Pitti Uomo è online su Pitti Connect. Il videomessaggio inaugurale di Dario Nardella, sindaco di Firenze: “La moda deve vincere la sfida dell’innovazione tecnologica”

“Diamo il via a un’edizione di Pitti virtuale ma non meno intensa, un’edizione che è una scommessa che dobbiamo e vogliamo vincere, quella dell’innovazione tecnologica e della transizione digitale”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella (sopra il titolo in una foto d’archivio) intervenendo il 12 gennaio 2021 in apertura dell’edizione online di Pitti Connect.

Il sindaco ha ringraziato gli organizzatori dell’evento e in particolare “Brunello Cucinelli per lo sforzo di creatività e impegno per un’edizione veramente innovativa e originale”.

“Come è stato detto molte volte – ha sottolineato il sindaco – questa pandemia non può essere vissuta solo come una crisi ma anche come una opportunità. Per esempio Firenze in questi mesi ha deciso di investire con tutta la sua energia sulla transizione tecnologica, sul digitale, sull’innovazione. Questo stesso percorso è stato intrapreso anche da Pitti Uomo che ha cercato di tenere insieme l’esperienza fisica, quella della fiera, la materialità della moda, con la dimensione virtuale della rete che può diventare uno strumento per esaltare a livello internazionale la creatività e la sostanza del prodotto della moda”.

“La moda – ha ricordato il sindaco – è dalla sua nascita, avvenuta proprio qui a Firenze, sinonimo di innovazione e creatività e ci prepariamo adesso con Pitti a questa ennesima sfida, alla volontà di spingere sempre di più compratori ed espositori a rimanere in contatto. Non dobbiamo aver paura della rivoluzione digitale ma dobbiamo vincere questa scommessa a mettere in contatto due mondi, virtuale e fisico, perché si alimentino e crescano entrambi. Con Pitti Connect questi due mondi vengono fusi in un unico progetto e in un unico linguaggio: è questa la sfida che si apre a nuove generazioni e che mantiene sempre come stella polare la qualità e la tradizione. Firenze – ha continuato – è una città della tradizione, della trasmissione del sapere, che ha sempre trasmesso alle generazioni concetti pioneristici. Questa è anche l’essenza moda che riesce a trasformare la tradizione in innovazione e prodotto”.

“Da Firenze un grande incoraggiamento e un grande in bocca al lupo a tutti i promotori e organizzatori – ha concluso il sindaco – per questa edizione che si configura come edizione della ripartenza, della rinascita, della rivoluzione digitale”. (edl)

Lascia un commento