La Versiliana sceglie il fil rouge del legame tra Gabriele D’Annunzio e la Versilia. Ecco il bozzetto del busto dedicato al Vate realizzato dallo scultore Gabriele Vicari

Libri & Fumetti, Versilia

Il legame tra Gabriele d’Annunzio e la Versilia sarà uno dei fil rouge che percorrerà la stagione estiva della Versiliana e la posa del busto in omaggio al Vate, fortemente voluta dal presidente della Fondazione Versiliana Alfredo Benedetti sarà una delle iniziative che faranno parte del festival.

EMA_3434 Benedetti – G B Guerri
Il presidente Benedetti (a destra) con Giordano Bruno Guerri

 Festival al quale stiamo lavorando – spiega Benedetti – pur con tutte le cautele del caso e con un cauto ottimismo. Se la grave emergenza ha imposto lo stop al nostro Paese dobbiamo comunque provare a immaginare il futuro con la massima flessibilità, sia per tempi che per modi e non dobbiamo farci trovare impreparati quando si tornerà alla normalità. Col CDG stiamo infatti valutando diverse ipotesi, compresa la rimodulazione dei nostri spazi, che per fortuna sono molto ampi e ci permetteranno eventualmente di approntare accorgimenti di maggior sicurezza e tutela degli spettatori. Con il nostro Consulente Artistico Massimo Martini e con gli uffici  stiamo anche lavorando da remoto ad alcune ipotesi di programmazione, la voglia di ripartire da parte degli operatori dello spettacolo è molto forte e l’intenzione comune è quella di farci trovare pronti perché cultura ed eventi saranno sicuramente un volano per la ripresa dell’economia del nostro territorio. Su questo fronte ci conforta anche l’input che ci viene anche dal Sindaco Alberto Giovannetti e dall’Assessore alla Cultura Senatore Massimo Mallegni che ci spronano a restare vigili e attivi.”  

Intanto La Fondazione Versiliana ha ricevuto le prime immagini del bozzetto del busto di Gabriele d’Annunzio, la cui realizzazione è stata affidata allo scultore Gabriele Vicari, grazie all’interessamento del critico d’arte Lodovico Gierut che sta seguendo tutte le fasi dell’iniziativa.  

Artista toscano che si rifà alla grande tradizione figurativa italiana, ritrattista di indiscusso valore, vincitore nel 2009 del Premio Internazionale “Ritratto Pangolin”, Vicari ha lavorato sulla base di immagini fornite tramite la Versiliana direttamente dal Vittoriale degli Italiani ed ha nelle scorse settimane iniziato a  lavorare al modello che oggi è già a buon punto di realizzazione. 

“Un modello ben riuscito che lascia trasparire tecnica e talento di Vicari  – commenta  Benedetti – con il quale desidero fin da ora complimentarmi” 

L’opera sarà successivamente fusa grazie alla collaborazione della Fonderia Artistica Mariani di Pietrasanta e sarà posta nei giardini della Versiliana  proprio di fronte alla Villa che accolse d’Annunzio  nell’estate del 1906, mentre una sala della Villa ospiterà una mostra curata da Lodovico Gierut dedicata alla genesi dell’opera. 

Con questa iniziativa – conclude il presidente della Versiliana – vogliamo dare ai visitatori della Versiliana un segno tangibile del soggiorno di d’Annunzio alla Versiliana.  Posto che la situazione ce lo consenta, l’iniziava per celebrare il Vate non sarà l’unica, ma  abbiamo ad esempio già da tempo aperto un dialogo con Giordano Bruno Guerri per la realizzazione di un ciclo di incontri dedicati a d’Annunzio e ai grandi  della cultura italiana.” 

 

Lascia un commento