Pisa, due eventi di street art nei giorni dell’Internet Festival. Vi partecipano alcune grandi firme dell’arte urbana nazionale e internazionale

C’era una volta… ON/OFF,
L’arte urbana di ZED1 e la rete
Alle logge di Banchi i personaggi del famoso street artist celebrano i 10 anni di Internet Festival

Opera di Zed1 (Marco Burresi)
a cura di GianGuido M. Grassi,
realizzata da stART -Open your eyes promossa da Fondazione Sistema Toscana e

Per celebrare i 10 anni di IF Zed1, tra i maestri del Pop Surrealism e dell’arte urbana internazionale dipingerà live una superficie di oltre 30mq all’interno delle Logge dei Banchi, trasformate per l’occasione nel suo studio d’artista.

Con l’utilizzo dei pennelli e di qualche colore, racconterà una fiaba e ci proietterà in un mondo fantastico abitato da figure antropomorfe dove incontriamo “1” e “0”, i due protagonisti di questa 10^ edizione del festival. I due personaggi rappresentano le cifre del codice binario alla base dell’informatica e i suoi interruttori logici acceso/spento (ON/OFF),… Solo “1” si apre permettendo l’accesso e la circolazione delle lanternucciole (le informazioni, i rapporti, gli scambi), mentre “0” è colto in un atteggiamento di chiusura. Non viene però volutamente imposto alcun giudizio, lasciando agli spettatori la possibilità di interagire con il significato dell’opera e interrogarsi su questo dualismo e sulle nuove forme di futuro che ci attendono nei prossimi anni.

“C’era una volta… ON/OFF, L’arte urbana di ZED1 e la rete” è il nome del progetto promosso dalla Fondazione Sistema Toscana, cuarata da GianGuido Grassi e realizzata da stART -Open your eyes, con cui prosegue il rapporto fra IF e la street art dopo i ritratti di Samantha Cristoforetti. Steve Jobs e Adriano Olivetti eseguiti con il nastro adesivo da NoCurves.

*******************************************************************

#coloraIF, Graffiti & Street art Jam
Alle Manifatture Digitali 5 artisti dipingono le 10 candeline di IF

Dall’8 all’11 ottobre 2020 Fine, Miles, Muz, Noeyes e Massimo Sospetto si susseguiranno per dipingere live 10

pannelli, una mostra per celebrare i 10 anni di IF e realizzare un’iniziativa benefica

Opere di Fine (Marco Galli), Miles, Muz (Samuel Rosi), Noeyes (Giulia Salamone), Massimo Sospetto a cura di GianGuido M. Grassi,
realizzata da stART -Open your eyes e Associazione Universitas
promossa da Fondazione Sistema Toscana iniziativa svolta con il contributo del DSU Toscana

Dall’8 all’11 ottobre presso le Manifattura Digitali del cinema, 5 artisti si susseguiranno in un’unica performance durante la quale saranno dipinti 10 opere su pannelli, 10 grandi candeline, per una mostra dedicata ai 10 anni di IF! Ognuno secondo la propria sensibilità si confronterà con il tema del festival realizzando un dittico di opere “1” /“0”, on/off, le cifre del codice binario dell’informatica.

#ColoraIF| Graffiti& Street art jam per i 10 anni di IF” è un’iniziativa, curata da GianGuido Grassi, promossa dalla Fondazione Sistema Toscana realizzata da stART -Open your eyes e dall’Associazione Universitas e svolta con il contributo del DSU Toscana.

stART -Open your eyes

BIOGRAFIE

stART è un’associazione culturale che si occupa di creare e sviluppare progetti di arte

contemporanea, street art e rigenerazione urbana. Tra i suoi progetti principali segnaliamo il Welcome to Pisa festival

grazie al quale è nato il museo a cielo aperto di Porta a Mare dove è possibile ammirare i muri dipinti da alcune delle

firme internazionali più prestigiose: Sky Arte ha inserito l’area tra i 20 luoghi imperdibili in Italia per la Street art.

Lascia un commento