morozzi

Le tematiche di genere e i più piccoli: allo Scompiglio due giorni fra video-inchieste, teatro e conferenze-spettacolo

Lucca, Teatro e Danza

Sabato 6 e domenica 7 maggio 2017 nella Tenuta Dello Scompiglio di Vorno (Capannori, Lucca) un fine settimana di proposte artistiche dedicate alle tematiche di genere e al loro rapporto con il mondo dell’educazione e dei più piccoli.
Sabato 6 maggio alle ore 16, “Ma il cielo è sempre più blu”, video inchiesta di Alessandra Ghimenti sulla percezione degli stereotipi di genere da parte delle bambine e dei bambini di diverse scuole primarie d’Italia; alle ore 18.30, “Rosaceleste”, conferenza-spettacolo di Irene Biemmi, ricercatrice pedagogica dell’Università di Firenze e Daniela Morozzi, attrice, in cui si cerca di “decostruire, disarticolare, smontare l’assunto di una ‘naturalità’ delle differenze tra maschi e femmine” (foto sopra il titolo). nari
Domenica 7 maggio, alle ore 17, “Il colore rosa” (foto a destra), spettacolo per ragazzi e famiglie di Aline Nari, in scena con Davide Frangioni e Giselda Ranieri, con la voce recitante di Graziella Martinoli, in cui, attraverso la metafora del colore, si affrontano i temi della crescita e della costruzione della propria identità.

Gli appuntamenti fanno parte di “Assemblaggi Provvisori”, manifestazione dell’Associazione Culturale Dello Scompiglio, diretta da Cecilia Bertoni, incentrata sull’individualità in relazione o in conflitto con il genere. 

 

Nello SPE è inoltre possibile visitare:
– Sobre la sangre, mostra personale di Teresa Margolles (1963, Culiacàn, Sinaloa, Messico), sul tema dell’odio di genere. L’artista è nota per la creazione di opere d’arte che si concentrano sui temi della violenza, del genere, della povertà e dell’alienazione attraverso una narrazione intradiegetica, testimone di soggetti silenziosi e di vittime definite come “danni collaterali”. Nel contesto della violenza di genere si inserisce la mostra “Sobre la sangre”, che comprende l’installazione itinerante “Frazada (La Sombra)”, la grande tela che presta il titolo all’esposizione “Wila Patjharu / Sobre la sangre” e la nuova installazione site specific “Il Testimone”. A cura di Francesca Guerisoli e Angel Moya Garcia. Fino al 16 settembre 2017;
– round midnight / ritratti, video installazione di Cecilia Bertoni; paesaggio sonoro, Carl G. Beukman; performer, Olivier Boréel, Eleonora Chiocchini, Katia Frese, Sara Leghissa, Valerio Sirna. Il lavoro propone uno sviluppo dei video dell’omonima performance presentata dalla Compagnia Dello Scompiglio nel 2016, focalizzandosi sui ritratti dei cinque performer protagonisti e le trasformazioni con cui tentano di sabotare le convenzioni socio-culturali del genere. Fino al 16 settembre 2017;
Camera #4 – Il Naufragio, installazione di Cecilia Bertoni e Claire Guerrier con Carl G. Beukman, che indaga sull’imposizione, attraverso l’educazione, della dicotomia tradizionale tra maschile e femminile, sulle ferite aperte che essa crea e sulla manipolazione alla quale ognuno di noi è sottoposto, provando a sovvertire l’esperienza dell’impossibilità dell’uomo di superare ogni “situazione-limite”. L’installazione, accessibile a un visitatore alla volta, è visitabile fino al 16 settembre 2017;
– “Ma il cielo è sempre più blu”, proiezione del ciclo completo della video inchiesta di Alessandra Ghimenti sulla percezione degli stereotipi di genere, girate in diverse scuole primarie d’Italia, a Lucca, Brescia, Salerno, Milano e Roma. Fino al 21 maggio.

La manifestazione, che prosegue fino a giugno, gode del patrocinio del Comune di Capannori. 

www.delloscompiglio.org
Biglietti: 6 maggio, mattinata dedicata a insegnanti, educatori ed educatrici, maestre e maestri sul tema delle differenze di genere: ingresso gratuito, prenotazione obbligatoria — 6 maggio, “Ma il cielo è sempre più blu” e “Rosaceleste”: biglietto unico per la giornata € 12,00 – ridotto € 7,00 — 7 maggio, “Il colore rosa”: adulti € 7,00 – bambini 3-12 anni e over 65 € 5,00
mostre/installazioni e opere permanenti: € 5,00
nel biglietto degli spettacoli è incluso anche l’ingresso alle mostre e alle opere permanenti

Lascia un commento