“M’illumino di meno”, la giornata del risparmio energetico: Palazzo Pitti spegne le luci della facciata dalle 18 alle 20

Firenze, Focus

Le Gallerie degli Uffizi partecipano a “M’illumino di meno”, la giornata del risparmio energetico organizzata da Rai Radio 2, con il patrocinio del Parlamento Europeo, del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, nonché del MiBACT, del Ministero dell’Ambiente e di quello dei Trasporti.

Venerdì 23 febbraio 2018, saranno spente la facciata di Palazzo Pitti dalle 18 alle 20: per massimizzare il risparmio i potenti fari che dalle terrazze illuminano il bugnato della Reggia, rimarranno spenti tutta la notte. Alle 18,15, in collegamento in diretta con “Telegram”, il programma televisivo di Rai News 24 condotto da Antonio Di Bella, Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi, sarà intervistato, dalla troupe di Caterpillar, il programma di Rai Radio 2 sull’iniziativa per il risparmio energetico.

Sarà l’occasione per riflettere sul valore dell’eredità culturale nelle città d’arte d’oggi, sui flussi turistici e la loro sostenibilità: Palazzo Pitti è parte del complesso delle Gallerie degli Uffizi ma paradossalmente è in ombra rispetto all’altisonante nome della fabbrica vasariana. La Reggia che ha ospitato tre dinastie (Medici, Asburgo Lorena e Savoia) è il museo che oggi accoglie il numero maggiore di opere di Raffaello al mondo. “Ma senza ragionare di numeri, è un luogo di fascino altissimo che all’aspetto museale, combina quello di residenza reale esponendo arredi, tappezzerie ed esibendo strepitose viste panoramiche sulla città. 2425 passi separano gli Uffizi dalla cima del Giardino di Boboli: li abbiamo contati – ha detto Schmidt – nel corso di una bellissima passeggiata in una fredda e soleggiata mattina di febbraio per partecipare anche noi alla XIV edizione di “M’illumino di meno” dedicata alla bellezza del camminare e al riscoprire stili di vita sostenibili, con l’obiettivo di raccogliere 555 milioni di passi per raggiungere simbolicamente la Luna. Invitiamo così anche visitatori e cittadini a riscoprire la bellezza del tratto che unisce gli Uffizi alla Reggia di Pitti e corre sotto il Corridoio Vasariano (al momento chiuso al pubblico per lavori di ristrutturazione, ndr), offrendo straordinari scorci dal Lungarno, Ponte Vecchio, la piazza e il Palazzo che si aprono a sorpresa, e la magnifica vista su Firenze che si gode dal Giardino di Boboli”.

Lascia un commento