Les chemins du bleu en Europe. A San Quirico d’Orcia due mostre di 100 giovani artisti delle Accademie di Firenze e Carrara

Da non perdere, Firenze, Massa-Carrara

Sabato 14 ottobre 2017, alle ore 18 all’interno delle sale espositive di Palazzo Chigi Zondadari a San Qurico d’Orcia, saranno inaugurate la mostra di bozzetti “Ratto d’Europa” e la mostra di pittura “Iblu dell’Europa” che resteranno aperte al pubblico fino al 30 novembre 2017.

dav
dav

Le due mostre seguono l’apertura della collettiva di scultura “Giardino d’Europa” allestita negli Horti Leonini (il 5 agosto scorso e visibile fino al 5 novembre 2017), e rappresentano la seconda tappa del progetto “FORME NEL VERDE 2017” curato da Gaia Pasi, che per questa edizione ha coinvolto oltre 100 giovani artisti, provenienti dalle Accademie di Belle Arti di Carrara e di Firenze in 3 diversi appuntamenti.
La rassegna di quest’anno è cofinanziata dalla Regione Toscana attraverso il bando ToscanaInContemporanea 2017 e prende spunto dal progetto Interculturale Les chemins du bleu en Europe (le vie del blu in Europa) promosso dalla Fondazione Tagliolini che insieme al Comune di San Quirico d’Orcia, coinvolge i paesi partner Francia, Spagna, Portogallo e Romania. Les chemins du bleu en Europe. “Forme nel Verde sulla Francigena in Val d’orcio”, è dedicata alle vie di comunicazione quali la Francigena e la Teutonica, che attraverso i secoli, sono servite a costruire i legami tra le diverse popolazioni del continente Europeo, e quindi a dar forma all’attuale Unione Europea. Le strade sono dunque metafora (e non solo) dell’unione dei popoli nel segno del blu, colore distintivo dell’Europa e delle 3 mostre.

La mostra ”Il Blu dell’Europa” racchiude una selezione di oltre 30 lavori di pittura opere degli artisti Beatrice Beneforti, Riccardo Bernardi, Hang Bing, Elena Bonaffin, Valentina Cappini, Elisa Casini, Anastasia Chaikoscaya, Lyu Chen, Zhou Chen, Bendetta Danti, Valeria Di Stena, Dalila Doro Mulargia, Cristian Erdas, Vitalii Fedotov, Andrea Feriozzi, Ghiara Gasbarro, Linda Girardello, Ciara Guidi, Paola Oliveto, Gabriele Melegari, Armand Merdanaj, Giulia Pienotti, Sara Pupi, Gregorio Rossi, Irene Rovani, Elena Setti, Giulia Mina Solenne, Cristina Veracini, Diane Villegas, Xueqian Wang, Zhio Xiao, Gao Xinghe, Li Yichen, Liu Yu, Piro Anghel Zago, Robert Zamboni, Liu Zhenning, tutti studenti dell’Accademia di Belle Arti di Firenze, che partono dal comune colore della bandiera Europea per arrivare a parlare di vari aspetti dell’Europa attuale, attraverso linguaggi, tecniche e contenuti diversi.

La mostra “Ratto d’Europa” introduce una serie di 30 bozzetti tra terrecotte, gessi, cementi, bronzi e marmi, sviluppati sul celebre mito del rapimento della principessa Europa ad opera di Zeus che qui viene interpretato dagli artisti Eleonora Buratti, Bianca Busoni, Elia Buffa, Alessandro Caciotti, Alfredo Calasso, Jonatan Campisi, Federica Cela, Lorenzo Capogiri, Francesca De Leonardis,  Giorgio Ferrari, Nicol Fucci, Rebecca Giani, Elisa Martinasco, Lorenzo Millo, Pierre Nicolett, Niccolò Nencioni, Nadire Nur, Lin Zhi Peng, Elisa Pezzino, Gaia Pivac, Marianna Quintiliani, Giorgia Redoano, Giuseppe Spadaio, Anastasio Spyros, Valentina Stramondo, Paola Togneri, Davide Vanzo, Teodoro Viti, Samantha Woods, Xiao Ying, Tugge Yucetiurk, Sara K. Zaki, studenti dell’Accademia di Belle Arti di Carrara.

Lascia un commento