Montelupo, Piatto con giocatori di Palla col bracciale, XVII sec

Notti dell’archeologia. Venerdì 12 luglio (ore 17.30) una visita speciale al Museo del Bargello seguendo la fantasia e la tecnica nelle maioliche del Rinascimento

Arte, Firenze

Venerdì 12 luglio 2019 alle 17.30 nel Museo Nazionale del Bargello si svolgerà una visita guidata alla collezione di maioliche del Museo. L’evento, che si inserisce nell’ambito della XIX edizione delle “Notti dell’Archeologia” permetterà di approfondire temi legati alle tecniche di produzione e alle figurazioni dipinte dai vasai rinascimentali e sarà condotta dal dott. Marino Marini, archeologo e curatore delle raccolte di ceramiche dei Musei del Bargello (sopra il titolo: Montelupo / Piatto con giocatori di palla col bracciale /XVII secolo).

Le notti dell’Archeologia, promosse dalla Regione Toscana e giunte quest’anno alla loro XIX edizione, prevedono un ricco programma di aperture straordinarie serali e notturne, eventi dedicati nei musei, aree e parchi archeologici della Toscana. Il tema di questa edizione, dal titolo “Arte e techne”, è centrato sulle componenti estetiche ed artistiche delle collezioni e in generale del patrimonio culturale dalla preistoria a oggi, con uno sguardo attento sia alle tecniche di realizzazione dei manufatti artistici che alla tecnologia disponibile dai tempi più remoti, in continua evoluzione.

Urbino, bottega dei Fontana, Rinfrescatoio con Cerase coronato sul campo di battaglia, 1565-1575 ca
Urbino, bottega dei Fontana, Rinfrescatoio con Cerase coronato sul campo di battaglia, 1565-1575 circa

La visita che si svolgerà al Museo Nazionale del Bargello porta il titolo “Fantasia e tecnica nelle maioliche del Rinascimento” e sarà focalizzata sulle tecniche di produzione delle fornaci ceramiche fra Medio Evo e Rinascimento, seguendo il tema proposto quest’anno per le “Notti dell’Archeologia”; una particolare attenzione sarà riservata alle maioliche a lustri metallici prodotte nella Spagna durante la dominazione musulmana, che nel Quattrocento tanto successo riscossero presso le nobili famiglie fiorentine e toscane.

Manises (Valencia), Piatto a lustro con emblema di Domingo Porta, abate di Poblet, inizio XVI sec
Manises (Valencia), Piatto a lustro con emblema di Domingo Porta, abate di Poblet, inizio XVI secolo

Si potranno, in particolare, ammirare degli esempi di piatti e vasi decorati prendendo a modello le xilografie poste a corredo dei primi libri a stampa o le incisioni e i disegni dei più famosi pittori del Rinascimento; alcuni di questi artisti inoltre furono ingaggiati da alti prelati, nobili e reggenti per progettare serviti di vasellami suntuosi, con figurazioni tratte dalla mitologia e dalla storia antica, spesso arricchiti dall’emblema araldico del committente.

Il percorso guidato avrà la durata di un’ora ed è compreso nel costo del biglietto d’entrata al Museo. Il punto di ritrovo, per quanti vorranno partecipare, è previsto nel porticato del Cortile nei pressi dell’ingresso alla mostra “Verrocchio, il maestro di Leonardo”

Per la visita guidata, il numero massimo di partecipanti è fissato a 35 persone.

Info: www.bargellomusei.beniculturali.it 

Musei del Bargello – Ufficio Comunicazione e Promozione
Tel. 055- 0649460 – e-mail: mn-bar.comunicazione@beniculturali.it

Lascia un commento