Pistoia, la Chamber Orchestra of Europe al teatro Manzoni mercoledì 4 marzo (ore 21). Sul podio Jakub Hruša, al suo fianco la violinista Patricia Kopatchnskaja

Considerata a ragione una delle migliori orchestre da camera del mondo, arriva sul palcoscenico del Teatro Manzoni di Pistoia, mercoledì 4 maggio 2022 (ore 21) la Chamber Orchestra of Europe, per il penultimo appuntamento della Stagione Sinfonica curata da Daniele Giorgi e promossa da Associazione Teatrale Pistoiese in collaborazione con Fondazione Pistoiese Promusica e con il sostegno di Fondazione Caript.

Il prestigioso ensemble, che si distingue per il magnifico senso di partecipazione di ogni singolo musicista che la compone e che vanta storiche collaborazioni con direttori quali Claudio Abbado, Nikolaus Harnoncourt e Bernard Haitink, sarà guidato nella Seconda Sinfonia di Schumann da Jakub Hrůša: Direttore Principale dei Bamberger Symphoniker, è stato recentemente nominato Direttore Principale Ospite dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e ha al suo attivo collaborazioni con alcune delle maggiori orchestre, come i Wiener e i Berliner Philharmoniker, la Chicago Symphony Orchestra, la Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks e la Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam.

Al suo fianco, la violinista moldava Patricia Kopatchinskaja, dal talento estroso ed eclettico, ospite delle principali stagioni musicali internazionali, capace di donare alla sua musica un inimitabile senso teatrale, sarà la solista nel Concerto op. 61 di Beethoven, tra le composizioni del musicista di Bonn più amate dal pubblico di tutto il mondo.

BIOGRAFIE

Patricia Kopatchinskaja violino | La violinista dona alla sua musica un inimitabile senso teatrale; che suoni Čaikovskij, Ligeti o Schönberg, o presenti un proprio progetto musicale decostruendo Beethoven, Ustwolskaja o Cage, raggiunge sempre il cuore della musica. Durante la stagione 2020/2021 è stata ospite dell’Orchestre Philarmonique de Radio France, del Festival d’Aix-en-Provence, della Bamberg Symphony e della SWR Symphony Orchestra. Altro momento importante della stagione è stato il suo debutto ai BBC Proms, dove ha eseguito Bartók con la BBC Scottish Symphony Orchestra e Ilan Volkov, ricevendo per questa interpretazione una recensione a 5 stelle da The Times. Ha anche tenuto recital in tutta Europa in sale e festival come la Wiener Konzerthaus, il DR Koncerthuset, la Liszt Academy of Music, il Passau Festival, il DeDoelen a Rotterdam e il Gstaad Festival, esibendosi con partner prestigiosi come Joonas Ahonen, Polina Leschenko e Fazil Say. Nella stagione 2021/2022 collaborerà con le più prestigiose orchestre, come i Berliner Philarmoniker e la City of Birmingham Symphony Orchestra, sarà in tournée con la Budapest Festival Orchestra, si esibirà con la Toronto Symphony e Gustavo Gimeno, la Finnish Radio Symphony Orchestra, la Manchester Camerata e sarà ancora Partner Artistico della Camerata Bern. Nei suoi vari progetti continuerà a suonare le opere di compositori contemporanei esplorando la musica attraverso contesti contemporanei, come Dies Irae, una riflessione musicale sulla crisi ambientale che ha portato a Glasgow durante il COP26. Le pubblicazioni di CD nella stagione 2020/21 hanno incluso Les Plaisirs Illuminés con Sol Gabetta e la Camerata Bern (Alpha Classics), nominato per un Gramophone Magazine, e il Concerto per violino di Francisco Coll con l’Orchestra Philharmonique du Luxembourg e Gustavo Gimeno. Nell’autunno del 2021 uscirà il prossimo album in duo (Alpha Classics) con Sol Gabetta. Dal 2014 al 2018 è stata “Artistic Partner” della Saint Chamber Orchestra ed è ambasciatrice umanitaria di Terres des Hommes.


Jakub Hrůša direttore | È Direttore Principale della Sinfonica di Bamberga, Direttore Ospite Principale della Filarmonica Ceca e Direttore Ospite Principale dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. In precedenza, è stato anche Direttore Ospite Principale della Philharmonia Orchestra. È regolarmente ospite di molte delle principali orchestre del mondo ed è protagonista di strette collaborazioni e frequenti esibizioni con la Filarmonica di Vienna, la Bavarian Radio Symphony, la Filarmonica di Monaco, l’Orchestra del Gewandhaus di Lipsia, la Staatskapelle di Dresda, la Tonhalle Orchester di Zurigo, l’Orchestra del Festival di Lucerna, l’Orchestra del Royal Concertgebouw, l’Orchestre de Paris, l’Orchestre Philharmonique de Radio France, la NHK Symphony e la Mahler Chamber Orchestra; negli Stati Uniti collabora con la Cleveland Orchestra, la New York Philharmonic, la Chicago Symphony Orchestra e la Boston Symphony Orchestra. Come direttore d’opera, ha gestito produzioni per la Staatsoper di Vienna, la Royal Opera House, Covent Garden, l’Opéra National de Paris e l’Opera di Zurigo. La stagione 2021/2022 lo vede tornare alla Royal Opera House per Lohengrin di Wagner. È anche stato regolarmente ospite del Glyndebourne Festival e ha lavorato come Direttore Musicale del Glyndebourne On Tour per tre anni. Nelle recenti stagioni ha avuto collaborazioni con solisti e cantanti di altissimo livello e in campo discografico ha ricevuto numerosi premi e ‘nomination’. Jakub Hrůša ha studiato direzione all’Academy of Performing Arts di Praga e tra i suoi maestri è possibile annoverare Jiří Bĕlohlávek; attualmente è Presidente dell’International Martinů Circle e della Dvořák Society. È stato il primo vincitore del Sir Charles Mackerras Prize; nel 2020 ha ricevuto il “Premio Antonín Dvořák” dall’Accademia di Musica Classica della Repubblica Ceca e, insieme alla Sinfonica di Bamberga, il Bayerischen Staatspreis für Musik.


COE – Chamber Orchestra of Europe | La Chamber Orchestra of Europe (COE) è stata costituita nel 1981 da un gruppo di giovani musicisti noti come membri della European Union Youth Orchestra (oggi EUYO). L’identità della COE è stata forgiata dalle collaborazioni con eminenti direttori d’orchestra e solisti. In primis, è stato Claudio Abbado a rivestire il ruolo di mentore fondamentale durante i primi anni. Anche Nikolaus Harnoncourt ha avuto un’influenza basilare nell’evoluzione della COE tramite le interpretazioni e registrazioni di tutte le Sinfonie di Beethoven. Attualmente la COE collabora a stretto contatto con Sir András Schiff e Yannick Nézet-Séguin, entrambi Membri Onorari dell’Orchestra a fianco dei nomi di Bernard Haitink e Nikolaus e Alice Harnoncourt. Altri artisti della stagione 2020/21 includono Piotr Anderszewski, Lisa Batiashvili, Janine Jansen, Sir Antonio Pappano, Jean-Yves Thibaudet, Robin Ticciati e Yuja Wang. La COE mantiene una stretta collaborazione con molti dei principali Festival e sale da concerto in Europa fra cui la Philharmonie di Colonia, la Philharmonie Luxembourg, la Philharmonie di Parigi, il Concertgebouw di Amsterdam e l’Alte Oper di Francoforte. In collaborazione con la Kronberg Academy, la COE diventerà la prima orchestra ‘residente’ di sempre al futuro Casals Forum di Kronberg nel 2022. I suoi CD hanno vinto numerosi riconoscimenti internazionali, fra cui due ‘Grammy’ e tre Premi ‘Record of the Year’ da parte della rivistaGramophone. Nel 2009 è stata fondata la COE Academy, con l’obiettivo di dare a un selezionato gruppo di straordinari studenti la possibilità di studiare con i principali musicisti della COE e, soprattutto, di andare in tournée con l’Orchestra. La COE è un’orchestra a carattere privato che riceve prezioso sostegno in particolare dalla Gatsby Charitable Foundation e da altri ‘Amici’, fra cui Dasha Shenkman, il Sir Siegmund Warburg’s Voluntary Settlement, il Rupert Hughes Will Trust, l’Underwood Trust, il 35th Anniversary Friends e gli American Friends.

“Le STAGIONI / Musica”, a cura dell’Associazione Teatrale Pistoiese, sono realizzate e rese possibili grazie al fondamentale sostegno dei due principali soci ATP, Comune di Pistoia e Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, del Ministero della Cultura, della Regione Toscana, in collaborazione con Fondazione Pistoiese Promusica, con il prezioso contributo di Far.com, Unicoop Firenze, Toscana Energia e Publiacqua, partner istituzionali di tutta l’attività e, nell’occasione del concerto di Anteprima, con Comune di Pescia e Alfea Cinematografica.

Biglietti: Platea e posto palco 1°/2°/3° ordine centrali: 18,00 (intero), 15,00 (ridotto*); Posto palco 1°/2°3° ordine laterali (13,00 intero), 11,00 (ridotto*); Galleria (10,00); in tutti i settori: 5,00 euro (under14); 8,00 euro (possessori Giovani Card Unicoop – Teatridipistoia; possessori Carta dello Studente della Toscana), 10,00 (under30).

*Riduzioni: Over65, Under30, possessori della Carta Fedeltà Far.com, soci Unicoop Firenze, abbonati delle stagioni ATP 2019/2020 (prosa Manzoni, sinfonica e cameristica), iscritti Scuola di Musica e Danza “Mabellini”, tesserati il Funaro, iscritti FAI, CRAL, Associazione culturali convenzionate con l’Associazione Teatrale Pistoiese.

Prevendita:

– Biglietteria Teatro Manzoni 0573991609-27112 (dal martedì al giovedì ore 16/19; venerdì e sabato ore 11/13 e 16/19). La sera del concerto apertura dalle ore 20; online su www.bigliettoveloce.itwww.teatridipistoia.it

L’accesso ai concerti è regolato in ottemperanza alla normativa Covid-19.

Lascia un commento