Ispirazione antica, sensibilità moderna: ecco l’arte sacra secondo Pier Luigi Olla. Una mostra al Museo dell’Opera del Duomo

Arte, Firenze

“Il Sacro nell’arte di Pier Luigi Olla” è il titolo della mostra organizzata dall’Opera di Santa Maria del Fiore negli spazi dedicati alle esposizioni temporanee del Museo dell’Opera del Duomo a Firenze. La mostra – aperta dal 22 dicembre 2016 fino all’8 gennaio 2017 – presenta diciotto opere del maestro senese, selezionate tra le più significative della sua vasta produzione.

Nel solco fecondo della tradizione della scultura e dell’oreficeria in Siena, s’inserisce la vasta produzione di Pier Luigi Olla, nato a Pistoia nel 1939, ma prestissimo trasferitosi a Siena e inseritosi nella vita artistica della città e delle sue Contrade. Le sue opere, risultato di più di cinquant’anni di attività, sono sculture a tutto tondo, bassorilievi, pannelli celebrativi, arredi urbani, tabernacoli, ante di porta, targhe, manufatti singoli. Le sue creazioni, caratterizzate da un’espressione di serenità, di armonia, di eleganza formale, di misura sentimentale, sono indubbiamente funzionali alla realizzazione di arredi di culto, per la realizzazione dei quali è stato richiesto da personalità e comunità religiose. Cibori, ostensori, pissidi, busti e figure di santi, pastorali, croci astili, reliquiari, crocifissi, croci pettorali, sono i manufatti in cui esprime una religiosità non pietistica, ma prossima ai sentimenti umani.

“Grazie a questi manufatti – spiega Bruno Santi, consigliere dell’Opera di Santa Maria del Fiore – di sapore antico ma di sensibilità assolutamente moderna, anche il pubblico avrà l’occasione di apprezzare l’opera di questo maestro senese, schivo e riservato, ma dotato di una rara capacità di conciliare la tradizione dell’arte tradizionale, di cui conserva affettuosamente modi e forme, con creazioni di una singolare e quanto mai gradevole, originale attualità”.

Formatosi all’Istituto d’Arte di Siena, Pier Luigi Olla si dedica fin da giovanissimo all’attività artistica che gli farà presto conseguire notorietà e apprezzamenti per le sue opere, realizzate nelle più varie materie. Attivo soprattutto a Siena, viene impegnato nella realizzazione degli arredi del Palio: disegna costumi, bandiere, simboli araldici, nonché il drappellone per la carriera del luglio 1996 e vari masgalani per le Contrade con la migliore comparsa nei due turni della festa. Per queste opere riceve in Siena, nel 1990, la medaglia d’oro del “Mangia” in riconoscenza dei suoi meriti artistici.
Info: MOSTRA “IL SACRO NELL’ARTE DI PIER LUIGI OLLA” — Ingresso gratuito: dal 22 dicembre 2016, orario 13-19. Chiusura al pubblico 24, 25, 31 dicembre 2016 e 1° gennaio 2017

 

Lascia un commento