A San Gimignano un laboratorio di tre giorni sull’ottava rima con Riondino, Rustici e Ganugi. E la città si candida a ospitare un centro studi

Libri & Fumetti, Siena

Continua, dopo l’iniziativa dell’autunno 2017, il progetto Ottava Rima, con tre giorni di laboratorio sulla poesia a braccio che si terranno a San Gimignano al Teatro dei Leggieri da venerdì 16 a domenica 18 marzo 2018. A cura di David Riondino (a sinistra, nella foto sopra il titolo), Enrico Rustici e Fabrizio Ganugi. Durante gli incontri sarà trattata la versificazione orale, patrimonio consistente della tradizione letteraria e folklorica toscana: contrasti in ottava, loro storia e contesto. Saranno proposti esercizi di versificazione, per conoscere gli schemi metrici e le intonazioni del canto e i “contrasti” tra allievi per esercitarsi.

Sarà studiato il poemetto “La Pia de’ Tolomei” sul quale preparare una divisione delle parti finalizzata ad una rappresentazione. L’evento andrà in scena ad il 28 e 29 aprile, nella seconda parte del laboratorio, che si concluderà con una ‘Pia de’ Tolomei’ interpretata da cantanti e allievi del corso.

Il progetto sull’Ottava Rima è a cura di Giardino Chiuso, L’Ottava – Accademia di letteratura orale/David Riondino, in collaborazione con Consorzio della Denominazione San Gimignano e I Comici Ritrovati.

L’intento del progetto è quello di fondare un centro studi sull’ottava rima a San Gimignano, con l’obiettivo di preservare una prosecuzione di una consapevolezza “antica” per interpretare una “tradizione nuova”. L’ottava rima in Toscana è una tradizione culturale di grande livello. Nasce dal popolo per nobilitare, tramite l’improvvisazione poetica, il racconto dell’epicità del quotidiano e ha raggiunto vette altissime con autori come Boccaccio, Ariosto, Pulci, Tasso, Poliziano. I primi testi datati nei quali fu adottata l’ottava rima sono il Filostrato di Giovanni Boccaccio (1336) e l’anonimo Cantare di Fiorio e Biancifiore (trascritto dopo il 1343). “La “Pia de’ Tolomei” – racconta David Riondino – è un poema in ottava rima che tratta le disavventure della “malmaritata Pia” in un tenebroso medioevo, reinventato nell’Ottocento da Bartolomeo Sestini prima e dal Niccheri poi. Il poema, in 64 ottave, veniva raccontato a memoria da contadini e contadine in toscana e, passando di bocca in bocca, arrivò fino a mia nonna, di cui ho il chiaro ricordo che lo cantasse per incantarci senza averne da nessuna parte una copia scritta”. Il racconto cantato a più voci ritrova l’immediatezza e la forza che ne hanno fatto per tanti anni un piccolo capolavoro dell’epica popolare.
 
Il laboratorio si terrà con i seguenti orari: venerdì 16 marzo dalle ore 20.30 alle ore 23.00, sabato 17 marzo dalle ore 10.00 alle ore 13.00, domenica 18 marzo dalle ore 10.00 alle ore 13.00.
 
Costo: euro 35,00. Per informazioni: Giardino Chiuso – info@giardinochiuso.com, tel. 339 6097325 o I Comici Ritrovati – comici.ritrovati@libero.it.

All’interno della rassegna “Leggieri d’Inverno”, per la direzione artistica di Tuccio Guicciardini, Patrizia de Bari e Cledy Tancredi, è a cura della compagnia Giardino Chiuso, Comune di San Gimignano, Regione Toscana, Fondazione Fabbrica Europa.

Lascia un commento