La romanza da salotto secondo Puccini, Mascagni e Catalani. Il soprano Maria Luigia Borsi protagonista (con Andrea Tobia al pianoforte) a Livorno il 7 ottobre alle 16.30 in occasione della ripresa dell’attività del Circolo musicale Galliano Masini

Livorno, Musica

E’ un programma raffinatissimo quello che Maria Luigia Borsi (foto sopra il titolo) esegue alla Sala del Mare del Museo di Storia Naturale di via Roma a Livorno mercoledì 7 ottobre 2020 alle ore 16. 30 in occasione della ripresa dell’attività del Circolo musicale Galliano Masini.

Focus sulla romanza da salotto dei più rappresentativi musicisti toscani di fine Ottocento, ovvero Alfredo Catalani, Giacomo Puccini e Pietro Mascagni, affiancati da altri specialisti del genere come Enrico Toselli e Renato Brogi. Notevole anche il substrato poetico di queste musiche con testi di letterati famosi come Antonio Ghislanzoni, il librettista di Aida, Olindo Guerrini, famoso per le rime di Lorenzo Stecchetti, e addirittura Jules Verne, che anche in poesia non abbandonò il suo mondo descrittivo e fantastico. Spesso queste melodie sono servite ai loro autori come spunto per composizioni di maggior respiro, come nel caso di Sole e amore di Puccini che ritroveremo nel terzo atto della Bohème, o della Chanson Groenlandaise di Catalani che diventerà la celeberrima aria Ebben ne andrò lontana della Wally. Ma anche Mascagni dedicò alla romanza da salotto momenti indimenticabili specie nella prima parte della carriera compositiva, con La tua stella, poi trasposta in Pinotta e con la cosiddetta Serenata di Stecchetti, una delle sue melodie più delicate.

Interprete e ideatrice del programma è il soprano Maria Luigia Borsi, che torna a Livorno, la città della sua formazione, dopo una lunga serie di successi. Protagonista di opere mozartiane, verdiane e pucciniane su importanti palcoscenici italiani, asiatici, europei ed americani, Maria Luigia Borsi, si è imposta a livello internazionale come una delle cantanti più interessanti della sua generazione. 

Dai significativi esordi della sua carriera italiana, che la videro sul palcoscenico del Teatro alla Scala interpretando il ruolo di Liù nella Turandot e sul palcoscenico del Teatro La Fenice di Venezia, per la storica riapertura, interpretando il ruolo di Violetta ne La Traviata diretta da Lorin Maazel con la regia di Robert Carsen, questa raffinata cantante è apparsa sui palcoscenici più prestigiosi, come il Festival di Salisburgo, l’Arena di Verona, il National Theater di Tokyo, e, in qualità di concertista, presso le massime entità orchestrali, come la London Symphony, la Israel Symphonic Orchestra, e la Filarmonica di Vienna. Ha cantato con direttori come Riccardo Muti, Zubin Mehta, Yannick Nézet-Séguin e scenicamente è stata guidata da registi come Franco Zeffirelli, Hugo De Ana, Pier Luigi Pizzi e Damiano Michieletto, per un vero Gotha di personalità e di esperienze.

Maria Luigia Borsi sarà accompagnata al pianoforte di Andrea Tobia, uno dei musicisti emergenti della nostra città. Fulvio Venturi introdurrà il concerto.

La manifestazione si terrà secondo il codice di distanziamento sociale

La Romanza da Salotto di Puccini, Mascagni e Catalani

Sala del Mare, mercoledì 7 ottobre, ore 16. 30

Maria Luigia Borsi, soprano

Andrea Tobia, pianoforte

 

Lascia un commento