Palcobaleno in Fortezza Vecchia, doppio appuntamento (il 17 e 18 giugno) con “Studio per cose che non sono vere” del Laboratorio Giovani Adulti della Fondazione Teatro Goldoni di Livorno

Un nuovo doppio appuntamento giovedì 17 e venerdì 18 giugno 2021 alle ore 21, con Studio per “Cose che non sono vere” del Laboratorio Giovani Adulti della Fondazione Teatro Goldoni di Livorno per Palcobaleno, la programmazione del Teatro Goldoni in Fortezza Vecchia in collaborazione con Menicagli Pianoforti. 
Studio per “Cose che so che sono vere” è un’ode alla famiglia ed un omaggio a tutte le madri, i padri, le figlie o i figli, le sorelle o i fratelli, le mogli e i mariti. E’ un’indagine sulla famiglia e sulla complessità delle relazioni che s’intrecciano al suo interno.

È una storia che parla dell’amore che ci lega a quella stretta cerchia di persone così preziose nella nostra vita e di come a volte se ne possa dare troppo ed altre non se ne riesca a dare abbastanza e su quanto non sia facile conoscere la giusta via di mezzo. È la storia di una coppia di genitori (Bob e Fran) e del viaggio compiuto dai loro quattro figli (Mark, Pip, Ben e Rosie) per crescere, trovare la propria identità e compiere quelle scelte che li condurranno a diventare adulti.  Non è facile essere genitori: crescere dei bambini ed imparare ad essere una buona squadra. È difficile capire quando quelli che erano bambini sono diventati donne e uomini che hanno il diritto di essere lasciati andare, di essere liberi, di sbagliare, di imparare. Di scegliere. Spesso il futuro che i genitori sognano per i propri figli non è quello che i figli sognano per se stessi; proprio come le scelte compiute dalle madri e dai padri nel corso di tutta una vita sono spesso vecchie e incomprensibili per i giovani.  Due generazioni. Due mondi con valori, aspettative e sogni diversi e lontani, che solo l’amore è capace di tenere insieme. Le persone non sono perfette. Anche le persone che ami. Specialmente le persone che ami. Amare un figlio, una madre, un padre, un fratello, una sorella, un uomo, una donna, per quello che sono, per quello che sono capaci di dare e per la fragilità che risiede in ognuno di loro, ed in ognuno di noi.   Studio per “Cose che so che sono vere”, ispirato dalla famiglia raccontata dall’autore australiano Andrew Bowell, è uno spettacolo che percorre il tempo di un anno, attraversando le quattro stagioni. Quattro, come i figli della famiglia Price.  È uno spettacolo che ci ricorda che amare è un atto di coraggio: il coraggio di essere vulnerabili. Di legarsi a qualcuno che un giorno potrebbe non esserci più. Amare significa anche accettare il rischio di perdere. Ma ne vale la pena, perché riceviamo in cambio il dono più grande di tutti: aver condiviso una parte della nostra vita. Esserci nutriti l’uno dell’altro ed essere persone migliori grazie a quello che l’altro ci ha permesso di diventare. Niente rimane immutabile per sempre ma qualsiasi cosa accada dobbiamo ricordare che non è finita. Che la vita va avanti. Che altri cari hanno bisogno di noi e sono lì per noi. La nostra famiglia. Cose che sappiamo essere vere sul Laboratorio Giovani Adulti della Bottega d’Arte del Teatro Goldoni, ovvero come resistere ad un virus che ci voleva più soli, più tristi e con l’immaginazione addormenta. 

“Nella lista delle Cose Che Sappiamo Che Sono Vere c’è l’amore di questo gruppo di giovani per il teatro, c’è il loro coraggio, la loro passione, il loro ottimismo e la loro generosità. Sappiamo che fare teatro in epoca di pandemia è una forma di resistenza ed un allenamento alla speranza. Sappiamo che provare da remoto non può bastare ma che senza quelle prove e quegli incontri da novembre ad aprile non saremmo stati qui stasera. Sappiamo che non tutte le connessioni internet a Livorno sono stabili: sappiamo che qualcuno si connetteva dal garage (perché c’è più spazio!) e qualcuno dal terrazzo (perché lì prende meglio!). Adesso sappiamo che ci sono persone (almeno quattro!) che hanno talmente fame d’immaginazione e gioco da decidere di iniziare il loro primo corso di teatro con un gruppo di sconosciuti in versione online. (E li ringraziamo per essersi imbarcati su questa nave in tempesta insieme a tutti noi). Sappiamo anche che molti genitori, fratelli, sorelle, figli e nonni seduti tra il pubblico hanno dovuto convivere almeno un paio di sere a settimana per mesi con le nostre prove e probabilmente a volte avranno dovuto alzare il volume della tv per sentirla. Sappiamo che provare un mese e mezzo in presenza all’aperto, nei parchi, nelle piazze, col vento, con la pioggia, col sole rovente è molto più faticoso che avere una sala prove a disposizione… ma a volte può essere sorprendente. Sappiamo che dietro ai problemi si nascondono opportunità. Sappiamo che oggi saliamo su questo palco di fronte al mare, per la prima volta, e sappiamo che probabilmente ci saranno un sacco d’imprevisti perché in questo spazio non abbiamo mai potuto provare ed allenarci e prendere le misure… Non siamo mai potuti rientrare in teatro, neanche una volta, su nessun palco, in nessuna sala prove, da febbraio 2020. Però sentiamo che, dopo “due anni senza”, avere di nuovo un posto dove invitare il pubblico a sentire una storia è un privilegio, una fortuna e una gioia.
Sappiamo che vogliamo raccontare questa storia. Che vogliamo andare fino in fondo. Che abbiamo temuto spesso di non farcela. Ma sappiamo che qui, oggi, tutti insieme, ce la stiamo facendo”

                                                                                                                                         Annalisa Cima e Mauro Pasqualini

                                                                                                                                      Docenti del Laboratorio Giovani Adulti

Mise en espace Annalisa Cima e Mauro Pasqualini fotografie e grafica Matteo Morsellino e Francesco Poggiali 

con le allieve e gli allievi del Laboratorio Giovani Adulti della Bottega d’Arte – Teatro Goldoni: Chiara Bersotti, Virginia Di Lazzaro, Valentina Donzella, Margherita Ferrini, Marta Serraglini, Nicola Filippi, Riccardo Massucco, Matteo Morsellino, Alessio Staccioli, Matteo Trematerra, Ilaria Moriconi, Chiara Vaiani, Giacomo Favilli, André Fournier, Mattia Lombardi, Matteo Marrucci, Leonardo Cavalieri, Rinaldo Merelli, Francesco Poggiali, Rebecca Lucchesi, Ambra Passetti, Marta Rizzo, Francesca Vigneri

  • BIGLIETTI Posto Unico non numerato: Scuole e Laboratori € 5, Scuole danza, Cori e Compagnie locali € 7 La biglietteria sarà aperta dal 3 giugno da martedì a sabato ore 10/13 e i giorni di rappresentazione nel luogo di spettacolo 2 ore prima dell’inizio. Biglietti in vendita On line su goldoniteatro.it  Info 0586204237 – Biglietteria 0586204290  

Lascia un commento