“La Versilia in 100 ritratti”: l’arte di Marco Dolfi in mostra a Villa Argentina. Grandi personaggi e la “sua”Viareggio

Arte, Versilia

C’è tutta la storia, non solo culturale, di Viareggio e della Versilia del XX secolo nella rassegna espositiva “La Versilia in 100 ritratti” di Marco Dolfi aperta a Villa Argentina dove resterà allestita fino al 15 aprile 2018 (sopra il titolo: ritratto di Lorenzo Viani). L’iniziativa è promossa dall’Associazione Percorsi d’arte in collaborazione con la Provincia di Lucca, il Comune di Viareggio, il Lions club Viareggio Versilia Host, il patrocinio della Regione Toscana e l’adesione della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Lucca e Massa-Carrara.

Pier Carlo Santini
Ritratto di Pier Carlo Santini

Nei quadri del pittore viareggino è rappresentata una serie di percorsi che valorizzano le attività culturali e sociali di tutto il territorio versiliese: artisti di fama nazionale ed internazionale, da Lorenzo Viani a Giuseppe Viner, Moses Levi, Alfredo Catarsini, Uberto Bonetti, ai Fausto Maria Liberatore, Renato Santini, Mario Marcucci, Eugenio Pardini, fino alle generazioni a noi più vicine che si sono adoperate in ricerche che ne hanno rafforzato ispirazioni e tecniche, quali Serafino Beconi, Virio Bresciani, Antonio Possenti, dando ospitalità a maestri quali Pietro Annigoni, Beppe Serafini, Renato Guttuso, Ernesto Treccani, Mino Maccari, Galileo Chini. 

Possenti
Ritratto di Antonio Possenti

Per non parlare degli scultori: con Henry Moore come saggio di eccellenza, Arturo Dazzi, Arturo Martini, Marino Marini e Mitoray; e dei musicisti con il Maestro Giacomo Puccini, Enzo Borlenghi, Icilio Sadun, Arrigo Pelliccia fino a Giorgio Gaber che della Versilia aveva fatto la sua residenza. “La Versilia in 100 ritratti di Marco Dolfi – spiega il presidente della Provincia Luca Menesini nell’introduzione del catalogo – è un’altra importante tappa del percorso di valorizzazione di Villa Argentina che l’amministrazione provinciale di Lucca sta portando avanti insieme al Comune di Viareggio e alla Soprintendenza. Nelle sale di questo splendido edificio, riconsegnato alla città dopo una lunga fase di restauro, i visitatori incontreranno i personaggi più prestigiosi del panorama artistico e letterario della Versilia tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento: scrittori, musicisti, pittori, scultori, attori di fama nazionale o internazionale, nati in questa terra o che vi hanno soggiornato lasciandovi le tracce della loro presenza. Personalità che hanno animato per alcuni decenni la vita culturale di Viareggio e dintorni durante tutto l’anno, e che soprattutto in estate, hanno trasformato la città in una delle mete più prestigiose e ambite della costa tirrenica”.

Fausto Maria Liberatore
Ritratto di Fausto Maria Liberatore

Marco Dolfi dà prova delle sue qualità di ritrattista dall’acuta sensibilità percettiva e psicologica, oltre che della magistrale intensità ed efficacia raffigurativa del segno, acquisite dalla lunga comunanza con Renato Santini, di cui è stato il più amorevole discepolo. Ne esce un’appassionata, mirabile, articolata galleria di ritratti di illustri personalità, capaci di lasciare vivide tracce del loro tragitto umano e artistico, anche strettamente legate al premio Viareggio-Repaci. Ma tutta la mostra – tra ritratti di artisti, musicisti, politici, personalità della cultura, della letteratura e del teatro – è percorsa da un profondo amore viscerale di Marco Dolfi per la città di Viareggio. La sua Viareggio.

Marco Dolfi (nella foto in basso è la persona al centro) è nato a Viareggio il 3 aprile 1953. Ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Carrara, sezione scultura, laureandosi nel 1975. Dal 1995 al 1998 ha insegnato come docente di Anatomia Artistica all’Accademia di Belle Arti di Roma ed entra a far parte dell’ambiente artistico romano. Dal 1999 insegna all’Accademia di Belle Arti di Carrara nel corso di disegno.

Marco DolfiLa sua prima mostra personale si è tenuta a Viareggio alla galleria Magazzini del Sale nel 1978. Sue mostre personali sono state presentate dalle principali gallerie e spazi pubblici d’Italia.
Nel 1981 con la Galleria Ferretti è presente con una personale all’Arte Fiera di Bari. L’anno successivo entra in rapporto di lavoro con la Galleria Ferretti di Viareggio che lo ha presentato nelle maggiori fiere d’arte. Nel 1985 inizia la collaborazione con la galleria Studio 4 di Molfetta che gli organizza mostre nella regione Puglia. Da segnalare nel 1987 una mostra al teatro Petruzzelli di Bari. Nel 1993 ha luogo una sua prima mostra antologica alla Versiliana a Marina di Pietrasanta e una seconda antologica più ampia al Palazzo Ducale di Massa organizzata dalla provincia e dall’Accademia di Belle Arti di Carrara. Nel 1999 è invitato in Portogallo a Monte Mar-O-Novo, Galleria Municipale per partecipare alla rassegna di pittura italiana. Nello stesso anno è da segnalare la mostra alla Galleria La Vetrata di Roma. Negli anni successivi è presente alla grande mostra “L’Età delle illusioni mancate” a Palazzo Mediceo a Seravezza, mentre nel 2005 pubblica il suo primo libro “La poesia del mare” edito da Maschietto editore. Marco Fagioli gli organizza una prestigiosa mostra all’Accademia degli Euteleti a San Miniato, mentre avvia una collaborazione con la Galleria Euroarte di Lisbona.
Nel 2006 ha realizzato la mostra al Castello Malaspina di Massa e un’esposizione all’Istituto Romeno di cultura e ricerca umanistica, palazzo Correr di Venezia. Nel 2007 si tiene una mostra a Palazzo Piccolomini a Pienza (Siena) e, nello stesso anno, viene invitato a partecipare alla mostra al Principe di Piemonte di Viareggio in onore di Mario Monicelli, con un’opera ispirata da un film del regista.

Dal 2008 ad oggi l’attività espositiva spazia dal museo Crocetti di Roma al museo di Villa Paolina a Viareggio, poi alla Galleria Fossi di Firenze (2009) e al Museo Diocesano di Massa (2011) mentre nel 2013 una grande personale di dipinti è stata realizzata in occasione dei 200 anni dell’Università di Lèon in Nicaragua. Seguono mostre personali alla Galleria 54 di Molfetta (Bari), alla galleria Ismi di Viareggio, a Palazzo Panichi di Pietrasanta e al museo Medici Riccardi di Firenze.

Il catalogo della mostra contiene testi di Marco Ciampolini, Paolo Fornaciari, Francesco Galluzzi, Gerardo De Simone, Manrico Testi, mentre l’elaborazione fotografica è di Federico Devoto e l’ideazione grafica e la pubblicazione editoriale sono di Caleidoscopio Arte by Tekn-Art S.R.L.S Claudio Giannini.

L’ingresso alla mostra è libero.
Gli orari di apertura: dal martedì alla domenica 10-13 e 15-18,30. Chiuso il lunedì.

Info: 0584-1647600 o pagina Facebook “Villa Argentina Viareggio”.

2 comments

  • Non ti conoscevo, sono sorpreso e ancora di più onorato di essere un “tardo o tardivo” tuo allievo alla Accademia di Carrara, Scuola libera del nudo.
    Spero di ritrovare quella voglia di dipingere che ho interrotto a 18 anni.
    Grazie anche per le cose che sto leggendo e di farmi partecipe della tua ricca esperienza di artista con o nel sapore de “La poesia del mare”.
    Giuliano Bosco

  • Ho già lasciato un mio commento, un po lungo, poi non l’ho ritrovato per rileggere e correggere. Spero comunque che sia partito. Se lo hai ricevuto fammi sapere. Giuliano bosco.awn@gmail.com

Lascia un commento