Santa Klaus a Palazzo Mediceo: a Seravezza due giorni (16 e 17 novembre) con Babbo Natale e tante idee per celebrare la festa più bella dell’anno

Focus, Versilia

A Seravezza si accende la magia del Natale. Dopo il successo del 2018, torna sabato 16 e domenica 17 novembre 2019 “Santa Klaus a Palazzo Mediceo”. Due giorni no stop dalle 9:30 alle 19:30 per calarsi in anteprima nelle atmosfere della festa più bella dell’anno, fra proposte di shopping e intrattenimenti per grandi e piccini. Un lungo weekend aperto a tutti e ad ingresso libero organizzato dall’associazione Ponte del Principe con la supervisione di Antonella Dati, il patrocinio della Fondazione Terre Medicee e il supporto del Comune di Seravezza.

20191111_santa-klaus-mediceo-2019_8302

«Un evento di qualità che giunge alla seconda edizione ed entra di diritto fra gli appuntamenti fissi del nostro calendario natalizio, arricchendo una proposta che si definirà nelle prossime settimane con altre suggestive iniziative», commenta l’assessore alla promozione e valorizzazione del territorio Giacomo Genovesi. «Ringrazio fin d’ora Antonella Dati per la dedizione nell’organizzare l’evento nei minimi dettagli e il Gruppo Presepisti della Croce Bianca di Querceta per la disponibilità ad arricchirlo con un’esposizione ad hoc delle loro magnifiche creazioni».

IL PERCORSO / Appuntamento nei giardini, nel cortile e al piano nobile di Palazzo Mediceo, dunque, per un percorso che ci accompagnerà alla scoperta delle mille declinazioni delle festività.

20181117_santa-klaus-a-palazzo-mediceo_7600

Per i più piccoli la Casa di Babbo Natale, con lui in persona (sabato e domenica pomeriggio) e con l’immancabile cassetta per le letterine dei desideri, il Laboratorio del Giocattolo, per costruire balocchi in legno da portare a casa, e il laboratorio didattico a cura di Galatea Versilia per dar vita a fantastiche decorazioni (sabato ore 17:00, su prenotazione). Poi gli irresistibili richiami del gusto, con il cioccolato artigianale, i dolci delle feste, le caramelle e i tipici candy canes natalizi, il vin brulé e le tisane, gli oli extravergine, gli aceti da collezione, le deliziose creme spalmabili, le spezie e lo zafferano, la frutta secca, le marmellate, le specialità regionali come le nocciole delle Langhe o l’aglio storico di Caraglio. E, al centro di tutto questo, le proposte di abilissimi artigiani e di fantasiosi creativi con tutte le novità per il Natale 2019. Un trionfo di originalità e di pezzi unici: decorazioni di ogni tipo per l’albero di Natale e la casa delle feste, creazioni di sartoria, porcellane e stoviglie in stile british, oggetti in legno, ceramica, argilla, carta, stoffa, anche dipinti a mano e personalizzabili, creature marine in legno, tazze, quadretti, stoviglie, libri di favole, ex libris e testi su misura, cappelli, foulard, capi di abbigliamento, monili artistici in metallo e pietre naturali, tessuti, oggetti per la casa creati utilizzando i legni del mare o il ferro, prodotti di cosmesi naturale coreana, presepi realizzati a mano, bamboline e personaggi buffi, ricami e cartotecnica, borse e pochettes in stoffa giapponese e vintage, articoli per bambini. Nel cortile del Palazzo, tra un banco e l’altro, si potranno ammirare (ed acquistare) abeti, agrifogli, piante di agrumi, camelie, arbusti e alberi da frutta. Gli specialisti delle decorazioni floreali daranno prova della loro abilità intervenendo sul pozzo marmoreo che accoglie i visitatori al centro del cortile di Palazzo Mediceo e saranno disponibili a dare consigli su come confezionare le ghirlande delle feste.

20181117_santa-klaus-a-palazzo-mediceo_7608

Nei due giorni dell’evento sarà regolarmente aperto anche il punto bar e ristoro nel giardino del Mediceo. Ciliegina sulla torta, l’esposizione delle splendide creazioni del Gruppo Presepisti Croce Bianca alle Scuderie Granducali: un’esclusiva anteprima di ciò che fra dicembre e gennaio i maestri proporranno nella tradizionale mostra di Querceta. «Le sorprese saranno davvero molte», dice la curatrice Antonella Dati. «Il programma è tutt’ora in evoluzione. Chi verrà a trovarci non resterà deluso».

Lascia un commento