La mucchia del grano: alla Fattoria dei Barbi a Montalcino la trebbiatura offre il menu di una volta

Luglio è tempo di raccolti, e dove ora sorge la Taverna della Fattoria dei Barbi a Montalcino per secoli si è alzata la mucchia del grano. La trebbiatura era un lavoro davvero duro, ma era anche molto di più. Era un rito, il raccolto è la vita e la si celebrava mangiando insieme e offrendo agli amici il meglio che si aveva. Un po’ una messa e un po’ un rito bacchico, un momento perduto nel tempo che ora l’azienda montalcinese, una delle più storiche nella produzione del Brunello, invita a rivivere insieme.

Alla Taverna dei Barbi sabato 8 luglio e domenica 9 luglio 2017 sia a pranzo che a cena ci sarà il ricco ed esagerato mangiare delle trebbiature, dal brodo di locio al collo ripieno, dal Polpettone col pomodoro allo Sformato di spinaci coi fegatini e gli “ovi sodi”, dal Condito e la pasta fatta a mano ai sedani rifatti per finire con le peschine all’alchermes ripiene, i ’sospiri’, la zuppa inglese e tante altre delizie oggi introvabili e dimenticate.

Inoltre visite guidate alla Cantina storica di invecchiamento, degustazione dei vini dei Barbi con una selezione speciale di pecorini di Fattoria e poi tutti al Museo del Brunello dove immergersi nell’atmosfera del tempo soprattutto con la sezione dedicata alla campagna mezzadrile di Montalcino e in cui foto e attrezzi d’epoca, arnesi, ambienti domestici ricostruiti, documenti, filmati storici e materiali originali permetteranno a giovani e meno giovani di rivivere quei giorni lontani e pieni di sacrifici sì, ma in cui la convivialità e la socializzazione erano parte della quotidianità, soprattutto la sera, quando al termine dei lavori si brindava e si cantava sotto le stelle.

Per partecipare all’evento occorre prenotarsi a info@fattoriadeibarbi.it | www.fattoriadeibarbi.it oppure tel. +39 0577 841111 – sabato e domenica 0577/841205. Il costo per l’intera giornata, pranzo o cena inclusi: 35 euro a persona.

 

Lascia un commento