La magia e la spiritualità della nascita di Gesù. La mappa dei presepi (statici e viventi) da visitare in Toscana

Focus

La magia del presepe, la religiosità della Sacra Famiglia e della nascita di Gesù. Anche in questo 2017 la stella cometa è pronta a guidarci nella visita al presepe. Ecco una mappa di quelli da non perdere.

FIRENZE: IL GRANDE PRESEPE IN TERRACOTTA

Dall’8 dicembre è tornato sul sagrato della Cattedrale di Firenze, per il settimo anno consecutivo, il presepe con statue in terracotta a grandezza naturale (foto in basso), pezzi unici, creati a mano da una fornace di Impruneta. Il presepe, realizzato dall’Opera di Santa Maria del Fiore, rimarrà sul sagrato del Duomo fino all’Epifania 2018, quando per la Cavalcata dei Magi le figure in terracotta saranno sostituite da persone e animali viventi. l presepe è stato benedetto l’8 dicembre 2017 dal Cardinale Giuseppe Betori. Le statue, sotto una capanna di legno, che raffigurano la Sacra Famiglia, un angelo, il bue e l’asinello, sono state realizzate dall’artigiano Luigi Mariani della storica fornace di Impruneta di Angiolo Mariani e figli, la M.i.t.a.l., che le ha donate all’Opera di Santa Maria del Fiore. Come consuetudine anche all’interno della Cattedrale è stato allestito realizzato un presepe.unnamed-17

IL PRESEPE VIVENTE DI RUOTA

Tutto pronto per la ventottesima edizione del “Presepe vivente di Ruota”, uno degli eventi più importanti delle festività natalizie, che attrae visitatori da tutta la Piana di Lucca e dai territori limitrofi.L’appuntamento è per martedì 26 dicembre 2017 dalle ore 13.30 quando il borgo storico che sorge sul Monte Pisano farà un tuffo nel passato. La manifestazione è promossa dall’associazione culturale Presepe vivente di Ruota 1990 con il patrocinio della Regione Toscana e del Comune di Capannori e la collabora

presepe vivente di ruota.jpg

zione del gruppo medievale “Casteldurante” di San Cinese. Per tutto il pomeriggio i visitatori potranno ammirare le botteghe degli antichi mestieri, dove si terranno anche delle dimostrazioni. Le vie del centro saranno ricche di personaggi in costume, a cominciare dai Re Magi. Alle ore 15.30 ci sarà spazio anche allo spettacolo con il concerto “Natale Enjoy” con Paola Massoni soprano e direttore e il coro ed ensemble Kalliope Enjoy dell’Accademia della Voce Artistica Kalliope. Alle ore 17 Maria e Giuseppe inizieranno a cercare un alloggio porta per porta fino a quando alle ore 18 saranno i protagonisti della scena della natività. L’evento si concluderà alle ore 19.
Per accedere a Ruota, visto che il traffico e la sosta saranno interdetti, sarà disponibile un servizio navetta dal Frantoio sociale del Compitese a Pieve di Compito e dalla chiesa di Colle di Compito. Il costo biglietto d’ingresso, comprensivo del trasporto, è di 5 euro per gli adulti e di 2 euro per i bambini da 6 a 10 anni. Il ricavato sarà devoluto alla ristrutturazione del tetto della parrocchia. In caso di maltempo la manifestazione si svolgerà il 6 gennaio 2018. Per informazioni: Comune di Capannori ufficio cultura telefono 0583 428440 oppure, solo per il 26 dicembre dalle 9 alle 14, telefono 0583 979182, www.presepeviventeruota.it, www.comune.capannori.lu.it.

L’appuntamento fa parte di “La via dei presepi” che fino al 21 gennaio 2018 tutte le domeniche e il giorno di Befana offre la possibilità di visitare nelle abitazioni di Ruota rappresentazioni artistiche della natività oltre ad eventi speciali.

CASOLE D’ELSA: “PRAESEPIUM” CON 350 ATTORI E 30 SCENE

Il primo e più grande spettacolo open air dedicato alla Natività va in scena a Casole d’Elsa dove l’Associazione “CasoleEventi” firma e produce “Praesepivm”, in programma nel centro storico di Casole D’Elsa il 26 e 30 dicembre 2017 e il 1/6/7 gennaio 2018. Con il patrocinio di Regione Toscana e Comune di Casole D’Elsa. Una rappresentazione teatrale non stop all’aria aperta dalle 15,00 alle 19,00 che vede il paese trasformarsi diventando metà palcoscenico e metà dietro le quinte.

Regia di Luciana Calamassi, drammaturgia di Leonardo Ieva. Con gli attori, Alessandra Cerrato, Leonardo Ieva, Mirco Batoni. Scenografie di Luciana Calamassi, Betty Calamassi, Stefania Malevolti. Luci di Doriano Spinelli, Graziano Grassi. Costumi di Luciana Calamassi, Donatella Pacchierotti, Sibilia Franchi. Musiche e suoni di Massimiliano Benucci. Allestimento di Franco Giusti. Organizzazione di Giordano Malevolti. Tecnica di Loris Martellucci, Pierluigi Taddei, Andrea Pozzuoli, Luca Pini, Pierluigi Taddei e Stefano Milordini.

Una proposta che nei numeri ha uno dei suoi punti di forza. Ci saranno 350 tra attori e comparse che vestiranno circa 400 costumi realizzati interamente a mano. Il tutto sarà distribuito su una superficie di 30.000 metri quadrati. Ben 30 scene si svolgeranno in contemporanea, sia quelle classiche della natività che la riproduzione 1:1, quindi in dimensioni originali, di un vero e proprio villaggio dell’epoca. Ci saranno 100 animali vivi tra cui, cammelli, asini, pecore, galline e tanto altro. Il cibo sarà tutto vero e cucinato tutto sul momento. Ci sarà frutta fresca in grande quantità ad arricchire i banchetti. Il percorso completo riservato agli spettatori è di un chilometro e si snoda per le vie del centro storico di Casole D’Elsa. Per mettere in moto questa immensa macchina è prevista una squadra di 60 tecnici.

 

“Praesepivm” è l’evoluzione e la prima edizione in forma di spettacolo di un progetto di presepe vivente che si è svolto con cadenza biennale dal 1998.

Istruzioni per un buon uso di “Praesepivm”
Biglietto di ingresso: intero 11 euro, ridotto soci UniCoop Firenze 10 euro, bambini sotto 6 anni gratis, bambini dai 6 a 12 anni 5 euro.
Sito web: www.casoleventi.it.
Numero telefonico per informazioni: 3398596854.
E-mail: casoleventi@libero.it
Prevendita: ufficio turistico Casole d’Elsa uff_turistico@casole.it, telefono 0577948705 (chi acquista in prevendita avrà un accesso preferenziale).
Parcheggi: gratuiti con servizio navetta gratuito (le auto vengono fatte posteggiare a qualche chilometro di distanza dal centro, un bus navetta porterà gli spettatori nei pressi della biglietteria e li riprenderà all’uscita).

ROSIGNANO: UN PRESEPE STATICO E UNO VIVENTE

Inaugurato al centro “Le Creste” di Rosignano Solvay (saletta polifunzionale) il presepe realizzato dai consiglieri comunali di Rosignano con l’aiuto della signora Lina Prisco, che ha portato il contributo della tradizione partenopea. Il presepe resterà visibile fino all’Epifania, negli orari di apertura del centro culturale. All’inaugurazione hanno partecipato numerosi cittadini, la presidente del consiglio Caterina Giovani, l’assessora alla programmazione territoriale Margheria Pia, e i consiglieri Nicolò Bagnoli, Tommaso Carafa, Niccolò Gherarducci, Marco Nati, Alice Prinetti.

Martedì 26 dicembre 2017 (dopo la “prima” di domenica 24) torna il presepe vivente nel borgo di Rosignano Marittimo, organizzato dalla Pro Loco in collaborazione con il Comune. La manifestazione è giunta alla trentesima edizione. Per l’occasione il borgo medievale fa un balzo indietro nel tempo, calandosi nell’età romana: sulle vie lastricate si affacciano i fondi dove hanno sede le principali attività artigiane dell’epoca – dal fabbro al falegname, dall’arrotino all’impagliatore – che espongono oggetti e preparano alimenti tradizionali come castagne arrosto, polenta, biscotti, vino. Passeggiando per le vie si possono incontrare gli abitanti della cittadella, impersonati da circa 150 figuranti in abiti storici, intenti a svolgere le loro attività quotidiane, con gli animali e gli strumenti del tempo.
Il 26 l’appuntamento è dalle ore 15 alle 19. Per informazioni: Pro Loco Rosignano Marittimo, telefono 0586 792973, e.mail prolocorosignanomarittimo@gmail.com.
Visitare il borgo illuminato a festa nei giorni di Natale è l’occasione per ammirare anche il presepe animato dentro la Chiesa dei Santi Giovanni Battista e Ilario, realizzato da Adegano Frascini, e in piazza Carducci l’albero di Natale ispirato all’ambiente e al cambiamento climatico.

SAN MINIATO: IL PRESEPE ARTISTICO DI CIGOLI

Fino al 7 gennaio 2018 appuntamento tradizionale pressoil Santuario Madre dei Bimbi di Cigoli (San Miniato) con il presepe artistico che quest’anno è realizzato sul tema “Da Roma a Gerusalemme”. Il presepe misura  circa 160 metri quadrati nei quali il visitatore può immergersi tra luci e rappresentazioni in movimento. Il presepe è visitabile tutti i giorni dalle9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.30.

CONTIGNANO: TORNA LA SACRA RAPPRESENTAZIONE

A Contignano, in provincia di Siena, torna il presepe vivente. Appuntamento martedì 26 dicembre 2017 e il giorno dell’Epifania (6 gennaio 2018) dalle 16.30 alle 18.30. La rappresentazione vivente si svolge all’interno dello storico borgo. Gesù Bambino è interpretato dal più piccolo del paese, mentre altri bambini vestono i panni degli angeli. www.prolococontignano.it

EQUI TERME: LA TRADIZIONE DEL PRESEPE VIVENTE

Nella Valle del Lucido, a Equi Terme, ritorna secondo tradizione il presepe vivente. Tutto il paese viene coinvolto nell’allestimento, mentre nella Grotta si svolge la scena della maternità. La “prima” c’è stata il 23 dicembre, mentre per Santo Stefano (26 dicembre 2017) ci sarà la replica.

IN GIRO PER LA TOSCANA

Ma in tutta la Toscana sono numerosi gli appuntamenti con i presepi. Fra tutti sono dia citare quelli di Cerreto Guidi, fino al 14 gennaio 2018, lungo la Via dei presepi (nel centro storico dell località); in Mugello, a Palazzolo sul Senio, tornano i “100 presepi” allestiti ovunque in paese (fio al 6 gennaio); Via dei presepi anche a Castelfiorentino (60 presepi) fino al 7 gennaio; ha un’ampiezza di 60 metri quadrati il presepe (con maxi statuto) di Certaldo (fino al 7 gennaio presso la Limonata). A Badia a Settimo il presepe (fino al 7 gennaio) è realizzato nell’Abbazia di San Salvatore e San Lorenzo mentre presepi artistici si possono trovare anche a Oste, nei pressi di Montemurlo (fino al 2 febbraio nella chiesa di Oste), a Staggia Senese la chiesa ospita invece un presepe fatto con grandi statue meccanizzate; presepe monumentale (fino al 6 gennaio) anche a Sarteano mentre a Margiana (Camaiore) i personaggi indossano abiti antichi (fino al 6 gennaio).

Lascia un commento