Magnetic Opera Festival, successo per il gran finale con “Norma” alla Linguella di Portoferraio. E intanto si annunciano gli appuntamenti dell’8 settembre a Porto Azurro con i Solisti Veneti, e tre concerti dell’antico organo di Filippo Tronci (1738) al Santuario della Madonna delle Grazie di Capoliveri

Si è conclusa il 21 luglio 2021 – con una seguitissima Norma alla Linguella di Portoferraio – la settima edizione del Magnetic Opera Festival, tornato (dopo la special edition dello scorso anno) a proporre un programma esclusivamente di musica classica in alcune splendide località dell’Isola d’Elba, anche grazie al patrocinio dei Comuni di Porto Azzurro, Portoferraio e Capoliveri.

Il Magnetic Opera Festival si è appena concluso ma l’Associazione Maggyart sta già lavorando con grande impegno ai prossimi appuntamenti: l’8 settembre 2021 in Piazza Matteotti a Porto Azzurro con i famosi “I Solisti Veneti”, poi una serie di tre concerti dell’antico organo di Filippo Tronci (1738) al Santuario della Madonna delle Grazie a Capoliveri e altri eventi culturali.  Maggiori informazioni saranno comunicate sui social dell’Associazione: Facebook @MaggyartCapoliveri –  Instagram @maggyartcapoliveri

Ma torniamo all’edizione appena conclusa del Magnetic Opera Festival. Un’edizione che ha registrato un successo strepitoso, in particolare per gli appuntamenti dedicati ai Carmina Burana – con il Coro Lirico Siciliano diretto da Francesco Costa – e alle due opere (L’Elisir d’Amore e la già citata Norma, con l’Orchestra Sinfonica delle Terre Verdiane, noti solisti lirici internazionali e il Coro dell’Opera di Parma, sotto la direzione del M° Stefano Giaroli), proposti al pubblico in uno scenario impareggiabile ricco di natura e storia: i resti romani, la storica Torre della Linguella e il mare di Portoferraio

Grande interesse da parte del pubblico è stato registrato però anche per i due reading musicali in Piazza Matteotti a Porto Azzurro, eventi dall’atmosfera più intima e raffinata portati in scena da grandi protagonisti come Peppe Servillo, insieme al Pathos Ensemble, e Federico Maria Sardelli con il suo ensemble Modo Antiquo.

Piazza Matteotti ha ospitato anche l’evento di apertura del Festival, il suggestivo “Canto, amore e gelosia”, che ha incantato il pubblico con un programma di arie e duetti tratti dai maggiori capolavori operistici, grazie agli interpreti Veronica Simeoni (mezzo soprano) e Luciano Ganci (tenore) insieme al Nuovo Ensemble Salotto ´800.

Da segnalare che l’incasso di questi tre spettacoli a Porto Azzurro sarà devoluto dall’Associazione Maggyart per portare a termine la ristrutturazione della Chiesa di San Giacomo Maggiore, bellissimo esempio di arte barocca del Seicento, all’interno dell’omonimo Forte.

Infine, ma non ultimi, anche i tre Matinée nella Piazza Matteotti di Capoliveri sono stati come sempre un’occasione speciale per incontrare una parte dei musicisti che si sono poi esibiti negli appuntamenti serali del Festival. In particolare è stato molto apprezzato il Matinée dell’8 luglio, durante il quale i solisti del Coro Lirico Siciliano hanno sorpreso i presenti con un flash-mob e con un coinvolgente programma di canzoni napoletane.

Magnetic Opera Festival è realizzato dall’Associazione Culturale Maggyart.

 

Lascia un commento