Le foto di un libro pubblicato 35 anni fa diventano stampe su vele nautiche recuperate dal macero. Il soggetto? Alcuni fari italiani. Appuntamento in Fortezza Vecchia nell’ambito del Cacciucco Pride. Dal 3 al 13 settembre

Focus, Livorno

Dal 3 al 13 settembre 2020, in concomitanza  con la manifestazione Cacciucco Pride (4,5 e 6 settembre), si potrà  visitare all’interno della Fortezza Vecchia (Galleria Cannoniera) la mostra fotografica “Fari” di Antonio Walter Pescara. Si tratta di una installazione composta da opere fotografiche stampate su vecchie vele nautiche recuperate dal macero. Le fotografie ritraggono i fari italiani (sono tratte da “Il libro dei fari italiani” pubblicato dall’autore con Ugo Mursia nel 1985) e sono il frutto di un lavoro di verifica  iniziato dall’autore 40 anni fa.

Complessivamente la mostra – patrocinata dal Comune di Livorno e dall’Autorità di Sistema Portuale in collaborazione con l’Associazione Il mondo dei fari – è composta da 30 opere fotografiche . L’ingresso è gratuito e la mostra è visitabile tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 20. Taglio del nastro della mostra: giovedì 3 settembre alle ore 18.

 Era l’estate del 1978 – racconta Walter Pescara –  mi trovavo a Salina, nelle isole Eolie per una vacanza e osservai come una mareggiata avesse danneggiato il Fanale di Punta Lingua – Per quanto l’evento potesse essere spunto per una inquadratura fotografica, in quella circostanza sentii prevalere una spinta metafisica alla dimensione nella quale i fari mi apparivano come entità titaniche ferite, giganti buoni il cui unico scopo era quello di essere utili all’umanità, e chi altri come loro? Allora, complici l’amore per il mare e la fotografia e la collaborazione della Marina Militare Italiana, dal 1978 al 1984 viaggiai per mare per terra e per cielo – spiega l’autore – percorrendo gli 8.000 chilometri delle nostre coste, alla ricerca delle preziose sorgenti di luce che indicano la rotta ai naviganti. Nel 1985 Ugo Mursia pubblicherà questo lavoro con il titolo “Il libro dei fari italiani”. Dopo quarant’anni da quel reportage mi è tornata la curiosità di riguardare i Kodachrome originali e ho pensato che forse quelle pellicole avevano ancora qualcosa da dire, al di la del loro valore documentale. E se le avessi stampate su vecchie vele nautiche? Quelle vele che oramai non servono più a nessuno? Cosa sarebbe successo se avessi rivelato quelle vecchie gelatine dei fari sulle stesse vele che in passato, navigando, li incrociarono? Cosa sarebbe scaturito da questo incontro metafisico a distanza di 40 anni? Sarei riuscito a salvare le vele dall’oblio? E i fari sapranno ancora raccontare le loro storie? Le opere esposte rappresentano la risposta a questi interrogativi”.

Dove scaricare la brochure : http://www.comune.livorno.it/articolo/fari-mostra-fotografie-antonio-walter-pescara-stampate-vele-nautiche

Walter Pescara – Nato a Milano il 3 Gennaio 1952. Dopo il diploma in chimica studia all’Alma Mater di Bologna nel dipartimento Discipline dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo (DAMS) presso la Facoltà di Lettere e Filosofia. Nel 1976 apre il suo studio fotografico e collabora in qualità di fotoreporter per riviste nazionali e internazionali. Dal 2000 al 2004 è stato docente di fotografia all’Accademia di Belle arti NABA (poi Santa Giulia). Dal 2005 insegna Fotografia di Reportage e Fotografia delle Arti Performative all’Accademia di Belle Arti LABA di Brescia. Ha pubblicato 7 libri fotografici tra i quali “Il libro dei Fari Italiani” del 1985, edito da Ugo Mursia per le Strenne del mare dal quale sono tratte le fotografie della mostra “Fari delle Meraviglie”. Ha ottenuto la menzione d’onore al concorso internazionale World Water Contest 2017.

 

Lascia un commento