Rosignano, comincia l’estate dell’archeologia. Il 24 luglio a Vada incontro su “La terra vista dal mare: viaggiare nel Mediterraneo antico”. Il 25 arche-trekking al Gabbro (con l’agronomo Roberto Branchetti e Edina Regoli) alla scoperta dei mulini del Botro Sanguigna

Focus, Livorno

Inizia l’estate dell’archeologia del Comune di Rosignano Marittimo. Il primo appuntamento è in programma per venerdì 24 luglio 2020, alle ore 21.30 presso il Circolo Nautico Vadese (Vada, Via del Mare, 41) per scoprire come era la vita sul mare nel mondo antico. Durante l’incontro, ad ingresso gratuito, la dottoressa Silvia Marini dell’Università di Pisa affronterà il tema “La terra vista dal mare: viaggiare nel Mediterraneo antico”. L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con il Laboratorio di Topografia Antica e Archeologia Subacquea dell’Università di Pisa, il Circolo Nautico Vadese, il Gruppo Subacqueo di Rosignano, la Pro Loco di Vada e l’associazione Amici di ”M.AR.CO” Museo Archeologico Comunale Rosignano Marittimo.

Il secondo appuntamento si terrà la mattina di sabato 25 luglio 2020 a Gabbro. Si tratta di un “Archeotrekking alla scoperta dei Mulini del Botro Sanguigna”, una passeggiata di circa due ore per ammirare le bellezze storiche e naturalistiche delle nostre colline, con la guida dell’agronomo Roberto Branchetti e della direttrice del museo civico archeologico Edina Regoli. Il ritrovo e alle ore 9.00 al Campo sportivo e al rientro sarà offerto un aperitivo dalla Proloco di Gabbro. La partecipazione è gratuita, ma è necessario prenotare contattando la mail palazzobombardieri@comune.rosignano.livorno.it o chiamando il numero 0586 724288 (dal martedì alla domenica in orario 10.00/13.00 e 17.00/20.00). Si raccomanda un abbigliamento da campagna, scarpe da trekking, cappello e, ovviamente, la mascherina.

Lascia un commento