MILANO FASHION WEEK / 7. I colori della terra e le nuance della notte: Antonelli Firenze firma una collezione morbida, chic e con particolari inediti (con fotogallery e video)

Moda e Artigianato

Nello showroom di via Tortona, a Milano, la Fashion Week di Antonelli Firenze per l’autunno-inverno 2018/2019 si estrinseca in una collezione ampia, fatta di tessuti ora lievi (come le sete), ora fluttuanti (come i velluti), ora morbidi e caldissimi (come i cappotti dal taglio classico ma ricchi di particolari inediti, come la martingala in visone, le tasche in velluto trapuntato su un capo di tessuto quasi maschile, le manopole anch’esse in pelo…).

16_Antonelli_alta_stampa16Si potrebbe dire che c’è l’estate nell’inverno 2018 di Antonelli Firenze per una collezione che gioca su cromie, contrasti e sovrapposizioni superando ogni confine. Intanto, mentre si varca la porta del luminoso showroom, si viene subito avvolti dal colore: una esplosione di colori decisi e ricchi di personalità che, declinati nei tessuti invernali e nelle fantasie jacquard, perdono ogni stagionalità e propongono un nuovo accostamento con i bianchi, i grigi, i cammelli.

Il giallo del sole, il rosso fiamma, l’arancione-ruggine, il blu copiativo e il verde-turchese, sono le inaspettate cromie dei cappotti bon ton in lana, di quelli in alpaca strappata, dei nuovi montoni dal peso piuma, dei capospalla damascati e dei lunghi chimono floreali. Mentre diventano elemento decorativo come bande laterali dei pantaloni o esaltano la luminosità nelle fantasie delle camicie in seta.

FOTOGALLERY: Particolari Chic

Fanno la differenza le tante versioni del velluto, declinato nelle nuance della collezione e proposto a costa schiacciata, liscio, jacquard, stampato per gonne, pantaloni, blazer, ma anche in cappotti vestaglia o modelli jogging che, a costa schiacciata, diventano nei loro colori un capo elegante. E il blu diventa il nuovo nero nei look più formali dove i pantaloni in seta sono da indossare con maglie over in angora dal peso piuma (a seguire il video della collezione).

 

Lascia un commento