Peter Hammill in concerto (17 novembre) alla Goldonetta per il Premio Ciampi 2017. Poi due sere con Coez al teatrino del The Cage

Dischi & Live, Livorno

Il weekend del Cage Theatre si conferma un appuntamento di grande successo con una tripla serie di “tutto esaurito” per gli appuntamenti della settimana. Venerdì 17 novembre 2017 The Cage in collaborazione con il Premio Ciampi porterà l’icona del prog-rock Peter Hammill sul palco della Goldonetta, per l’unica data toscana. La notte del venerdì del The Cage Theatre ospiterà poi, come sempre, i djset alternativi di Orto Dance-Orto Cage. Sabato 18 e domenica 19 novembre al The Cage Theatre arriva invece il “Faccio un casino tour” di Coez, la stella pop-rap della scena indie romana.

Venerdì 17 novembre 2017 – Il geniale Peter Hamill (nella foto sopra il titolo), tra i principali esponenti della corrente progressive rock made in UK e storica voce dei Van der Graaf Generator, arriva alla Goldonetta per la ventitreesima edizione del Premio Ciampi, che gli consegnerà il Premio Ciampi Speciale 2017. L’evento è una collaborazione dell’associazione culturale The Cage con Premio Ciampi e Barley Arts Promotion. Un appuntamento con una voce storica, un testimone fondamentale della stagione musicale progressive mondiale, sulla scia di “Piero lo straniero”, collegando musica, spazi, sperimentazioni, seguendo il tema cardine scelto per quest’anno dagli organizzatori del Premio Ciampi.Tra i principali esponenti della corrente progressive rock nata in Inghilterra, Hammill è sulle scene internazionali dalla fine degli anni ‘60 e con i Van der Graaf Generator conta una discografia che va dal 1969 fino ad oggi; l’ultimo disco della band, Do Not Disturb, risale al 2016 ed è il trentesimo pubblicato dalla band inglese che, dopo lo scioglimento del 1978, si è riunita nel 2005. Un disco come Pawn Hearts, uscito nel 1971, è entrato nella storia della musica contemporanea, come punto cardine del genere progressive. Accanto al percorso con il suo gruppo di riferimento, nel quale si destreggia tra voce, chitarra e tastiere, Peter Hammill ha una carriera solista altrettanto prestigiosa e caratterizzata da una vastissima produzione. L’ultimo lavoro da solista di Hammill “All That Might Have Been”, uscito nel 2014; dopo Do Not Disturb (2016), il trentesimo album dei Van De Graaf Generator, il compositore è attualmente al lavoro su un nuovo capitolo della sua carriera solista, in un viaggio che continua denso di rinnovamenti, sperimentazioni al di là di ogni limite, a esplorare i percorsi sonici di un cuore musicale visionario, in continuo tumulto creativo.

La notte del venerdì al teatrino del The Cage Theatre ci sarà invece  il consueto appuntamento con Orto Cage – Orto Dance con le selezioni musicali di Matteino Dj. Quest’anno per vincere due ingressi omaggio con due drink inclusi la sfida è quella di indovinare il titolo di una canzone seguendo un indizio musicale pubblicato sulla pagina Facebook di Orto Cage. La febbre del venerdì sera della Leccia comincia a mezzanotte, con ingresso e drink a 5 euro entro l’una e a 8 euro dopo

Sabato 18, domenica 19 novembre 2017 – Due date entrambe sold out nel giro di poche settimane, appena il nome di Coez è apparso nella programmazione del Cage Theatre, si è mosso un vero e proprio esercito di appassionati che ha portato al doppio tutto esaurito, in un vero e proprio lampo. Coez è la stella emergente dell’indie pop romano, un turbinio di sold out ai palalottomatica in giro per il Belpaese, tempesta di click e visualizzazioni che gli hanno creato intorno un vero e proprio esercito di fan incantati dalla sua musica e intrappolati nell’incantesimo pop di “Faccio un casino tour”, sorta di mantra pop-rap-elettro arrivato ormai al successo nazionalpopolare.

COEZphMagliocchetti (800×533)
Coez

Il 2007 è un anno importante per Coez con la formazione del collettivo Brokenspeakers che si fa conoscere in tutta Italia, arrivando ad aprire anche concerti di artisti del calibro di Busta Rhymes, Mazzy, Friskis e Dilated Peoples, Club Dogo, Richard Benson e Colle der Fomento. Parallelamente al lavoro con i Brokenspeakers, Coez intraprende una carriera solista. A fine 2009 nasce il suo primo album “Figlio di nessuno”. L’11 giugno 2013 è stato pubblicato il suo album “Non erano fiori” per la “Carosello Records” con la collaborazione di Riccardo Sinigallia. L’album è entrato nella top 10 della Classifica FIMI Album, riscuotendo un buon successo. Il 5 maggio 2017 esce il suo quarto disco da solista, “Faccio un casino”, il quale viene anticipato dall’uscita dell’omonimo singolo il 10 marzo. “Ho scritto ti amo sulla sabbia, no Posso fare di meglio / Strappo lo scalpo di quest’alba /E te lo porto al risveglio /E ho rotto tutto quello che potevo per te, che sei tutto quello che volevo. Da ragazzino ero bravo coi Lego/ E cazzo è chiaro che adesso mi lego” canta Coez in “Faccio un casino”, album che ha intercettato l’onda emozionale sentimentale di trentenni e millenials, cantando canzoni d’amore non sempre dolci, ma spesso amare e sospese, riuscendo ad arrivare a un pubblico vastissimo che nella sua musica trova un racconto d’amore, di amarezza, di aspettative sognate o disarmanti, in cui si specchia, trascinando questo lavoro in testa alle classifiche in una tempesta perfetta di successo.

ORARI: sabato 18 Apertura Garden bar & Panino Clandestino ore 20.00 – apertura porte ore 21.45 – inizio concerto ore 23.00 A seguire MY GENERATION – Cage Night Party, ad ingresso libero / domenica 19 Apertura Garden bar & Panino Clandestino ore 20.00 – apertura porte ore 21.00 – inizio concerto ore 22.00
info@thecagetheatre.it – Cageline 392 8857139

 

Lascia un commento