Livorno ricorda Piero Ciampi: una lapide sarà collocata (a inizio 2018) sulla facciata della casa natale

Dischi & Live, Livorno

Una lapide commemorativa in ricordo di Piero Ciampi sarà posta fuori del palazzo di via Roma 1, dove il poeta e cantautore livornese ebbe i natali il 28 settembre 1934. Lo ha deciso la Giunta Comunale di Livorno con deliberazione n.645 del 14/11/2017 accogliendo così la richiesta promossa da Comitato Unesco Jazz Day Livorno e Associazione banda città di Livorno, in collaborazione con il Premio Ciampi, di collocare una lapide in ricordo del famoso cantautore sulla facciata della sua casa natale, in considerazione dell’alto valore culturale della sua opera. Casa che il caso ha voluto si trovasse di fronte a quella dove ebbe i natali un altro grande artista livornese, celebrato e amato in tutto il mondo, Amedeo Modigliani.

Poeta, cantautore, musicista, Piero Ciampi, deceduto a Roma il 19 gennaio 1980, fu autore di canzoni indimenticabili come “Tu no”, “Andare, camminare, lavorare”, “Adieus” sono per citare alcune delle più famose. Fu un geniale precursore dei tempi nonché straordinario innovatore, sia per il linguaggio che per le tematiche affrontate nei suoi testi. A lui è dedicato il concorso nazionale di musica nazionale organizzato ogni anno a Livorno dall’Associazione culturale “Premio Ciampi” la cui edizione 2017 si è conclusa a metà novembre.

La lapide in sua memoria sarà affissa all’inizio dell’anno prossimo – la decisione è infatti subordinata al parere favorevole di Prefettura e Soprintendenza Archeologica delle Belle Arti – nel corso di un evento dedicato. Questo il testo che sarà riportato sulla lapide: “Qui nacque Piero Ciampi (Livorno 1934-Roma 1980) poeta e cantautore “Fino all’ultimo minuto”La frase finale scelta per essere inserita sulla lapide è il titolo di una delle più belle canzoni di Piero Ciampi, scritta dal compositore e arrangiatore Gianfranco Reverberi al quale il Comune di Livorno, in occasione del Premio Ciampi ha consegnato l’onorificenza della Canaviglia per i suoi indiscussi meriti artistici, suggellando tra l’altro il suo legame con la città e con il poeta, di cui Reverberi fu amico fraterno oltre che coautore di alcune delle sue canzoni più belle. “Fino all’ultimo minuto” è anche il titolo dell’omonimo disco, omaggio strumentale a Ciampi, curato dal musicista Andrea Pellegrini, presidente del Comitato Unesco Jazz Day, che ha ricevuto il premio speciale della giuria all’edizione 2016 del Premio Ciampi.

 

 

Lascia un commento