Margherita Buy_© Gianmarco Chieregato

Il misterioso terreno dell’amore: anteprima al “Solvay” con Galimberti, Rubini e Buy. A Campiglia (con fotogallery) il via alla stagione

Livorno, Teatro e Danza

AL SOLVAY ANTEPRIMA CON GALIMBERTI, RUBINI E BUY

Domenica 26 novembre 2017 si alza il sipario al Teatro Solvay: alle 16 va in scena l’anteprima della stagione teatrale 2017/18, frutto della collaborazione fra il Comune di Rosignano Marittimo e la Fondazione Toscana Spettacolo onlus, con il supporto tecnico della Fondazione Armunia. “Tra la mia ragione e la mia follia ci sei tu “, in prima regionale per la Toscana, è una conferenza scenica di Umberto Galimberti, filosofo e psicoanalista junghiano, che, in veste di magnifico divulgatore, conduce il pubblico nel misterioso terreno dell’amore.

Galimberti Umberto_© Dario Mainetti
Umberto Galimberti (ph. Dario Mainetti)

In questo viaggio due icone del cinema e del teatro italiano – Sergio Rubini e Margherita Buy – interpretano significative pagine letterarie su sentimenti, passione e desiderio. Partendo da un testo cardine sull’Eros: il Simposio di Platone.

Produzione del Nuovo Teatro di Marco Balsamo, nata da un’idea di Paola Pedrazzini, la conferenza spettacolo segue la visione del grande filosofo, secondo cui “Amore non è qualcosa di cui l’Io dispone, ma semmai è qualcosa che dispone dell’Io”. Un percorso che si dipana tra i due poli della ragione e della follia, infatti “le cose d’amore non appartengono al racconto dell’anima razionale perché, in loro presenza, l’anima si sposta, esce dal recinto umano della ragione e si ricongiunge alla follia degli dei. Ma non ci perdiamo in essa, perché ci accompagna l’amato, a cui siamo legati proprio perché ha colto e in qualche modo riflesso la nostra follia”.
Galimberti, già ordinario di filosofia della storia, psicologia generale e psicologia dinamica all’Università di Venezia, oggi scrive su La Repubblica. Il filosofo, come accennato, viene affiancato da due celebri e versatili interpreti del palcoscenico, che sono stati anche una coppia nella vita.

Sergio Rubini_foto hd
Sergio Rubini

Rubini, grande protagonista del cinema italiano, dopo gli esordi a teatro viene scoperto da Fellini che lo impone alla critica ne “L’Intervista”. Buy è una delle migliori attrici italiane (nell’immagine sopra il titolo, ph. Gianmarco Chierigato), capace di dare intensità ad ogni ruolo interpretato e di rinnovarsi con versatilità. Artista pluripremiata (vincitrice di sette David di Donatello, sette Nastri d’Argento, cinque Globi d’oro e tredici Ciak d’oro) è la musa di importanti registi come Lucchetti, Rubini, Ozpetek, Verdone, Virzì, Comencini. .
La stagione vera e propria al Teatro Solvay inizierà sabato 2 dicembre (ore 21,15, come tutti gli altri spettacoli) con Emilio Solfrizzi ne “Il borghese gentiluomo” di Armando Pugliese, una rilettura teatrale da Molière.

Lo spettacolo del 26 novembre è fuori abbonamento, in prevendita sul circuito Boxoffice con aggiunta della commissione o al Teatro Solvay dalle ore 14. Biglietti: primi posti 15 euro, ridotti 13; secondi posti 12 euro, ridotti 10. Riduzioni per under 26, over 65, Gruppo Filarmonico Solvay, Schola Cantorum, Scuola Musicale Bacchelli, Università Popolare. Informazioni: Armunia 0586 754202, 0586 759021.

AL VIA LA STAGIONE AI “CONCORDI” DI CAMPIGLIA MARITTIMA

“Il circo delle bolle di sapone in su” è il titolo dello spettacolo d’inaugurazione del Teatro dei Concordi in calendario domenica 26 novembre alle ore 17.00. L’ingresso è libero e allo spettacolo seguirà un piccolo buffet con brindisi, il saluto istituzionale e la presentazione della nuova gestione affidata alla società Alfea Cinematografica con la direzione artistica di Battista Ceragioli.
“Il circo delle bolle” è una creazione di Michelangelo Ricci per la Compagnia Ribolle che promette una coinvolgente esperienza a stretto contatto con la magia del circo in un’atmosfera tra sogno e realtà: uno spettacolo che muove dal sospeso incanto delle bolle di sapone dove danza e circo sprigionano una cascata di energia vitale. I volti della compagnia Ribolle sono Simona Baldeschi, Maria Grazia Fiore, Maurizio Muzzi. Animazione di sala di Giusi Salvia, Giuseppe Scavone, Fabio Buonocore, Soledad Flemma. Fotografo di scena Gian Luca Palazzolo, tecnica Flavia Sciorilli.
Gli attori disegnano le coreografie e giocano la drammaturgia di questa messa in scena di Michelangelo Ricci, dando vita ad una miriade di bolle, grandi e piccole, con le loro mani nude o facendo riferimento a strani congegni per reinventare storie piene di divertimento e trovate. Dotati di quella leggerezza triste dei mimi e degli artisti circensi, sono clown, giocolieri e interpreti allo stesso tempo, questi attori che raccontano con garbo e senza spreco di parole, come la poesia sia vicina alla vita e viceversa. Altri artisti ruotano tutt’intorno allo spettacolo animando con gag e laboratori di bolle il foyer, la sala, l’esterno del teatro con l’effetto di un vero circo fatto di numeri senza animali e magia di un mondo che ricorda l’infanzia, nel quale il tempo resta sospeso.
Per informazioni è possibile chiamare il 339.3232394 (guarda la fotogallery).

Dall’11 gennaio si entrerà invece nel periodo del cartellone istituzionale convenzionato con Fondazione Toscana Spettacolo per la cui realizzazione il Comune di Campiglia Marittima ha approvato la convenzione in consiglio comunale il 15 novembre 2017. Sette spettacoli in calendario più tre di teatro ragazzi, a breve tutte le informazioni sul programma e su come abbonarsi.
Nel frattempo vediamo i principali eventi in dicembre:
Concerto di Natale. Il 23 dicembre alle 21 in calendario il concerto di Natale organizzato dall’Associazione Sei Venturinese se… nell’ambito del progetto Un pulmino per Spazio H: a esibirsi saranno l’orchestra Hendel di Piombino diretta da Christine Angele e il coro dei Concordi di Roccastrada diretto da Alessio Pagliai con un programma di musica classica e atmosfere natalizie (ingresso a offerta libera).
Saluto al nuovo anno. Il 31 dicembre la nuova gestione del teatro propone una serata dal titolo Saluto al Nuovo Anno, evento che comprende due spettacoli, il brindisi di mezzanotte e la cena a buffet per chi desidera completare il pacchetto. Alle 21.45 andrà in scena lo spettacolo Defunto… ma non troppo, commedia comica in due atti di Marco Chiappini. A mezzanotte si farà il brindisi di benvenuto al 2018 con tutta la compagnia, alle 00.45 il varietà vernacolare Bei mi’ tempi… cor botto. Per la serata con inizio alle ore 21.45 il prezzo del biglietto è di 30 euro. In alternativa si può scegliere il programma con il gran buffet delle 20.15 al prezzo totale di 50 euro. Direzione Artistica Battista Ceragioli. Per informazioni chiamare il 339.3232394.

Lascia un commento