sandramilo

Sandra Milo in “100m2” a Campi Bisenzio. Alla Pergola “Istruzioni per non morire in pace”, allo Scompiglio “L’Ambigu” e ai 4 Mori “I suoceri albanesi”

Teatro e Danza

Appuntamento sabato 8 aprile 2017 ore 21, al Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio (piazza Dante n.23) va in scena la prima toscana di “100m2”, commedia firmata da Juan Carlos Rubio per la regia di regia di Siddhartha Prestinari, con Sandra Milo, Giorgia Wurth (nella foto sopra il titolo) ed Emiliano Reggenti nei ruoli dei protagonisti. Lo spettacolo, che chiude la stagione di prosa del teatro, racconta la storia di tre personaggi le cui vite si intrecciano intorno alla compravendita di un appartamento, che l’improbabile ma simpatico agente immobiliare interpretato da Reggenti cerca disperatamente di vendere al miglior offerente. I 100m2 del titolo diventano così lo scenario di un incontro sorprendente tra una raggiante Sandra Milo, nei panni della proprietaria Dora, e Giorgia Wurth, che sul palco sarà l’acquirente Sara.

Dora, ottuagenaria esuberante e ottimista, decide di vendere la sua casa in nuda proprietà a Sara, una giovane donna rigida e concreta. Le due sono molto differenti: la prima, sebbene cardiopatica, è un’inguaribile ottimista e di una franchezza fuori dal comune; la seconda, nonostante la giovane età, ha sempre un occhio all’orologio, ha paura di lasciarsi andare e di osare. Nasce così un confronto tra donne che affrontano la vita da punti di vista opposti, dando il via a una divertente e inaspettata relazione, fatta di gag esilaranti e teneri siparietti, in un’alternanza di insospettabili cambi di direzione della trama e degli eventi. Quello che sulla carta sembra solamente un contratto tra una persona sola e bisognosa e un’altra opportunista e profittatrice, diventa invece il pretesto per un incontro di anime.

Al termine dello spettacolo, Sandra Milo riceverà un premio alla carriera dalla dottoressa Doretta Boretti, presidente della Fondazione Elisabetta e Mariachiara Casini, onlus nata per educare all’amore e al rispetto della vita trova nell’attrice il suo compimento.

Biglietti: da 10.50 a 22.50 €. Presentandosi in teatro con uno scontrino emesso da un negozio del centro di Campi Bisenzio o da uno degli stand di Campi in Fiera si potrà richiedere un biglietto di platea al prezzo speciale di 16.50€ (promozione in collaborazione con Fare Centro Insieme).

Info: www.teatrodante.it 

ALLA PERGOLA “ISTRUZIONI PER NON MORIRE IN PACE”

Da venerdì 7 a giovedì 13 aprile 2017 (ore 20.45,  domenica 9 ore 15.45, lunedì 10 riposo) con “Istruzioni per non morire in pace” di Paolo Di Paolo e il Gruppo dei Carissimi Padri… al Teatro della Pergola rivive in esclusiva regionale lo stralunato mondo della Belle Époque attraverso 100 camauri (particolari maschere in stoffa leggera), 85 parrucche, 110 costumi, ma solo 9 paia di scarpe. Il regista Claudio Longhi guida un esagitato caravanserraglio di sonnambuli, che mentre sognano le ‘magnifiche sorti e progressive’ mettono a punto il più spaventoso tra gli ordigni di distruzione, la Grande Guerra. “Quella che si avviò alla Prima Guerra Mondiale – afferma – era una società profondamente inconsapevole. Camminava nel buio e sembrava avere un rapporto con la realtà, ma di fatto viveva in un mondo separato. E piombò in un conflitto straziante”.

“Istruzioni per non morire in pace” è uno spettacolo fatto di tre spettacoli, tre capitoli, tre sguardi del tutto autonomi che si ripetono ogni tre sere, Patrimoni, Rivoluzioni, Teatro, con Donatella Allegro, Nicola Bortolotti, Michele Dell’Utri, Simone Francia, Olimpia Greco (fisarmonica e pianoforte), Lino Guanciale, Diana Manea, Eugenio Papalia, Simone Tangolo. E per non giustificare o nobilitare ciò che non può essere giustificato o nobilitato, sarà bene ricorrere a un pizzico di comicità, alla lezione del grande varietà. Il lavoro rientra nell’ambito del progetto partecipato Carissimi Padri… Almanacchi della “Grande Pace” (1900-1915), che ha presentato con successo di critica e pubblico I pugni ricolmi d’oro al Teatro Niccolini l’inverno scorso.

Domenica 9 aprile, ore 11.30, alla Libreria dei Lettori, Via della Pergola 12, Paolo Di Paolo, Claudio Longhi e i Carissimi Padri… presentano il libro “Istruzioni per non morire in pace” edito da Storia e Letteratura. Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.
Mercoledì 12 aprile, ore 17, alla Pergola, tutti i Carissimi Padri… dedicano un incontro-spettacolo, accompagnato da aperitivo, agli abbonati de Il Teatro?#Bellastoria!, l’iniziativa ideata e promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e rivolta ai giovani tra i 16 e 21 anni.

“Istruzioni per non morire in pace” è una produzione ERT – Emilia Romagna Teatro Fondazione e Fondazione Teatro della Toscana.

“L’AMBIGU”, PERFORMANCE SULLA SEDUZIONE DEL SÉ ALLO SCOMPIGLIO

Sabato 8 e domenica 9 aprile 2017 alle ore 19.30, nello SPE – Spazio Performatico ed Espositivo Dello Scompiglio (Vorno, Lucca), la compagnia francese Cie Nom d’Un Bouc ! presenta “L’Ambigu”, performance (nella foto di Alice Brazzit) sulla seduzione del sé e sul tentativo di un uomo di definire la propria identità. Di e con Benjamin Tudoux, regia di Olivier Boréel, testi di Roland Topor (1938-1997), il celebre drammaturgo, sceneggiatore e illustratore francese, fondatore del collettivo artistico “Mouvement Panique” insieme ad Alejandro Jodorowsky e Fernando Arrabal, che ha collaborato, tra gli altri, con Federico Fellini e dal cui libro “L’inquilino del terzo piano” è stato tratto il film omonimo di e con Roman Polanski, del 1976.
Gli appuntamenti fanno parte di Assemblaggi Provvisori, manifestazione dell’Associazione Culturale Dello Scompiglio, diretta da Cecilia Bertoni, con concerti, incontri, installazioni, laboratori, mostre, performance, teatro ragazzi e residenze, incentrati sull’individualità in relazione e/o in conflitto con il genere e più specificamente con l’assenza di causalità e coincidenza tra il sesso biologico, il genere (mascolinità–femminilità) e l’orientamento sessuale.

Nello SPE è inoltre possibile visitare: Sobre la sangre, mostra personale di Teresa Margolles (1963, Culiacàn, Sinaloa, Messico), sul tema dell’odio di genere (fino al 25 giugno); round midnight / ritratti, video installazione di Cecilia Bertoni; paesaggio sonoro, Carl G. Beukman; performer, Olivier Boréel, Eleonora Chiocchini, Katia Frese, Sara Leghissa, Valerio Sirna (fino al 25 giugno 2017);  Camera #4 – Il Naufragio, installazione di Cecilia Bertoni e Claire Guerrier con Carl G. Beukman, che indaga sull’imposizione, attraverso l’educazione, della dicotomia tradizionale tra maschile e femminile (fino al 25 giugno 2017).

“I SUOCERI ALBANESI”, GRAN FINALE DI STAGIONE AI 4 MORI DI LIVORNO

Conclusione venerdì 7 aprile 2017 della stagione teatrale ufficiale ai Quattro Mori di Livorno, il cinema teatro vicino alla statua simbolo della città.

Alle 21 va in scena “I suoceri albanesi” di Gianni Clementi, con Francesco Pannofino ed Emanuela Rossi, reggiani Claudio Bccaccini. In scena ci sonoun padre, una madre e una figlia. Lucio, 55 anni, è un consigliere comunale progressista, e Ginevra, 50 anni, è una chef in carriera, con un passato fatto di lotte politiche. La coppia vive un’esistenza politically correct, cercando di “passare” alla figlia di 16 anni i valori importanti delle loro vite. Al terzetto si aggiunge l’amica del cuore di Ginevra, Benedetta, erborista alternativa in analisi perenne…

Lascia un commento