Quindici anni fa con “Cavalleria rusticana” l’inaugurazione-bis del Goldoni dopo un lungo restauro. L’evento verrà celebrato con un bassorilievo per ricordare il sindaco Gianfranco Lamberti (scomparso nel 2017) che volle la rinascita del teatro

Livorno

Il 24 gennaio 2019 saranno 15 anni da quando il Teatro Goldoni di Livorno – con l’esecuzione della “Cavalleria rusticana” di Pietro Mascagni (direttore d’orchestra Massimo de Bernardt: per lui fu l’ultima apparizione sul podio prima della morte avvenuta alcune settimane dopo) alla presenza dell’allora presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, livornese doc – è stato restituito alla città di Livorno dopo un lungo intervento di restauro conservativo (nella foto a destra Gianfranco Lamberti, quando era sindaco di Livorno, insieme al presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi).

lamberti

Una data “storica” per la città che i familiari di Gianfranco Lamberti, ex sindaco della città, deceduto nel marzo del 2018, hanno scelto per commemorare la sua figura. Nel Teatro Goldoni che proprio Lamberti volle riportare alla sua originaria bellezza, sarà posizionato un bassorilievo in ceramica realizzato da un’artista con una dedica che ne riporterà la memoria. La cerimonia di scoprimento dell’opera sarà giovedì 24 gennaio alle ore 17.30.

La cerimonia sarà ufficializzata nella sala Mascagni del Goldoni dall’attuale sindaco di Livorno Filippo Nogarin, nella mattinata di lunedì 21, insieme al direttore della Fondazione Teatro Goldoni Marco Leone e alfiglio di Gianfranco Lamberti, Pasquale Lamberti.

Lascia un commento