A Livorno “L’amore migliora la vita”, a Rifredi le “Pecore nere” di Benni, a Calenzano “Il bambino sogna”

Firenze, Teatro e Danza

Dopo il successo di “Le Beatrici”, Stefano Benni scrive una nuova pièce tutta al femminile e, come al solito, non rinuncia alla provocazione, più che mai affidando ai personaggi tratteggiati dalla sua penna il compito di smascherare i costumi sociali del nostro tempo. Sono quattro le “Pecore nere” (nella foto in basso) in scena al Teatro di Rifredi da giovedì 12 a sabato 14 gennaio 2017 (ore 21), nella caustica pièce diretta da Alessandro Tedeschi. Valentina Chico, Elisa Benedetta Marinoni, Valentina Virando ed Emanuela Guaiana interpretano quattro personaggi femminili: una diva delle telenovelas adultera compulsiva, un’ape operaia con nostalgie leniniste, una labrador a un passo dal manicomio perché, nonostante le attenzioni del padrone, non riesce ad amarlo come vorrebbe. Tre creature, tre femmine, tre personaggi che non temono la propria personalità e che aiuteranno, in una notte turbolenta e sorprendente, la quarta pecora nera -una loro vecchia amica costretta in un ospizio e dimenticata da tutti- a ritrovare la parola. Quattro pecore nere che amano la vita fino a cantarcela e che, con i loro difetti e le loro contraddizioni, ci faranno divertire, commuovere e sognare.

Il teatro, come ha sottolineato Benni in una recente intervista, “serve a sopravvivere, a vivere meglio e a far sì che i marziani che ci guardano dall’alto non ci distruggano”. “Pecore nere” è un nuovo, chiaro esempio della sua poetica: delinea maschere contemporanee spostandosi ancora una volta sull’asse dell’essere femminile, tratteggiando personaggi vitali, grotteschi e graffianti, inseriti in un contesto surreale che porterà lo spettatore a calarsi nell’universo del popolare autore bolognese.

Info: 055 422.03.61 – www.toscanateatro.it — biglietto 16 euro (14 euro ridotto), prevendita Teatro di Rifredi dal lunedì al sabato (ore 16 – 19) — biglietteria@toscanateatro.it  — Box Office in tutti i punti del circuito e www.boxol.it — Il Teatro di Rifredi è un punto Box Office.

“L’AMORE MIGLIORA LA VITA” AL TEATRO 4 MORI DI LIVORNO

Prosegue la stagione teatrale ai “4 Mori” di Livorno, la sala che si trova vicino al celeberrimo monumento, nei pressi del Porto Mediceo. L’appuntamento è con “L’amore migliora la vita”, in programma giovedì 12 gennaio 2017 alle ore 21. In palcoscenico ci saranno Ettore Bassi, Edy Angelillo, Giorgio Borghesi ed Eleonora Ivone. Il cast (nella foto grande sopra il titolo) terrà un incontro nel pomeriggio di giovedì 12, alle 18.30, presso la Cantina della Coppa Barontini, nel quartiere della Venezia.

 

“IL BAMBINO SOGNA” AL TEATRO MANZONI DI CALENZANO

Un’esperienza multietnica per creare attraverso il teatro opportunità di integrazione e di mediazione sociale, culturale e linguistica. Sabato 14 gennaio 2017  il Teatro Manzoni di Calenzano – ore 21, biglietti 13/10/5 euro, via Mascagni 18, Calenzano – presenta in prima nazionale “Il bambino sogna” del grande autore israeliano Hanoch Levin, traduzione e regia di Claudia Della Seta.

In scena gli attori della compagnia Afrodita di Tel Aviv (nelle foto a corredo dell’articolo), in cui si incontrano le esperienze umane, artistiche, e interculturali di tante persone, promuovendo l’incontro, il dialogo e la collaborazione tra israeliani e palestinesi. “Il Bambino sogna” è una favola dei nostri giorni scritta da Hanoch Levin: autore graffiante, compassionevole, crudele e allo stesso tempo amoroso, scomparso nel 1999. Due genitori guardano il loro figlio dormire. Il bambino sogna e i genitori sono felici della sua pace. All’improvviso irrompe nella stanza silenziosa quel mondo esteriore fatto di furore e rabbia: un gruppo di vicini inseguiti arriva di corsa, un violinista sanguinante, stupito e ferito, cade in terra e agonizza; un comandante arresta tutti. Con lui arriva la sua amante. Il violinista si lamenta, il comandante lo uccide. Momenti tragici e di pura follia. La guerra trascina il bambino e sua madre nella disperata corsa verso la salvezza. Un esodo, un viaggio: ad ogni tappa la stessa domanda: “Come sopravvivere, e per cosa? A che prezzo?”.

Per trattare questi temi tragici Levin non rinuncia né all’humor graffiante né alla fantasia. Scene comiche insieme a riconoscibili eventi della storia del XX secolo ci pongono un solo interrogativo: “Ma è il mondo questo, o è un incubo sul mondo?”. Quest’opera, strana e potente, oscilla tra l’onirico e una lucidità senza alcuna pietà. Si racconta della fuga nell’ignoto, del viaggio verso una terra lontana per fuggire da un passato minaccioso e trovare un futuro sicuro e confortante. “Il bambino sogna” affronta la morte e la disperazione che sgretolano il mondo infantile dell’innocenza, ma parla anche di speranza e di un futuro migliore.

Incontro con Claudia Della seta.  Sabato 14 gennaio alle 18.30 la regista dello spettacolo Claudia Della Seta incontra il pubblico, alla Biblioteca Civica di Calenzano, via della Conoscenza 11. Sempre alla Biblioteca Civica di Calenzano, venerdì 13 gennaio alle ore 21 proiezione del film “Il figlio dell’altra” di Lorraine Lévy. Ingresso libero.

Spettacolo nell’ambito della 25° stagione del Teatro delle Donne. Programma completo www.teatrodelledonne.com.

Biglietti: 13 euro (previste riduzioni). Prevendite: circuito www.boxofficetoscana.it e online www.boxol.it — Biglietteria del teatro dalle ore 18 — Info e prenotazioni Teatro Manzoni – via Mascagni 18 – Calenzano.

Lascia un commento