firenzeponte

Ridistribuire lo sguardo a Firenze, piccoli viaggi in atelier, laboratori, lungo il fiume e in altri luoghi all’aperto fuori dalle rotte consuete

Da non perdere, Firenze

Giardini che racchiudono affascinanti musei all’aria aperta, atelier di alto artigianato nascosti fuori dalle rotte turistiche, laboratori di restauro dove i grandi capolavori della storia sono tornati alla vita, teatri antichissimi e ultramoderni, luoghi che raccontano la storia di Firenze raggiungibili e visitabili solo dall’acqua e scorci urbani da guardare con occhi nuovi. Saranno questi gli spazi al centro di “Ridistribuire lo sguardo”, la nuova proposta di itinerari culturali targati Enjoy Firenze che invita a guardare la città da un punto di vista diverso, ad allargare la prospettiva oltre il centro storico e a scoprire punti d’interesse originali e inconsueti, a cura di Cooperativa Archeologia per Estate Fiorentina 2017.

Dal 6 luglio a fine ottobre in cartellone 21 appuntamenti, suddivisi in tre aree tematiche: “Archeologia narrante”, che consiste in visite condotte attraverso strategie di narrazione sperimentali che teatralizzano l’esperienza e coinvolgono gli spettatori in un momento immersivo; “Itinerari sul fiume”, avventure lungo la corrente dell’Arno su barchetti e gommoni da rafting; “Firenze dietro le quinte”, incursioni nel backstage della cultura, per esplorare angoli segreti e poco conosciuti di Firenze e disegnare una nuova mappa del turismo, tutto in compagnia di esperti e archeologi.

“Le nuove parole d’ordine delle amministrazioni locali in tema di valorizzazione del territorio urbano sono sostanzialmente due: periferie e accesso partecipato – spiega Barbara Setti, responsabile progettazione e servizi Integrati per la cultura di Cooperativa Archeologia – Temi che ci trovano pienamente d’accordo, e che rappresentano una sfida stimolante per chi, come noi, ha sempre cercato di lavorare per e con i fiorentini prima di tutto, o per chi, anche turista, abbia voglia di vivere la città e farne esperienza da cittadino. È questo il senso dei tre temi della nostra proposta: l’Archeologia Narrante, che fa conoscere la storia dal basso, dalla periferia della storia stessa, partendo da un luogo oggi abbandonato come le Gualchiere, una volta grande industria cittadina; gli itinerari sul fiume con l’Arno via di comunicazione centrale per la città e ora via in assoluto meno praticata; la Firenze dietro le quinte: visite guidate a grandi realtà e infrastrutture, ma visti ‘dietro le quinte’ – dal grande simbolo di Palazzo Vecchio fino all’Opera di Firenze – accompagnati dagli esperti che, con il loro lavoro, quasi sempre invisibile ai non addetti, danno vita e umanizzano quei luoghi”.

L’iniziativa Enjoy Firenze di Cooperativa Archeologia per Estate Fiorentina 2017 è in collaborazione con Archeologia Narrante, Associazione Culturale “I Renaioli” e Associazione T-Rafting Sentieri blu in Toscana.

Ingresso a pagamento alle visite, prenotazione obbligatoria allo 055-5520407 e a turismo@archeologia.it
Per ulteriori informazioni visitare il sito internet www.enjoyfirenze.it .

• Giovedì 6 e martedì 25 luglio 2017 ore 19.30, giovedì 3 e 31 agosto ore 19.30 e mercoledì 6 settembre ore 21.00
RIDISTRIBUIRE LO SGUARDO
Archeologia Narrante
I fantasmi del fiume: le Gualchiere di Remole
Spettacolo itinerante di Archeologia Narrante
Le Gualchiere di Remole (in basso una foto storica), Via di Rosano 117 – Bagno a Ripoli
Durata 1 ora
Prezzo adulti euro 20, bambini euro 10
Per questa visita è richiesto il pagamento anticipato dell’intero importo al momento della prenotazione
Non accessibile alle persone con problemi di deambulazione; sono richieste scarpe comode.gualchiere

Le torri dalla merlatura guelfa sbucano quasi all’improvviso, misteriose e arcigne, ancora vigili ai lati della poderosa costruzione dalle finestre mute. Intorno, la vegetazione si arrampica e si conficca nelle porte, attacca i muri che sembrano resistere forti delle loro memorie. Allora, si resta sorpresi, ammirati, incuriositi dal fascino del luogo che pare assopito, preda di un incantesimo. E ci si chiede cos’è? Cosa sono le Gualchiere di Remole? A cosa serviva questo piccolo villaggio armato di mura? Chi ci abitava? Quando? Lo spettacolo I fantasmi del fiume ci accompagna in un viaggio nel tempo che, dalla Pescaia delle Sieci, fino alla piazzetta delle Gualchiere, si popolerà di personaggi e di storie, racconti di vite passate, orrori e gioie, racconti in grado di rispondere alle nostre domande; in grado, forse, di farci percepire, ancora una volta, fatti e misfatti di questi luoghi. Al termine dello spettacolo sarà offerto a tutti i partecipanti un breve momento di ristoro nella piazzetta antistante le Gualchiere.

Testi di Alessandro Fani
Direzione Scientifica Giuseppina Carlotta Cianferoni
Organizzazione Simone Bellucci
Consulenza tecnica Antonio Bellacci dell’Associazione Renaioli
Regia di Carlo Sciaccaluga
Con Alessio Sardelli e Mario Pietramala
Narratori: Giuseppina Carlotta Cianferoni, Simone Bellucci

In collaborazione con Archeologia Narrante, Associazione Culturale “I Renaioli” e Associazione T-Rafting Sentieri blu in Toscana e con Comune di Firenze-Estate Fiorentina 2017.barchino renaioli

• Mercoledì 12 luglio 2017 ore 20.00, giovedì 20 luglio ore 19.00, sabato 26 agosto ore 20.00 e venerdì 8 settembre ore 19.00
RIDISTRIBUIRE LO SGUARDO
Itinerari sul fiume
Firenze vista dall’Arno con i Renaioli
Ritrovo 15 minuti prima dell’ora dell’imbarco in Piazza Mentana presso cancello ingresso discesa in Arno della Canottieri (davanti all’Hotel Balestri), Firenze.
Durata 1 ora
Costo dell’attività euro 26, soci Coop euro 25, bambini dai 6 ai 12 anni € 20
Per questa visita è richiesto il pagamento anticipato dell’intero importo al momento della prenotazione
Non accessibile alle persone con problemi di deambulazione; è richiesto abbigliamento comodo

Suggestivo percorso, sui barchetti originali dei Renaioli, nel tratto monumentale dell’Arno, da Ponte alle Grazie a Ponte S. Trinita, per scoprire Firenze da un altro punto di vista… Vedere la città monumentale e i suoi antichi edifici dal fiume, raccontati dall’archeologo a bordo, sarà l’occasione per conoscere la città da una prospettiva completamente nuova, da un altro punto di vista e in alcune occasioni per scoprire luoghi incredibili, visibili solo dall’acqua, e storie inaspettate legate al fiume. In collaborazione con Associazione Culturale “I Renaioli” e con Comune di Firenze-Estate Fiorentina 2017.

• Sabato 15 luglio 2017 ore 9.30 e mercoledì 20 settembre ore 17.00
RIDISTRIBUIRE LO SGUARDO
Firenze dietro le quinte
Il giardino del Museo Archeologico di Firenze: l’archeologia ricostruita prima del 3D
Museo Archeologico Nazionale di Firenze, Piazza della Santissima Annunziata, n°9b
Durata della visita circa 2 ore
Biglietto d’ingresso al Museo 4 euro, dai 19 ai 25 anni 2 euro, gratis under 18
Prezzo della visita euro14, prezzo speciale riservato ai soci Coop euro 12, bambini euro 6archeologicogiardino

Un inaspettato angolo di verde e di pace nel pieno centro cittadino è parte integrante del percorso espositivo del Museo Archeologico Nazionale di Firenze (nella foto un’immagine storica del giardino): nel giardino del Museo infatti furono accolte, fin dalla sua fondazione, parte delle collezioni, musealizzate all’aria aperta. Quando, alla fine dell’800, Luigi Milani, allora direttore del Museo, decise l’allestimento dei materiali provenienti dagli scavi in Etruria al piano terreno del Palazzo della Crocetta, convinto dell’importanza di immergere il visitatore in una ricostruzione quanto più verosimile del contesto archeologico, pensò di allestire l’esterno del palazzo mostrando i luoghi di provenienza dei reperti conservati nel Museo. Furono così ricostruiti diversi esempi di tombe etrusche, a tumulo, scavate nella roccia, a dado, a pozzetto e i semplici sarcofagi, in una sorta di museo en-plein-air. Alcune tombe furono letteralmente smontate nelle necropoli di provenienza (in luoghi spesso difficili da raggiungere e all’epoca afflitti dalla malaria) e rimontate a Firenze; altre furono invece ricostruite ex-novo, come la tomba Inghirami di Volterra, scoperta intatta nel 1861 e riproposta con le urne originali che documentano gli usi funerari di una famiglia volterrana lungo sei generazioni della sua storia, dalla fine del IV al II secolo a.C. Seguirà la visita alle sale della sezione etrusca. In collaborazione con Museo Archeologico Nazionale di Firenze.

• Mercoledì 19 luglio 2017 ore 18.30 e martedì 12 settembre ore 18.00
RIDISTRIBUIRE LO SGUARDO
Itinerari sul fiume
Alla scoperta di mulini e gualchiere medievali lungo l’Arno fiorentino
Ritrovo 17,45 presso il Centro Sportivo Anchetta (raggiungibile anche con autobus n. 14 – capolinea Girone) e imbarco ore 18.30, sbarco presso la Pescaia della Nave a Rovezzano, in prossimità del camping Rovezzano
Durata 1 ora e trenta minuti
Costo della attività euro 35, soci Coop euro 32, bambini dai 6 ai 12 anni euro 25
Per questa visita è richiesto il pagamento anticipato dell’intero importo al momento della prenotazione

Un itinerario su gommoni da soft rafting totalmente dedicato alla scoperta dei Mulini e delle Gualchiere che tramite “L’Arte della Lana” hanno reso famosa Firenze per l’attività industriale a partire dal XIII secolo. Durante La navigazione verranno raccontati gli incredibili luoghi lungo l’Arno, visitabili solo dall’acqua, dove per secoli è stato lavorato il “panno di lana”, sono state macinate le farine e sono transitati i “foderi” di legno con cui è stata realizzata l’Opera del Duomo. E proprio come i “Foderi”, anche noi transiteremo sulle “pescaie” realizzate a servizio di questi millenari mulini. Un’esperienza unica tra storia, cultura e natura. Rafting soft non accessibile alle persone con problemi di deambulazione. Date le caratteristiche dell’attività è consigliato un abbigliamento comodo e sportivo e un eventuale cambio di scarpe. Prima di effettuare la prenotazione, consigliamo di contattarci personalmente per maggiori informazioni riguardo alle caratteristiche dell’attività. In collaborazione con Associazione T-Rafting Sentieri Blu in Toscana e con Comune di Firenze-Estate Fiorentina 2017.

• Sabato 16 settembre e 14 ottobre 2017 ore 10.00
RIDISTRIBUIRE LO SGUARDO
Firenze dietro le quinte
L’Isolotto, una città nella città
Via Palazzo dei Diavoli – Firenze
Durata della visita circa 2 ore
Ingresso all’oratorio gratuito
Prezzo della visita guidata euro 16, scontato per soci Coop euro 14, bambini euro 8

I fiorentini chiamarono “Isolotto” quella striscia di terra che l’Arno, con frequenti inondazioni sino alla costruzione dell’Argin Grosso, circoscriveva a sud ovest della città, di fronte al parco delle Cascine. Per lungo tempo desolata area rurale, l’attuale assetto dell’Isolotto prese forma nei piani urbanistici dell’Amministrazione Comunale del secondo dopoguerra. L’itinerario alla scoperta del quartiere prende avvio dal quattrocentesco Oratorio della Madonna della Querce, che riprende schemi brunelleschiani ed è preceduto da un portico, chiuso nel Seicento, sulle cui pareti vi sono resti di affreschi attribuiti a Paolo Schiavo. Si proseguirà con una passeggiata nel quartiere, che rappresenta il primo grande programma di edilizia sociale della Firenze del Novecento. Edificato a partire dagli anni ‘50 dall’I.N.A Case, al progetto del villaggio satellite dell’Isolotto lavorarono architetti di primo piano come Giovanni Michelucci e Arnaldo Foschini, i cui criteri ispiratori furono i modelli inglesi delle città giardino e la tradizione edilizia dei paesi scandinavi. Oggi l’Isolotto è uno dei quartieri a bassa densità di popolazione più verdi di Firenze in quanto fu a suo tempo progettato a “misura di famiglia” e rappresenta da sempre un interessante caso studio, rivalutato dalla cultura urbanistica più recente che ne ha riconosciuto soprattutto i valori sociali che si riflettono nell’organizzazione dello spazio.teatropalazzovecchio

• Venerdì 22 settembre 2017 ore 21.00 e domenica 8 ottobre ore 17.00
RIDISTRIBUIRE LO SGUARDO
Firenze dietro le quinte
Nuove scoperte dal sottosuolo di Palazzo Vecchio
Gli archeologi raccontano gli scavi in corso
Durata della visita circa 1 ora
Ingresso scavi del Teatro Romano euro 4, per i soci Coop due biglietti al prezzo di uno
Prezzo della visita euro 14, prezzo speciale soci Coop euro 12, bambini euro 8
Auricolari (facoltativi) euro 1,50
L’accesso non è consentito ai minori di anni 8 per motivi di sicurezza; parzialmente accessibile ai disabili motori

Nei sotterranei del Palazzo, aperti al pubblico nel 2014, si conservano i resti del teatro della Firenze romana (I sec. a.C. – II sec. d.C.). Gli scavi moderni, iniziati nel 1997, sono tuttora in corso. Diretti dal Comune e dalla Soprintendenza di Firenze e realizzati da Cooperativa Archeologia, stanno riportando in luce il perimetro e il corridoio di accesso al teatro. Una visita in cui gli archeologi di Cooperativa Archeologia racconteranno gli scavi in corso, in un vero e proprio dietro le quinte di un mestiere tanto affascinante quanto misconosciuto.opificiofortezza

• Sabato 23 settembre 2017 ore 10.00
RIDISTRIBUIRE LO SGUARDO
Firenze dietro le quinte
L’eccellenza del restauro italiano nei Laboratori dell’Opificio delle Pietre Dure alla Fortezza da Basso
Viale Filippo Strozzi 1, all’ingresso principale della Fortezza da Basso – Firenze (foto dal sito dell’Opificio)
Durata 2 ore
Prezzo della visita euro 26, prezzo speciale riservato ai soci Coop euro 24, bambini euro 20

L’Opificio delle Pietre Dure, centro all’avanguardia nel mondo del restauro, in cui trovano sintesi tradizione e modernità tecnologica, rappresenta un’eccellenza nel panorama italiano per l’alta professionalità degli esperti che operano quotidianamente nei suoi laboratori. I Laboratori della Fortezza da Basso, che ricevettero grosso impulso all’attività in seguito alla tragica alluvione del ’66, quando molte opere d’arte ebbero necessità di importanti restauri, ne sono tuttora la sede più ampia: qui sono state restaurati capolavori come la Croce dipinta di Cimabue, proveniente da Santa Croce, i Crocifissi di Giotto e negli ultimi anni l’Adorazione dei Magi di Leonardo da Vinci, appena ricollocata agli Uffizi. Durante la visita ci troveremo a pochi centimetri da opere d’arte uniche e ascolteremo il racconto dei lunghi restauri dalla viva voce di chi li ha eseguiti: un’esperienza veramente unica!

• Giovedì 28 settembre 2017 ore 18.00
RIDISTRIBUIRE LO SGUARDO
Firenze dietro le quinte
L’arte e la manualità dietro le quinte di una bottega artigiana: i Mosaici di Lastrucci
Via de’ Macci, 9 Firenze
Durata 1 ora
Prezzo della visita euro 12, speciale per soci Coop euro 10, bambini euro 6

Riscoprire gli antichi mestieri osservando da vicino gli esperti delle fasi della lavorazione manuale è l’obiettivo dell’esclusivo incontro con i Maestri Lastrucci, Bruno e Iacopo. Entrare nel loro laboratorio, che occupa i locali dell’antico Spedale di San Francesco de’ Macci, è come fare un salto nel Rinascimento. Ogni mosaico è realizzato direttamente nello Studio secondo la tradizionale tecnica fiorentina di lavorazione artistica delle pietre dure. Una tecnica quella del Commesso fiorentino che ormai ben pochi artigiani realizzano e alla quale sarà possibile riaccostarsi immergendosi in un’aria d’altri tempi.

• Sabato 30 settembre e 21 ottobre 2017 ore 10.30
RIDISTRIBUIRE LO SGUARDO
Firenze dietro le quinte
L’Opera di Firenze: i segreti del Teatro
Piazzale Vittorio Gui, 1 – Firenze
Durata della visita 1 ora e mezza
Prezzo della visita guidata euro 16, scontato per soci Coop euro 14, bambini euro 8

Un percorso alla scoperta del Teatro dell’Opera di Firenze, uno fra i teatri più all’avanguardia d’Europa, dotato di un’acustica di straordinaria qualità. Il marco bianco venato di verde del Battistero, il cotto della cupola del Brunelleschi e infine l’oro sfolgorante dei preziosi dipinti che hanno fatto di Firenze una delle capitali mondiali dell’arte, materiali e colori del Rinascimento, si incontrano all’Opera di Firenze per celebrare il potere della musica e del melodramma, proprio nella città in cui questa forma di teatro nacque. Oltre al foyer e alla sala vi proponiamo una visita “dietro le quinte”: il palcoscenico, i camerini degli artisti, le sale prove dell’’Orchestra, del Coro, il reparto vestizione, con la sartoria, trucco e parrucco, e per terminare nella splendida cavea all’aperto, che offre una vista particolare sulla città. In collaborazione con Opera di Firenze-Maggio Musicale Fiorentino e Comune di Firenze-Estate Fiorentina 2017.

Lascia un commento