Rigenerazione urbana: a Nibbiaia un vecchio muro si trasforma in un nuovo murale di Uovo alla Pop. Sarà dotato di un Qr Code per leggere racconti, storie, aneddoti legati all’opera, ma non solo

Grazie al progetto dell’associazione Uovo alla Pop di Livorno, sostenuto dalla Regione Toscana e patrocinato dal Comune di Rosignano Marittimo, un muro di Nibbiaia è diventato un’opera d’arte a cielo aperto.

“Insieme agli abitanti di Nibbiaia – spiega l’assessore alle Manutenzioni Giovanni Bracci – l’Amministrazione comunale si è adoperata per individuare un muro nella frazione che potesse essere adatto allo scopo; la superficie esterna del muro era degradata e non idonea, perciò è stata instaurata una proficua collaborazione con alcuni volontari (Vincenzo Mannari, Massimo Manfredini, Nedo Citi, Francesco Alonso, Vincenzo Giacomelli, Cristian Muratore) per il suo restauro e per costituire un’idonea base di lavoro per la successiva decorazione da parte degli artisti”.
“L’Amministrazione comunale – aggiunge l’assessore alla Cultura Licia Montagnani – ha accolto con piacere la richiesta presentata dalle ragazze di Uovo alla Pop per coinvolgere il nostro Comune nel loro progetto, poi risultato vincitore del bando regionale di rigenerazione a base culturale. Si trattava, infatti, di una proposta carina e innovativa, tesa a valorizzare le nostre frazioni collinari, la loro storia e i personaggi che più li rappresentano”.


In prossimità del murale verranno posti dei cartelli esplicativi, ricchi di disegni, foto d’epoca, poesie e Qr Code scansionabili. Inquadrando il Qr Code sul proprio cellulare, sarà possibile leggere ulteriori racconti, storie e aneddoti legati al murale e alla vita della frazione di Nibbiaia, ma anche di Gabbro e Castelnuovo della Misericordia.
“Il valore di innovazione di questo progetto artistico – conclude la vicesindaco – è amplificato dalla possibilità di usare i QR Code come strumento di racconto e conoscenza di aneddoti, storie e leggende dei nostri territori che hanno una indubbia valenza culturale e turistica e potranno essere usati anche dagli stranieri che sempre più scelgono le nostre colline. Sono quindi felice che Nibbiaia accolga Gabbro e Castelnuovo attraverso il murale di Oblo e della fertile creatività della Associazione Uovo alla Pop”.

Lascia un commento