“Leonardo. Le opere”: nelle sale il 13, 14 e 15 gennaio il docu-film che indaga le opere del genio di Vinci e chiude le celebrazioni per i 500 della morte. Ecco i cinema toscani che ospitano “La Grande Arte”

Da non perdere

“Leonardo. Le opere”, arriva nelle sale italiane – solo nei giorni 13, 14 e 15 gennaio 2020 – il nuovo docu-film che indaga le opere pittoriche del genio vinciamo  per una inedita visionein Ultra HD accompagnata dal commento di alcuni dei massimi esperti di Leonardo. 

  • In Toscana aderiscono le seguenti sale: Uci Arezzo, Uci Campi Bisenzio, Garibaldi Carrara, Tirreno Cecina, Boccaccio Certaldo; Uci, Odeon, Portico, The Space Firenze; Aurelia Antica e The Space Grosseto, La Gran Guardia e The Space Livorno, Centrale Lucca, Excelsior Montecatini Terme, Odeon Pisa, Roma Pistoia, Politeama Poggibonsi, Centro Pecci e Omnia Center Multiplex Prato; Nuova Aurora Sansepolcro, Grotta Castelfiorentino, Uci Sinalunga, Odeon Viareggio, Centrale Volterra.

Con le proiezioni del 13, 14 e 15 gennaio e il genio leonardesco, prende il via la nuova stagione della Grande Arte al Cinema di Nexo Digita che festeggia con questo appuntamento la chiusura dell’anno delle celebrazioni dedicate all’artista di Vinci.

dama ermellino

La produzione pittorica del genio del Rinascimento – come accennato – sarà infatti al centro del docu-film che presenta sul grande schermo i dipinti del Maestro in qualità Ultra HD. Le opere includeranno, tra le altre, La Gioconda, L’Ultima cena, La Dama con l’ermellino, Ginevra de ‘Benci, La Madonna Litta, La Vergine delle Rocce. L’obiettivo è quello di ripercorrere, attraverso il prisma della sua pittura, anche la vita di Leonardo (1452-1519): l’inventiva, le capacità scultoree, la lungimiranza nell’ambito dell’ingegneria militare e la capacità di districarsi nelle vicende politiche del tempo.

Girato in Russia, Germania, Francia, Italia, Stati Uniti, Inghilterra, Scozia, Polonia, “Leonardo. Le opere” si propone di esaminare in modo profondo e mai scontato la pittura del Maestro, grazie agli interventi di alcuni dei principali curatori e critici d’arte del mondo. Il regista Phil Grabsky ha viaggiato in 8 paesi per riprendere in situ praticamente tutte le opere pittoriche attribuite a Leonardo. Il film include così il Salvator Mundi, la milanese Sala delle Assi, l’Adorazione dei Magi recentemente restaurata e anche la Madonna dei Fusi, mostrata in un film per la prima volta dopo il suo recente restauro. Leonardo. Le opere offre anche un accesso privilegiato alla Gioconda, vista con una profondità di analisi del dettaglio straordinaria, e alle due Madonne conservate all’Ermitage di San Pietroburgo: la Madonna Benois e la Madonna Litta. Una vera “festa per gli occhi” che permetterà di esplorare anche la biografia di un uomo geniale come Leonardo.

Tra i vari interventi del docu-film, anche quelli di: Luke Syson – Direttore del Fitzwilliam Museum di Cambridge; Martin Kemp – Professore Emerito al Trinity College di Oxford; Larry Keith – Head of Conservation and Keeper della National Gallery di Londra; Mikhail Piotrovsky – Direttore del Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo; Andrzej Betlej – Direttore Museo Nazionale, Cracovia; Tim Marlow – Storico dell’arte e Direttore Artistico della Royal Academy of Arts di Londra.

La Grande Arte al Cinema è un progetto originale ed esclusivo di Nexo Digital.

Nel 2020 la Grande Arte al Cinema è distribuita in esclusiva per l’Italia da Nexo Digital con i media partner Radio Capital, Sky Arte e MYmovies.it e in collaborazione con Abbonamento Musei.

 

Lascia un commento