Orbetello, il Festival Le Crociere chiude con la festa Fanfara Station che celebra l’epopea dei migranti del Mediterraneo

Grosseto, Musica

Il Festival Le Crociere di Orbetello, organizzato dal Comune lagunare con Ad Arte Spettacoli, chiude in piazza Marinai d’Italia il 19 agosto 2018 con una festa aperta a tutti (ingresso libero) al tramonto (h. 19.30) Fanfara Station, un progetto in trio con looping dal vivo che fonde la forza dei fiati, l’elettronica e i ritmi e i canti del Maghreb.

Fanfara Station celebra l’epopea dei popoli migranti del Mediterraneo, delle culture musicali della diaspora africana e dei flussi che da sempre uniscono il medio oriente al Maghreb, all’Europa e alle Americhe. Gli strumenti utilizzati sono tantissimi: le percussioni scascika, tar, bendir, darbuka e tabla che si intrecciano con la tromba, il trombone, il clarinetto e i tre fiati tunisini: nay, mizued e zocra.

Tre musicisti: Marzouk Mejri, cantautore e polistrumentista tunisino considerato uno dei migliori percussionisti sulla scena italiana, il trombettista statunitense Charles Ferris che sperimenta i generi legati alla diaspora africana e alle tradizioni balcaniche. Marco Dalmasso aka Ghiaccioli e Branzini è DJ e produttore torinese di stanza a Firenze che negli anni ha sviluppato uno stile assai personale, partendo dall’elettronica e contaminandola col blues, il jazz e il folk. Nell’area sarà allestito uno spazio dedicato allo street food di Mollica’s.

Lascia un commento