METEO. Abbondante neve in Garfagnana, chiuse la SP 16 nel tratto Naggio-San Donnino e la SP 17 daSan Pellegrino fino al confine con la provincia di Modena. La situazione e le previsioni

Notte di lavoro, quella tra il 31 dicembre 2020 e Capodanno per i tecnici della Provincia, il personale della viabilità e le ditte affidatarie del servizio strade, a causa della copiosa neve caduta anche a bassa quota (200-300 metri).

Il lavoro effettuato durante la nottata ha permesso di mantenere percorribile la rete stradale provinciale, con la sola eccezione della Sp16, interrotta in prossimità dell’innesto con la Sr445 a Piazza al Serchio, a causa della caduta di diverse alberature e dove, comunque, è già in corso l’intervento di rimozione degli alberi caduti, in modo da liberare la sede stradale nel tempo più breve possibile.

La neve, caduta mista ad acqua e, quindi, molto pesante, ha causato la caduta di molti alberi sia sulle strade della Garfagnana, sia su quelle della Media Valle del Serchio e, questo, a sua volta, ha portato a dover intervenire tempestivamente per evitare che si creassero disagi alla circolazione, sebbene la caduta delle alberature abbia rallentato il lavoro degli spalaneve e dei mezzi spargisale.

Le zone maggiormente interessate dalla nevicata notturna sono Minucciano, Castelnuovo di Garfagnana, Castiglione di Garfagnana, Camporgiano, Sillano-Giuncugnano, Careggine e Vagli di Sotto. A queste si aggiungono Piazza al Serchio, Molazzana, Villa Collemandina, Pieve Fosciana, Bagni di Lucca. In queste aree si sono verificate anche interruzione dell’erogazione della corrente elettrica, cosa che ha visto l’immediato intervento dei tecnici Enel per rimediare ai danni causate dalla caduta delle alberature, anche con la messa in opera di gruppi elettrogeni, laddove non sia stato possibile un rapido ripristino della corrente.

«Voglio ringraziare tutto il personale della Provincia – commenta il presidente Luca Menesini – che, nonostante i giorni festivi che rendono tutto più difficile, sono sempre sul pezzo e si impegnano letteralmente giorno e notte per far sì che le nostre strade siano sicure e percorribili anche quando il maltempo vorrebbe giocarci dei brutti tiri. Il loro lavoro è fondamentale per far sì che le situazioni di emergenza che si possono creare, vengano risolte nei tempi e modi migliori».

LE PREVISIONI METEO

Le previsioni meteo parlano di un minimo depressionario tra Golfo del Leone e la Sardegna, quasi stazionario e alimentato da aria relativamente fredda, cosa, questa, che determinerà tra Capodanno e sabato condizioni di tempo perturbato nella Provincia di Lucca. interesseranno la Valle del Serchio. Le piogge saranno poco abbondanti a quota di montagna (20-30 cm oltre gli 800 metri di quota, inferiori ai 5 cm al di sotto dei 600 metri di quota).

Per sabato 2 gennaio 2021 si prevedono nevicate generalmente tra i 900 e i mille metri e abbondanti piogge anche a quote di montagna (attorno ai 30 cm al di sopra dei 900 metri).

STRADE CHIUSE

A causa del perdurare delle condizioni di maltempo in Garfagnana, la situazione si presenta in continuo mutamento e fondamentale per la Provincia di Lucca è la sicurezza della viabilità. Per tale ragione, i tecnici, dopo attenta valutazione, hanno ritenuto opportuno chiudere almeno fino a sabato 2 gennaio 2021, la Sp16 nel tratto compreso da Naggio a San Donnino. Al momento, infatti, non sono garantite le condizioni di sicurezza del transito e, pertanto, è necessario procedere alla chiusura. (Sopra il titolo: immagine da Fb / provincia di Lucca).

Sono già stati attivati tutti i contatti necessari per l’assistenza a coloro che vivono nel tratto di strada in questione.

Sempre fino al 2 gennaio, al fine di effettuare le valutazioni sulla sicurezza della viabilità, sarà chiusa per la copiosa neve caduta anche il tratto che dalla fine dell’abitato di San Pellegrino (all’altezza del parcheggio comunale) va fino al confine con la provincia di Modena della Sp71, mentre il lavoro della Provincia adesso è concentrato per rendere sicure e, quindi, percorribili la Sp72 e la Sr445 nel tratto da Piazza al Serchio a Camporgiano. 

«Siamo di fronte a un evento eccezionale – commenta il presidente della Provincia, Luca Menesini – che mette a dura prova la Valle del Serchio e che arriva a non molti giorni da un altro evento altrettanto eccezionale. Da una parte, come Provincia, stiamo lavorando al massimo delle nostre forze per garantire la transitabilità delle strade, ma, dall’altra, pensiamo che sia necessario valutare l’opportunità di un intervento da parte della Regione, al fine di classificare quanto sta accadendo come ‘emergenza regionale’ e far sì che gli enti coinvolti possano ricevere quel supporto necessario per ripristinare la normalità». 

Lascia un commento