Otto appuntamenti guidati (il 27 e 30 dicembre, poi il 3 e il 6 gennaio) al Museo del Bargello per scoprire la mostra “La mirabile visione. Dante e la Commedia nell’immaginario simbolista”

Otto appuntamenti alla scoperta della mostra “La mirabile visione. Dante e la Commedia nell’immaginario simbolista” in programma al Museo Nazionale del Bargello fino al 9 gennaio 2022. 

Si moltiplicano le occasioni, nell’anno in cui ricorre il settimo centenario dalla morte del poeta, per approfondirne la figura e l’esposizione, a cura di Carlo Sisi e Ilaria Ciseri, che indaga la complessa percezione di Dante e della Divina Commedia nel contesto artistico e letterario tra Otto e Novecento. 

Lunedì 27 dicembre 2021, giovedì 30 dicembre e lunedì 3 gennaio 2022, suddivisi in due turni di visita uno alle ore 10 e uno alle ore 11,30 si terrà il percorso guidato da operatori professionisti di Opera Laboratori per un massimo di 12 persone (disponibilità fino ad esaurimento posti) munite di regolare biglietto del Museo. Punto di ritrovo con l’operatore didattico sarà nel cortile del Bargello. Analogamente giovedì 6 gennaio 2022 sempre due turni di visita, ma nel pomeriggio alle ore 15 e alle ore 16,30. 

La mostra, realizzata con il contributo e il patrocinio del Comitato Nazionale per le Celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, il patrocinio del Comitato “700 Dante” coordinato dal Comune di Firenze e il contributo di Fondazione CR Firenze, presenta una selezione di opere che, dalle correnti naturaliste agli influssi europei del Simbolismo, illustrano lo straordinario catalogo di immagini che il poema dantesco era in grado di offrire al mondo dell’arte. Il percorso è stato concepito come una narrazione tematica e interdisciplinare, all’interno della quale le opere formano una stringente sequenza che collega fra loro dipinti, sculture e rimandi concettuali e letterari impliciti nella vicenda biografica e poetica di Dante. Esposte al Museo Nazionale del Bargello i visitatori troveranno 57 opere tra pitture, sculture, stampe, incisioni, fotografie, provenienti da musei, biblioteche e istituti di cultura internazionali (tra cui il Musée d’Orsay, il Musée Rodin, il Museo del Prado, la Pinacoteca di Brera, le Gallerie degli Uffizi, le Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea – Museo dell’Ottocento di Ferrara e il Museo Etrusco di Villa Giulia) oltre che da alcune importanti collezioni private.

Visitabile fino al 9 gennaio 2022, la mostra organizzata in collaborazione con Firenze Musei,  ha avuto il patrocino e un contributo del Comitato Nazionale per le Celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, ed è stata realizzata anche grazie ai contributi versati, tramite Art Bonus, al Museo Nazionale del Bargello nell’anno di Dante ed. Il progetto scientifico è di Carlo Sisi che, con Ilaria Ciseri, e insieme al comitato scientifico – costituito da Emanuele Bardazzi, Ilaria Ciseri, Flavio Fergonzi, Laura Melosi – ha curato il catalogo della mostra edito da Polist

Lascia un commento