“Questi fantasmi!” in scena a Lucca. Al Goldoni di Livorno un pomeriggio con Lillo & Greg. Al Politeama Pratese c’è “Il barbiere di Siviglia” (rivisitazione di Sandro Querci)

Livorno, Lucca, Prato, Teatro e Danza

***”QUESTI FANTASMI!” AL TEATRO DEL GIGLIO DI LUCCA

Appuntamento al Teatro del Giglio (dal 14 al 16 dicembre 2018) con Questi fantasmi!, capolavoro di Eduardo, che Elledieffe, compagnia di Luca De Filippo oggi diretta da Carolina Rosi, ha ripreso il lavoro dopo la prematura morte del suo fondatore. Marco Tullio Giordana è il regista dello spettacolo che vede Gianfelice Imparato nei panni del protagonista. Questa messa in scena, per Carolina Rosi, è la «sintesi di un lavoro che ha avviato percorsi artistici condivisi, e che continua, nel rigoroso segno di Luca, a rappresentare e proteggere l’immenso patrimonio culturale di una delle più antiche famiglie della tradizione teatrale italiana.» Nel cast, che unisce diverse generazioni di attori, ci sono Gianfelice Imparato (Premio “Pistoia: una città per il Teatro” come migliore attore; Premio Annibale Ruccello nell’ambito della XV edizione del Positano Teatro Festival) nel ruolo di Pasquale Lojacono, affiancato – nel ruolo di Maria – da Carolina Rosi (Premio Persefone 2017 come Miglior Attrice di Prosa) e da Nicola Di Pinto (Raffaele, portiere), Massimo De Matteo (Alfredo Marigliano), Giovanni Allocca (Gastone Califano), Paola Fulciniti (Armida), Gianni Cannavacciuolo, fino ai giovanissimi Federica Altamura, Andrea  Cioffi e Viola Forestiero. La scenografia e le luci sono di Gianni Carluccio, i costumi di Francesca Livia Sartori, le musiche di Andrea Farri (foto sopra il titolo, ph. Fabio Lovino).

Questi fantasmi!, una delle commedie più importanti di Eduardo, tra le prime ad essere rappresentata all’estero (nel 1955 a Parigi, al Théâtre de la Ville – Sarah Bernhardt), ha raccolto unanimi consensi in tutte le sue diverse edizioni: un successo assoluto ascrivibile allo straordinario meccanismo di un testo che, nel perfetto equilibrio tra comico e tragico, propone  uno dei temi centrali della drammaturgia eduardiana: quello della vita messa fra parentesi, sostituita da un’immagine, da un travestimento, da una maschera imposta agli uomini dalle circostanze. Divisa in tre atti, è stata scritta nel 1945 ed è la seconda, dopo Napoli Milionaria, a far parte della raccolta Cantata dei giorni dispari. Eduardo si ispirò probabilmente per la sua realizzazione a un episodio di cui fu protagonista suo padre, Eduardo Scarpetta. Racconta infatti quest’ultimo che la sua famiglia, in ristrettezze economiche, fu costretta a lasciare la propria abitazione da un giorno all’altro. Il padre riuscì a trovare in poco tempo una nuova sistemazione, all’apparenza eccezionale in rapporto all’affitto ridottissimo da pagare. Dopo alcuni giorni si chiarì il mistero: la casa era frequentata da un impertinente “monaciello”…
«Eduardo è uno dei nostri grandi monumenti del ‘900 – sottolinea il regista Marco Tullio Giordana –  conosciuto e rappresentato, insieme a Pirandello, nei teatri di tutto il mondo. Grandezza che non è sbiadita col tempo, non vale solo come testimone di un’epoca. Al contrario l’attualità di Questi fantasmi! è per me addirittura sconcertante. Emerge dal testo non solo la Napoli grandiosa e miserabile del dopoguerra, la vita grama, la presenza liberatrice/dominatrice degli Alleati, ma anche un sentimento che ritrovo intatto in questo tempo, un dolore che non ha mai abbandonato la città e insieme il suo controcanto gioioso, quello che Ungaretti chiamerebbe “l’allegria del naufragio”. Il tipo incarnato da Pasquale Lojacono – replicato nelle figure di Alfredo, di Gastone, del portiere Raffaele – con la sua inconcludenza, l’arte di arrangiarsi, la disinvoltura morale, l’opportunismo, i sogni ingenui e le meschinità, non è molto diverso dai connazionali d’oggi. La grandezza di Eduardo sta nel non ergersi a giudice, nel non sentirsi migliore di lui, di loro. Non condanna né assolve, semplicemente rappresenta quel mondo senza sconti e senza stizza. Il suo sguardo non teme la compassione, rifiuta la rigidità del moralista.»

Lo spettacolo Questi fantasmi! è il secondo titolo della Stagione di Prosa 2018-2019 del Teatro del Giglio, frutto del legame artistico ed economico del Giglio con Fondazione Toscana Spettacolo onlus, circuito multidisciplinare della Regione Toscana per la programmazione e la promozione dello spettacolo dal vivo.

Biglietti da 8 a 30 euro. Informazioni su www.teatrodelgiglio.it, acquisti alla biglietteria del Teatro del Giglio (dal mercoledì al sabato con orario 10.30-13 e 15-18 e un’ora prima di ogni rappresentazione).

***GAGMEN – I FANTASTICI SKETCH DI E CON LILLO & GREG. A LIVORNO

Una miscela esplosiva ed esilarante che finalmente porta radio e tv in teatro: è “Gagmen”- I fantastici sketch di e con Lillo&Greg, atteso per la sezione “Eventi” del Teatro Goldoni di Livorno domenica 16 dicembre 2018 alle ore 17.30.

Lillo e Greg_foto 1La famosa coppia comica, da oltre 15 anni mattatori assoluti della fortunata trasmissione radiofonica quotidiana di Radio 2 Rai “610” e protagonisti in tante applaudite produzioni per teatro, cinema e televisione, porteranno sul palcoscenico livornese questo loro nuovo sfavillante “varietà”, una sintesi perfetta, arguta, sottile, colta e scoppiettante come solo Lillo&Greg (Claudio Gregori e Pasquale Petrolo) sanno fare. Il titolo parla chiaro: “Gagmen” proporrà i cavalli di battaglia tratti non soltanto dal loro repertorio teatrale ma anche da quello televisivo e radiofonico come “Che, l’hai visto?” (rubrica cult del famigerato 610) e “Normal Man”, che vede Lillo e Greg nei panni di due super eroi particolari! Prenderà così vita la forma più basica e diretta della loro coinvolgente comicità, gli sketch, essenza più pura del divertimento, depurati da qualsiasi orpello narrativo. Una rivisitazione personale e molto attuale della più classica ed intramontabile tradizione per offrire una lettura della realtà che non teme confronti stilistici o temporali grazie al suo stretto legame con le attitudini umane più viscerali e per questo immutabili e sempre
attuali.

Pillole esilaranti di risate concentrate, per una produzione LSD Edizioni, con l’organizzazione di “Cose di Spettacolo”; la regia è degli stessi Lillo&Greg, co-regia di Claudio Piccolotto, musiche di Claudio Gregori e Attilio Di Giovanni , scene di Andrea Simonetti.  Il cast artistico vedrà impegnati Lillo e Greg; Vania Della Bidia, Attilio Di Giovanni e Marco Fiorini.

Biglietti ancora disponibili (prezzi da € 22 a € 40), in vendita al botteghino del Goldoni (0586 204290) martedì e giovedì ore 10-13, il mercoledì, venerdì e sabato ore 16.30-19.30. Nel giorno di rappresentazione la biglietteria sarà aperta due ore prima dell’orario di spettacolo. E’ anche possibile acquistarli online su www.goldoniteatro.it , www.ticketone.it e www.boxoffice toscana.

***”IL BARBIERE DI SIVIGLIA” AL POLITEAMA PRATESE

Sandro Querci, immancabile e affezionata presenza nel cartellone degli ultimi anni del Teatro Politeama Pratese di Prato, presenta sabato 15 e domenica 16 dicembre 2018, in prima nazionale, una sua personale rivisitazione de “Il Barbiere di Siviglia”, una versione inedita nella sua forma pur rimanendo fedele ai contenuti narrati da Beaumarchais. Un’incursione nella musica internazionale pop latina, sudamericana e spagnola, arricchita da una scenografia sorprendete fatta di luci e di colori.

Il Barbiere di Siviglia1

Beaumarchais ci racconta delle vicende del Conte Almaviva in una splendida trilogia: Il barbiere di Siviglia, Le nozze di Figaro e La madre colpevole in maniera esilarante. La commedia nasce nel 1772, Gioacchino Rossini nel 1816 ne racconterà le gesta in chiave lirica. In questo fresco e nuovo spettacolo si trovano spunti e personaggi anche dai due episodi successivi suddetti, a rendere ancora più accattivante e curiosa la vicenda dell’amore anelato tra Rosina e Almaviva. Scenografia tutta in “verticale” fatta di tele colorate e giochi di luce unici. I brani più belli della musica internazionale pop latina, sudamericana e spagnola, come ad esempio: Malaguena, Pensami, Por debajo de la mesa, Somos novios, Besame mucho, Bamboleo ed altri.

Mascherate, equivoci, lazzi ubriacanti a rappresentare l’amore in versione romantica e comica, senza tempo, universale.

Prezzi biglietti / da 16 a 20 euro. Orario della biglietteria: dal martedì al sabato dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 17,00 alle 19,30; mezz’ora prima dell’orario d’inizio dei singoli spettacoli.

Per informazioni e prevendita: Teatro Politeama Pratese / Via G. Garibaldi 33 – PRATO | Tel. 0574 603758

teatro@politeamapratese.com – www.politeamapratese.com

Lascia un commento