“Pausa caffè”, terzo album della Borrkia Big Band con guest star Danny Bronzini. Un live a Saline di Volterra

Dischi & Live, Pisa

Si terrà venerdì 28 aprile 2017 allo Zanzibar di Saline di Volterra, in contemporanea all’uscita nei negozi su etichetta Vrec/Audioglobe, la presentazione ufficiale di “Pausa Caffè” il terzo album della Borrkia Big Band con ospite speciale Danny Bronzini, il chitarrista di Jovanotti e degli Oliver Onions, che ha composto con Stefano “Borrkia” Toncelli il nuovo singolo “Non dormo di notte”. I due artisti si esibiranno in due ore di puro rock’n’roll allo Zanzibar in Via Massetana 7 a Saline di Volterra. Inizio ore 21:30, ingresso libero.

“Pausa Caffè” è l’album che rappresenta al meglio il lato goliardico e divertente del personaggio Borrkia uno dei più talentuosi polistrumentisti toscani, già batterista “sceriffo” de Il Maniscalco Maldestro. L’album è stato concepito in due blocchi diversi ma sempre in periodi di vacanza al mare, e questo lo rende un’opera solare e col retrogusto di salmastro. I brani contenuti descrivono atteggiamenti di vita quotidiana del personaggio in causa, sentimenti confusi di amore e odio, i sabati sera senza fine, la vita notturna con gli amici, la passione per i motori, l’amore per la famiglia, i sogni della notte ed il legame con le proprie radici. Il titolo del disco è “Pausa Caffè” a richiamare le frequenti pause e momenti di relax dove sorseggia del buon caffè ristretto rigorosamente in tazzina di vetro. L’album è stato registrato nell’estate del 2016 da Iacopo Casalini e Stefano Toncelli nelle sedi della Fattoria Maldestra tra le campagne toscane della Val di Cecina, eccezion fatta per il primo brano “Ti amo ti odio” che è stata prodotta da Finaz della Bandabardò, registrata a Firenze al Wall Up Studio da Paolo Baglioni. Il brano “Non dormo di notte” è stato scritto e suonato insieme all’amico e chitarrista Danny Bronzini (già chitarrista di Jovanotti e dell’ultimo tour internazionale degli Oliver Onions), e in altre tracce sono presenti molti altri ospiti come Francesco Ceri e Andrea Gozzi (Matti delle Giuncaie) e l’ armonicista livornese Mimmo Mollica. Il sound generale del disco è di carattere Rock’n’Roll anni ’50 grazie alla cura nello stile e all’uso di strumenti vintage, ma non mancano i momenti Country, Blues e Slow.

 

Lascia un commento