Livorno, i remi e le vele: mostra dei gozzi in miniatura del Palio Marinaro costruiti (insieme ad altre imbarcazioni) dai detenuti del carcere delle Sughere

Focus, Livorno

Potersi sentire parte della città , seppur reclusi, e creare qualcosa a vantaggio della comunità, è stato lo spirito che ha mosso i detenuti del carcere Le Sughere di Livorno a promuovere la mostra “Remi e vele per Livorno” in programma dal 20 dicembre 2018 e poi il  21 e 22 dicembre nella sala Simonini sugli  Scali Finocchietti nel quartiere de La Venezia. In esposizione una vasta produzione di piccoli velieri, imbarcazioni di ogni tipo, ed in particolare modellini che riproducono fedelmente i gozzi del Palio Marinaro usciti dalle mani dei detenuti dell’Alta Sicurezza che frequentano il laboratorio di hobbistica del carcere. 

“Remi e Vele per Livorno”, promossa dal Garante dei Detenuti,  vuole essere un omaggio alla città, alla sua vocazione marinara, ma vuole essere prevalentemente un omaggio concreto a chi la vive: il ricavato delle vendite dei modellini sarà infatti devoluto al reparto di pediatria dell’ospedale. Nelle giornate del 20, 21 e 22 dicembre 2018 (in orario 9-12 e 16-19) si potrà visitare questa interessante esposizione e magari con una offerta minima contribuire ad aiutare l’ospedale.

I mini gozzi in miniatura – realizzati grazie anche all’ausilio del Comitato Palio Marinaro che ha fornito gli schemi per la costruzione con il sostegno delle sezioni nautiche – saranno i veri “protagonisti” della mostra ma accanto a loro anche numerose realizzazioni in legno testimoni del vero talento dei detenuti : carri, strumenti musicali…

Sostengono l’iniziativa il Gruppo dei Libecciati , ovvero gli animatori clown del reparto di Pediatria (quelli con i nasi rossi) ed il Gruppo Navimodellistico Livornese. Fondamentale il supporto del Carcere de Le Sughere  che ha permesso la realizzazione dell’iniziativa con l’obiettivo che il carcere possa essere parte della città con progetti di recupero e reinclusione sociale come in questo caso.

 

 

Lascia un commento