Lucca Classica Music Festival: la settima edizione slitta all’estate 2021. In luglio e agosto torneranno così i concerti e gli appuntamenti promossi dall’Associazione Musicale Lucchese in collaborazione con il Teatro del Giglio e cin il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio

La settima edizione del Lucca Classica Music Festival (www.luccaclassica.it) slitta all’estate. Nei mesi di luglio e agosto 2021 la città tornerà a ospitare i concerti e gli appuntamenti musicali promossi dall’Associazione Musicale Lucchese in collaborazione con il Teatro del Giglio e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, principale mecenate ai sensi della Legge sull’Art Bonus. 

Palazzo Mansi (foto a sinistra). Sopra il titolo: giardino di Palazzo Pfanner.

Pur dovendo rinunciare alla consueta formula concentrata e immersiva che negli anni passati ha portato la musica per giorni in tutta la città, dalla mattina fino a tarda sera, il Festival manterrà il più possibile il suo carattere peculiare: quello di offrire al grande pubblico appuntamenti musicali e culturali nei più affascinanti luoghi del centro storico, della Piana di Lucca e non solo, tracciando un percorso alla ricerca della bellezza, oggi più che mai necessaria per dare respiro alla nostra quotidianità sacrificata dalla pandemia.  Saranno decine i luoghi che ospiteranno grandi interpreti e giovani talenti con la novità degli spazi del Real Collegio.

La Limonaia di Villa Reale

Il programma è in fase di definizione e a breve verranno svelati i primi importanti ospiti. Anche in questa edizione non mancherà il tradizionale itinerario dedicato agli anniversari con focus su Piazzolla, Stravinskij e Saint-Saëns e un avvincente e multidisciplinare progetto dedicato a Dante Alighieri che rientra nelle manifestazioni riconosciute dal Comitato Nazionale Dante 700. Come già annunciato si terrà, in più giorni, il ricordo di Ezio Bosso, il grande musicista e compositore che avrebbe dovuto essere tra i protagonisti di Lucca Classica nel 2020 e che del Festival condivideva la filosofia, perché in linea con il suo modo di vedere e divulgare la musica.
Il progetto si arricchirà poi di interessanti novità grazie alla collaborazione con il Comitato Amur (che vede l’AML operare insieme alle più importanti e storiche istituzioni concertistiche italiane) e con Le dimore del Quartetto. 

Media partner di Lucca Classica sono Bell’Italia e Gardenia del Gruppo Cairo Editore, Rai Radio 3, Rai Cultura, Rai 5. Sostenuto da Mibact, Regione Toscana, Provincia e Comune di Lucca, Camera di Commercio di Lucca e Lucca Promos, Lucca Classica è realizzato anche grazie ad Akeron, Banca del Monte di Lucca, Cartografica Galeotti, Farmacia Novelli, Fabio Francesconi Srl, Assicurazioni Generali (Lucca), Guidi Gino Spa, Hotel Ilaria & Residenza dell’Alba, I gelati di Piero, Lucar TM – Concessionario Toyota, Mag-JLT Broker, Oleificio Rocchi, Toscotec e Unicoop Firenze. L’Associazione Musicale Lucchese inoltre ringrazia Fondazione Banca del Monte di Lucca, Studio odontoiatrico associato LDM, MondialCarta e il ristorante Gli orti di Via Elisa, mecenati ai sensi della legge sull’Art Bonus.

Lascia un commento