Le Olimpiadi del carlino a Guasticce: 150 cagnolini al raduno goliardico delle Ugopiadi 2017 sul tema dei cartoon

Focus, Livorno

Si è svolta presso l’Azienda agricola Cà Lo Spelli di Guasticce, una località del Comune di Collesalvetti in provincia di Livorno, la 14° edizione delle Ugopiadi, le Olimpiadi del cane carlino. Oltre 150 i cani carlini che hanno partecipato a questo goliardico raduno che ogni anno porta nella campagna toscana cani (e padroni) provenienti da tutta Italia, con qualche incursione anche dall’estero. Una volta scelto il tema dell’Olimpiade, i padroni provvedono a creare il travestimento sia per loro stessi che per l’amato cagnolino: “bipede” e “quattrozampe”, in simbiosi, scendono poi in passerella e sui campi di gara. Per un divertimento a sei zampe!

La genesi delle Ugopiadi. Tutto è nato da un’idea di Stefano Pampaloni, titolare della web agency Zaki (www.zaki.it). Nel 2002, infatti, acquistò il suo primo carlino con la compagna Elisa Cavasin in un negozio a Livorno. Appena arrivati a casa però sorsero i primi problemi: rogna rossa, displasia, disturbi comportamentali…Dopo alcune indagini da vari veterinari si scoprì che il povero Ugo (questo il nome del cucciolo) proveniva da uno degli allevamenti lager dell’est Europa. Subito Stefano decise di condividere la sua esperienza attraverso la Rete, per raccontare la storia di Ugo. In brevissimo tempo un esercito di appassionati da tutta Italia si radunarono attorno al club virtuale, per scambiarsi idee, opinioni, informazioni…. Il successo del sito spinse Stefano a far incontrare le persone e i carlini tra di loro attraverso una giornata unica, divertente e folle: una vera Olimpiade che prendesse il nome dal suo carlino Ugo, intanto guarito grazie a cure mediche e tanto amore. Da qui le Ugopiadi. Non un semplice raduno ma una vera Olimpiade goliardica, un’occasione unica per trascorrere una giornata di risate, relax, tanta sana ironia e confronto tra appassionati di questa eccezionale razza (a seguire la fotogallery, le immagini sono di Paolo Ciriello).

Il programma. Le Ugopiadi non hanno niente a che vedere, insomma, con prove di agility o gare di bellezza! Lo spirito è quello Olimpico, dove l’importante è partecipare e soprattutto divertirsi. Come in ogni Olimpiade che si rispetti anche le Ugopiadi prevedono una bella cerimonia d’apertura dove i carlini sono i protagonisti con i loro padroni, partecipando a una sfilata in maschera che quest’anno ha avuto come tema i “cartoon”. Dopo la sfilata è stata la volta della tradizionale accensione della fiamma olimpica con il mangiafuoco ufficiale delle Ugopiadi, Francesco Rosi. A questo punto le olimpiadi sono entrate nel vivo, con le prove dei 100 metri carlini (leggi 20 metri), 100 metri carlini ad ostacoli (leggi 20 metri), dei 200 metri (leggi 40 metri) a staffetta e con la maratona (ovvero un brevissimo giretto dell’agriturismo). Tutti i campioni (oro, argento o bronzo) sono stati premiati con prodotti dello store online ufficiale delle Ugopiadi.
Eventi collaterali. Tanti, infine, gli eventi collaterali che hanno animato questa edizione 2017 delle Ugopiadi.  A vigilare sulla salute degli amici a quattro zampe si è prodigato il medico veterinario Edoardo Gonzaga (www.veterinariogonzaga.it) che ormai da anni accompagna con entusiasmo le avventure Ugopiadiane, effettuando decine e decine di visite gratuite a tutti i carlini che si hanno voluto sottoporsi ad un check-up. Inoltre è stato presentato “Olimpio e l’Isola Tempesta”, un libro per ragazzi con protagonista un carlino, scritto da Marco Brunetti e Simona Petrucci illustrato da Matteo Vattani, disegnatore e colorista di fama internazionale che collabora con la Bonelli per Dylan Dog e Tex Willer e pubblicato dalla casa editrice Rapsodia.
Il Lions Club Livorno Host, presente alle Ugopiadi con un proprio Stand e il suo presidente Patrizia Lensi, ha raccolto fondi per l’addestramento di cani guida da affidare a non vedenti (circa 500,00 €).
Infine ha partecipato alla giornata George Biagi, rugbysta della Nazionale Italiana. George ne capisce di vittorie, allenamenti e sacrifici. Non a caso la sua carlina Eva è già una veterana delle Ugopiadi e anche quest’anno ha fatto il pieno di medaglie.
Ulteriori informazioni: www.ugopiadi.it info@ugopiadi.it

 

Lascia un commento