Pietrasanta, 66° Premio Nazionale di Poesia Giosuè Carducci. I finalisti sono Lorenzo Carlucci, Ivonne Mussoni e Mario Santagostini

Ivonne Mussoni

Lorenzo Carlucci, Ivonne Mussoni e Mario Santagostini sono i tre finalisti del 66° Premio nazionale di poesia “Giosuè Carducci”, la manifestazione promossa dal Comune di Pietrasanta e intitolata al primo Nobel italiano per la letteratura, nato proprio nella “Piccola Atene” della Versilia, che ogni anno valorizza i più interessanti interpreti della poesia contemporanea, autori di un’opera edita in lingua italiana.

“Dalla giuria mi hanno riferito di aver ricevuto più di 110 lavori da tutta Italia – ha commentato il sindaco Alberto Stefano Giovannetti – un numero in crescita rispetto all’edizione scorsa che ci conferma il prestigio e la risonanza che questo premio, intitolato al nostro illustre concittadino Giosuè Carducci, continua ad avere a livello nazionale, dopo così tanti anni e nonostante sia dedicato a un settore, la poesia, da molti considerato ‘di nicchia’”.

Lorenzo Carlucci

“La scelta è stata unanime – ha aggiunto la presidente del Premio Carducci, Ilaria Cipriani – abbiamo lavorato con grande attenzione e in completa armonia. Di questi tre nomi ci hanno colpito l’originalità dei linguaggi e la mescolanza, moderna e accattivante, fra poesia e prosa poetica: anche quest’anno, nella nostra selezione, siamo riusciti a coniugare personalità affermate e nuovi talenti della letteratura, con un occhio sempre rivolto agli autori ma anche ai lettori più giovani”.

Mario Santagostini

La giuria, presieduta dalla stessa Cipriani e composta da Silvia Bre, Stefano Dal Bianco, Umberto Fiori e Antonio Riccardi, ha “promosso” alla serata finale di mercoledì 27 luglio 2022 “Sono qui solo a scriverti e non so chi tu sia”, il volume che racchiude le poesie di Lorenzo Carlucci, ricche di stimoli sensoriali, cangianti per metro, tono e registro, a rappresentare la continua metamorfosi della vita. Ancora, “Sirene” di Ivonne Mussoni, giovanissima scrittrice e redattrice di Rimini che in questa raccolta ripercorre il mito della creatura mitologica, metà donna e metà pesce, rinnovandolo con versi al tempo stesso limpidi e complessi. Infine, “Il libro della lettera arrivata, e mai partita” dell’autore milanese Mario Santagostini, anomala e originale autobiografia in versi permeata da un’altissima tensione espressiva, dove passato e presente, reale e immaginario si incontrano in connessioni sorprendenti.

Il 27 luglio, data di nascita di Giosuè Carducci, saranno come di consueto due i momenti di celebrazione: la mattina, alla casa natale del poeta a Valdicastello, verrano premiati gli studenti per il concorso “La poesia della scuola”; la sera, dalle 21,30, la cerimonia ufficiale di premiazione in piazza Duomo.

Lascia un commento