Livorno, dall’8 al 10 luglio alla Rotonda di Ardenza appuntamento con il primo Palio del basket che vedrà sul parquet otto squadre. Obiettivo: provare a risolvere (con il ricavato dell’evento) una problematica del quartiere vincitore

Presentato a Palazzo Comunale il primo “Palio del Basket della città di Livorno”, ideato e organizzato dalla presidente dell’Associazione Famiglia Coraggio Arianna Paoletti e dal giocatore di basket Maurizio Giusti, patrocinato dal Comune di Livorno, con il sostegno di Lions International e Lions Porto Mediceo.

L’evento è stato presentato a Palazzo Comunale dal sindaco Luca Salvetti, da Arianna Paoletti presidente dell’Associazione Famiglia Coraggio, dall’assessore al Sociale Andrea Raspanti, da Giovanni Giannone, coordinatore provinciale del Coni e da Valerio Vergili garante della Disabilità.

Il Palio, che vedrà coinvolti tutti i quartieri e i rioni della città, si svolgerà alla Rotonda di Ardenza da venerdì 8 luglio a domenica 10 luglio, con orario 17 -24.

L’obiettivo primario del torneo è di provare a risolvere, con il ricavato dell’evento, una problematica del quartiere vincitore (riqualificazione delle aree verdi, barriere architettoniche, manutenzione degli spazi comuni aggregativi come piccoli campi da basket, pallavolo, giochi per bambini).

L’obiettivo secondario è sensibilizzare gli abitanti dei quartieri nel portare alla luce le problematiche comuni, l’aggregazione sociale, il senso civico e il senso di collettività e appartenenza. I residenti avranno la possibilità di parlare con i capitani e i componenti delle squadre del proprio quartiere evidenziando le problematiche quotidiane e partecipare attivamente sostenendo la squadra.

L’altro evento che anticipa il torneo saranno le cene che dal 12 giugno al 19 giugno si faranno nei quartieri, e alle quali qualsiasi cittadino potrà partecipare sostenendo cosi la propria squadra e il proprio quartiere.

Sono otto i quartieri e le squadre che parteciperanno al primo palio del basket.

Magenta capitanata da Alessio Iardella che veste i colori bianco-giallo e comprende le zone di : Magenta, Origine, Marconi, Calzabigi, Centro, Cavour, Marradi e Fabbricotti.

San Jacopo capitanata da Claudio Volpi che veste i colori bianco-verde e comprende le zone di: San Jacopo, Borgo cappucini, Goito, Roma, Terrazza Mascagni, Porta a Mare e Mazzini.

Venezia capitanata da Stefano Orsini che veste i colori giallo-rosso e comprende le zone di: Venezia, San Marco, Pontino, Centro pentagono bontalenti, Piazza XX settembre.

Coteto capitanata da Francesco Forti che veste i colori bianco-blu e comprende le zone di: Coteto, Colline, Salviano, Padula, Porta a terra, Carducci. 5.

Stazione capitanata da Leonardo Salvadori che veste i colori rosso-nero e comprende le zone di: Stazione, Sorgenti, Garibaldi, Bastia, Fiorentina.

Ardenza capitanata da Filippo Paoli che veste i colori rosso-verde e comprende le zone di: Ardenza mare, Ardenza terra, La Rosa, Banditella, Tre Ponti, Antignano.

Leccia capitanata da Federico Bernini che veste i colori giallo-verde e comprende le zone di: Leccia, Scopaia, Collinaia, Montenero, Villa Corridi, Quercianella.

Stagno capitanata da Alberto Bonciani che veste i colori giallo-blu e comprende le zone di: Stagno, Corea, Shangay, Cigna, Picchianti, Filzi, Villaggio Emilio.

“Sul tema dei quartieri – ha affermato il sindaco – l’Amministrazione Comunale in questi anni ha fatto un lavoro legato soprattutto alle gare remiere, ma abbiamo anche portato avanti, con la vicesindaca Libera Camici, un lavoro di rivitalizzazione del rapporto dell’Amministrazione con i vari quartieri. L’idea di Arianna Paoletti mi è sembrata l’ideale per il percorso che stiamo facendo con i quartieri. Sono molto soddisfatto di dare il via a questa sperimentazione che poi ha anche componenti di aggregazione sociale, di senso civico e di partecipazione”.

Arianna Paoletti ha spiegato come è nata l’idea del primo Palio del Basket e ha descritto come si articolerà:“Questa è una prima conferenza stampa per far conoscere alla città ed ai quartieri l’evento di luglio, ma nello stesso tempo per sensibilizzare i cittadini e per invogliarli nel partecipare all’iniziativa che si caratterizzerà anche con le cene che si terranno dal 12 al 19 luglio nei singoli quartieri e rioni, a cui tutti possono partecipare. Seguiranno poi altri momenti di comunicazione”.

“Ultimamente insieme al sindaco il Coni sta facendo una serie di iniziative che uniscono lo sport alla solidarietà – ha dichiarato Giovanni Giannone – aspetto veramente eccezionale, perché lo sport è anche questo. L’idea del Palio del Basket è ottima, in altre parti della Toscana già è realizzata, ma a Livorno non era mai stata pensata. Valorizzare i quartieri vuol dire partecipazione sociale, è stata veramente una idea importante”.

L’assessore al Sociale Andrea Raspanti ha detto che “lo sport di per sé è qualcosa che ha un valore sociale molto marcato. Lo sport fa bene non solo alla salute, ma anche al sostegno alla socialità e all’integrazione. Numerose sono le segnalazioni in città relative alle barriere architettoniche e agli spazi ludici per bambini e ricreative per ragazzi. Il fatto che questo torneo punti i riflettori sui quartieri è un dato estremamente importante ed ha un grande valore educativo”.

Valerio Vergili, garante delle persone disabili del Comune di Livorno ha espresso la propria soddisfazione nei confronti dell’evento: “Quando mi fu proposto da Arianna ne fui molto contento. Il coinvolgimento dei quartieri attraverso la partecipazione dei residenti giovani e anziani fa si che tutti si sentano coinvolti e può essere un modo per risolvere i problemi della disabilità legati alle barriere architettoniche”.

Per informazioni scrivere a: arianna.paoletti05@gmail.com

Lascia un commento