Madama Butterfly secondo il regista Damiano Michieletto. Al Comunale di Bologna dal 20 al 27 febbraio, direttore Pinchas Steinberg. Nel ruolo del titolo il soprano Kara Son

Fuori Toscana

«Cio-cio-san è una ragazza di quindici anni che, caduta in miseria, viene venduta da un sensale a un americano sconosciuto. Dopo poco tempo quell’uomo l’abbandona per continuare i suoi viaggi e suoi affari. La storia di Madama Butterfly è dunque basata su una vicenda di quello che oggi chiameremmo turismo sessuale». Sono le parole del regista veneto Damiano Michieletto, che mette in scena Madama Butterfly di Giacomo Puccini al Teatro Comunale di Bologna da giovedì 20 febbraio 2020 (fino al 27) alle ore 20. L’allestimento – che arriva per la prima volta a Bologna dopo il successo al Teatro Regio di Torino, nei cinema e su Rai5 – vede impegnati anche i due storici collaboratori di Michieletto: Paolo Fantin per le scene e Carla Teti per i costumi. Le luci sono curate da Marco Filibeck. La regia dello spettacolo è ripresa da Roberto Maria Pizzuto.

Alla guida dell’Orchestra e del Coro del Comunale torna il direttore israeliano Pinchas Steinberg, che ha già diretto questa produzione a Torino. Spesso sul podio del teatro felsineo, come recentemente per l’inaugurazione della Stagione 2019 con Il trovatore, Steinberg ha ricoperto incarichi di rilievo come quello di Direttore ospite permanente della Wiener Staatsoper, Direttore principale dell’ORF-Symphonieorchester di Vienna e della Budapest Philharmonic Orchestra, nonché Direttore musicale dell’Orchestre de la Suisse Romande. Come di consueto, il Coro del TCBO è istruito da Alberto Malazzi.

La compagnia vocale è capitanata da Karah Son nel ruolo del titolo: perfezionatosi in Italia con Mirella Freni, il soprano sudcoreano si è spesso calato nelle vesti dell’eroina pucciniana in teatri come la Finnish National Opera, la Deutsche Oper di Berlino, il Regio di Torino, il Festival di Glyndebourne, passando per Sidney, Lipsia e Göteborg. Angelo Villari, Cristina Melis e Dario Solari interpretano rispettivamente Pinkerton, Suzuky e Sharpless. Completano il cast Grazia Sinagra nella parte di Kate Pinkerton, Cristiano Olivieri in quella di Goro, Luca Gallo come il Principe Yamadori, Nicolò Ceriani come lo zio Bonzo; e ancora Andrea Taboga (Yakusidé), Raffaele Costantini (Il commissario imperiale), Enrico Picinni Leopardi (L’ufficiale del registro), Lucia Michelazzo (La madre di Cio-Cio San), Marie Luce Erard (La zia), Rosa Guarracino (La cugina) e Orlando Antonio Cera (Dolore). Nelle recite del 21, del 23 e del 26 febbraio sono impegnati Svetlana Kasyan (Cio-cio-san), Raffaele Abete (Pinkerton) e Gustavo Castillo (Sharpless). 

Tra i più acclamati registi d’opera del panorama internazionale, Michieletto, vincitore di tre Premi “Abbiati” – il primo come Miglior regista nel 2007, quando era poco più che trentenne; il secondo nel 2017 per Aquagranda che si è aggiudicata il Premio speciale e il terzo nel 2018 per La damnation de Faust (Miglior spettacolo) – propone una Butterfly dal taglio contemporaneo, che non tradisce tuttavia il senso profondo della tragedia di Puccini, trasponendola in un’ambientazione più vicina alla sensibilità moderna.  

«L’ambientazione – dice Michieletto – è sempre un fattore molto importante nella drammaturgia musicale di Puccini: Bohème-Parigi, Tosca-Roma, Butterfly-Giappone. Non a caso nell’intestazione di quest’opera c’è scritto tragedia giapponese. Il compositore di Lucca si è documentato per inserire dettagli ambientali e sono consapevole che buona parte del pubblico si aspetta di vedere una visualizzazione scenica di Nagasaki, o comunque del Giappone nel primo Novecento. Io ho rinunciato completamente a questa visione perché la trovo in qualche modo rassicurante, edulcora e addolcisce la violenza della tragedia, che ho voluto mettere in dialogo con il nostro mondo contemporaneo, proprio per raccontare in maniera più evidente e immediata la sua crudeltà. Non penso che l’unico modo di rappresentare Madama Butterfly – conclude il regista – sia quello di usare ventagli e kimono e di assumere gesti coreografici per dare allo spettatore europeo un generico sapore dell’antico Giappone. Ritengo che il fattore centrale sia il dolore che porta al suicidio finale, le ali spezzate di una donna sfruttata da una società che lei non è assolutamente in grado di comprendere».

Anche visivamente lo spettacolo è costruito in modo da amplificare il ruolo centrale della protagonista, intorno alla quale ruotano tutte le situazioni e i personaggi: domina le scene una stanza di plexiglass, la casa-prigione di Butterfly, una sorta di teca che racchiude un raro e prezioso esemplare di farfalla, proprio come il nome americano con cui viene ribattezzata la protagonista dallo sposo che l’ha comprata per cento yen.

  • La recita di martedì 25 febbraio ore 20 verrà trasmessa in diretta streaming sul canale YouTube del Teatro Comunale di Bologna.

Lo spettacolo è realizzato grazie al contributo del Gruppo Hera, che da anni sostiene la Fondazione Teatro Comunale di Bologna, proseguendo nell’impegno a favore delle eccellenze culturali che animano il tessuto sociale del territorio raggiunto dai propri servizi.

  • I biglietti dell’opera – da 150 a 15 euro – sono in vendita sul sito www.tcbo.it e presso la biglietteria del Teatro. Eventuali biglietti invenduti saranno disponibili il giorno stesso dello spettacolo al 50% del costo.

 

MADAMA BUTTERFLY 

Tragedia giapponese in tre atti
Musica di Giacomo Puccini
Libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa

 

Direttore Pinchas Steinberg 

Regia Damiano Michieletto 

Maestro del Coro Alberto Malazzi

Scene Paolo Fantin
Costumi Carla Teti
Luci Marco Filibeck

Regia ripresa da Roberto Maria Pizzuto

Luci riprese da Daniele Naldi

Assistente alle scene Piero De Francesco

Assistente ai costumi Marta Del Fabbro

Personaggi e Interpreti

Madama Butterfly (Cio-Cio-San) Karah Son / Svetlana Kasyan (21, 23, 26 febbraio)

Suzuki Cristina Melis 

Kate Pinkerton Grazia Sinagra

  1. B. Pinkerton Angelo Villari / Raffaele Abete (21, 23, 26 febbraio)

Sharpless Dario Solari / Gustavo Castillo (21, 23, 26 febbraio)

Goro Cristiano Olivieri

Il Principe Yamadori Luca Gallo

Lo zio Bonzo Nicolò Ceriani

Yakusidé Andrea Taboga

Il commissario imperiale Raffaele Costantini

L’ufficiale del registro Enrico Picinni Leopardi

La madre di Cio-Cio San Lucia Michelazzo

La zia Marie Luce Erard

La cugina Rosa Guarracino

Dolore Orlando Antonio Cera

 

Con la collaborazione del Conservatorio G.B. Martini di Bologna – Corso di Arte Scenica

Orchestra, Coro e Tecnici del Teatro Comunale di Bologna 

Produzione del Teatro Regio di Torino 

 

Date

Giovedì 20 febbraio 2020 ore 20, Turno Prima

Venerdì 21 febbraio ore 18, Turno C

Sabato 22 febbraio ore 20, Turno A

Domenica 23 febbraio ore 15.30, Turno D

Martedì 25 febbraio ore 20, Turno B

Mercoledì 26 febbraio ore 18, Turno P

Giovedì 27 ore 20, Turno FA

 

Lascia un commento