo. Ha interpretato oltre settanta ruoli nei teatri più prestigiosi, dalla Scala di Milano al Bolshoi di Mosca, dalla Staatsoper di Vienna alla Carnegie Hall di New York, dall’Arena di Verona al Liceu di Barcellona. Ha collaborato con grandissimi direttori, tra cui Riccardo Muti, Daniel Oren, Zubin Mehta e Riccardo Chailly. Ha di recente avviato anche la carriera registica, firmando, tra gli altri titoli, La Bohème al Teatro dello Spasimo di Palermo, Cavalleria rusticanaPrologo Rusticano e Carmina Burana al Teatro greco di Taormina, Tosca sul Tevere. È docente di Canto lirico al Conservatorio “Luigi Canepa” di Sassari.

 

Lascia un commento